Insegnami a PARLARE

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
San Miniato
Solidarietà
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Insegnami a PARLARE

Laboratorio di comunicazione CAA per bambini che non possono "PARLARE", affetti da patologie neurologiche.

Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Insegnami a PARLARE

Laboratorio di comunicazione CAA per bambini che non possono "PARLARE", affetti da patologie neurologiche.

Tutto o niente
Obiettivo: 10.000€

Laboratorio Comunicazione Aumentativa e Alternativa (C.A.A.)

Questo progetto è l’evoluzione naturale di un bisogno innescato dall’esigenza di poter comunicare con mio figlio.

Sono Cristiana Morelli, presidente dell'associazione Amici di Elia Onlus ed Elia è il mio bambino. È affetto da Paralisi Celebrale Infantile (PCI) dalla nascita, patologia che gli ha impedito un normale sviluppo neuro-motorio e non per ultimo di parlare. Per questo motivo, fin dai primi anni di vita la ricerca di come comunicare con lui è stata una priorità assoluta. Gli obiettivi erano semplici: fargli scegliere un gioco piuttosto che un altro, fargli decidere se andare a letto piuttosto che guardare la tv;  scelte che agli occhi della società sono scontate, ma che in persone con “Complessi Bisogni Comunicativi” sono la prima tappa di un percorso che ha come obiettivo l’indipendenza, intesa come libertà di poter scegliere per se stessi.

Tutto è cambiato quando ho realizzato che il suo interlocutore non sarei stata più soltanto io, ma tante altre persone in altrettanti contesti e proprio in quel momento ho sentito l’esigenza di essere aiutata a capire come poter riuscire ad aprire Elia al mondo.

Grazie ad un progetto C.A.A. strutturato su Elia, siamo riusciti ad impostare una comunicazione efficace, con l’obiettivo di sviluppare in lui maggiori competenze comunicative.

Da questa esperienza così importante, è nato: Insegnami a PARLARE, un progetto rivolto a tutti quei bambini con Complessi Bisogni Comunicativi, i quali come Elia, hanno non solo l’esigenza ma il DIRITTO di poter esprimere le loro intenzioni, autodeterminandosi nella vita.

Lo scopo del Laboratorio C.A.A. è quello di costruire competenze comunicative sia nella persona disabile che in quanti condividono il suo ambiente di vita, in quanto l’intervento, non viene rivolto solo alla persona con disabilità comunicativa, ma a tutti i suoi principali partner. La comunicazione, infatti, è un processo dinamico e interattivo, durante il quale i partner si influenzano reciprocamente. Per fare tutto ciò occorrono competenze e strumenti specifici per ogni step di grado e per ogni esigenza, perché ogni bambino ha i suoi tempi e il suo modo di comunicare.

Gli Amici di Elia Onlus si impegnano ogni giorno affinché questo diritto venga rispettato e pensiamo che la comunità di Eppella possa aiutarci ad informare, contribuendo alla riuscita del progetto.

Come utilizzeremo i fondi raccolti

Per realizzare il Laboratorio di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (C.A.A.) occorrono oltre a degli operatori con competenze professionali specifiche e con la volontà di una formazione continua nel tempo, strumenti specifici per ogni step di grado per poter rispondere alle esigenze di ogni bambino con “Complessi Bisogni Comunicativi”. Dopo un'attenta ricerca a livello internazionale da parte dell'Associazione coadiuvati dall'esperienza fatta con Elia, siamo arrivati a poter stilare una serie di ausili che compongono la base di partenza di un buon laboratorio pronto a prendersi carico dei bisogni e delle necessità dei suoi piccoli pazienti. Come sempre accade le spese da sostenere sono tante e fino ad oggi la volontà e la determinazione delle famiglie associate ci hanno permesso solo un approccio indiretto con alcuni strumenti (demo-software - video dimostrativi da parte dei fornitori) dei quali comunque abbiamo constatato le potenzialità. Ma adesso abbiamo bisogno del vostro contributo per poter far decollare il progetto e renderlo operativo al 100%.

Se volete approfondire ed addentrarvi nelle specifiche dei prodotti, oltre a contattarci direttamente tramite i nostri canali social e web, potete, tramite i link e i video sottostanti, farvi un'idea di cosa stiamo parlando.

Nello specifico questi link rappresentano i fornitori dai quali verrebbero ordinati i prodotti stessi, quindi ogni scheda-prodotto è corredata dal prezzo reale riportato sul grafico allegato.

Speriamo che la sincerità e la trasparenza con cui stiamo operando siano uno stimolo maggiore a contribuire attivamente al nostro progetto. 

Leonardo Ausili

Widgit/proxtalker

Chi sono gli AMICI DI ELIA ONLUS

Dall'esperienza personale della presidente Cristiana e del suo piccolo Elia, il 18 Novembre 2015, nasce l'associazione "Amici di Elia Onlus", la quale si adopera fin dal primo anno nella ricerca continua di nuovi percorsi rieducativi e riabilitativi rivolti ai bambini con disabilità nel territorio di appartenenza, San Miniato in provincia di Pisa. Crea subito una collaborazione con il Servizio Sanitario di zona (Ex ASL11) attivando il primo progetto in convenzione, "Elios", rivolto alle disabilità gravi con un percorso di arte e musicoterapia. L'anno successivo viene strutturato un "Doposcuola", dove varie attività come Arte-Terapia, Psicomotricità, corsi di cucina, magia, Pet-Therapy e Arti circensi fanno da collante ad un progetto rivolto al raggiungimento della maggiore autonomia possibile e al potenziamento delle abilità già esistenti, rispettando il diritto del bambino al gioco e allo svago. Siamo al 2018, anno della svolta per l'associazione, in quanto la stessa, decide di voler aprire un proprio spazio a San Miniato dove poter concentrare le proprie forze in favore dei propri scopi statutari e così inizia la ricerca. In contemporanea viene stipulata una convenzione con il Comune di San Miniato e l'I.C. Sacchetti per aprire un doposcuola specialistico all'interno della scuola stessa. Grazie anche ad un contributo Regionale nasce il progetto "Dire e Fare", pensato per gli alunni delle scuole primarie con difficoltà nel trovare un proprio metodo di studio o con disturbi e deficit specifici (BES, DSA, ADHD). Coadiuvati da tutor volontari, fatti formare ad hoc, il progetto trova riscontri positivi da parte delle famiglie dei bimbi interessati e dal plesso stesso, consolidando il pensiero dell'associazione di voler continuare su questa strada. Finiscono le scuole e finalmente apre il centro degli Amici di Elia - centro Ri.Educa, centro di riabilitazione e rieducazione per l'età evolutiva, dove l'esperienza maturata nel corso degli anni precedenti, da vita ad un insieme di servizi scelti con cura e attenzione in base, non solo alle necessità del territorio, ma anche ai servizi derivati dalla ricerca continua che guarda al futuro, all'innovazione e alla sperimentazione.

1568037012575937 logo tondo amici di elia

Un progetto a cura di

Amici di Elia Onlus

Viviamo in una società dove gli spazi che condividiamo sono stati conformati sulla base dei nostri limiti psicofisici. Intorno a noi, tuttavia, sono stati creati un gran numero di strumenti allo scopo di superare questi limiti. E’ dunque necessaria una riflessione riguardo alla possibilità di pensare una società dove i limiti siano superabili per tutti, anche per le persone disabili, in modo da dare anche a questi ultimi la possibilità di autodeterminarsi nella vita.

San Miniato