Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Monselice
Salute, Solidarietà, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Parvata - Anime del Nepal

Toccando il cielo, una mostra fotografica per ricostruire i villaggi distrutti dal terremoto

1.040€
Chiuso il 15 ott 2019
104%
1.000€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Parvata - Anime del Nepal

Toccando il cielo, una mostra fotografica per ricostruire i villaggi distrutti dal terremoto

1.040€
Chiuso il 15 ott 2019
104%
1.000€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Di cosa si tratta

Una mostra fotografica che racconta la vita nei villaggi lungo la via che porta alle pendici dell'Everest.

Il camminare lento mi ha permesso di cogliere il respiro affannato degli sherpa e le loro schiene piegate dal peso del carico. 

Ho sentito il vento che mi segnava il viso e che faceva muovere le preghiere scritte sulle bandiere colorate. 

Ho potuto ammirare l'imponenza e l'eleganza delle vette più alte del mondo e percepire la potenza della natura. 

Questa potenza si è manifestata anche con un terremoto che nel 2015 ha colpito questo paese distruggendo case, strade, scuole e lasciando moltissime famiglie senza un riparo, in un ambiente che non fa sconti a nessuno.

Con questa mostra, con il ricavato dalla vendita delle foto, vorrei aiutare chi è ancora senza una struttura fissa, chi vive ancora in baracche di lamiera e i molti bambini che per andare a scuola devono camminare ore, su sentieri impegnativi, per raggiungere quelle agibili.

Il ricavato della mostra fotografica sarà donato all'Associazione ASIA Onlus, la quale ha diversi progetti attivi in Nepal.

ASIA – Associazione per la Solidarietà Internazionale in Asia – è stata fondata nel 1988 dal prof. Chögyal Namkhai Norbu, ex docente di Lingua e letteratura tibetana presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” e tra i maggiori conoscitori al mondo della storia, della filosofia e delle tradizioni spirituali del Tibet.

E' attiva in diversi paesi del continente asiatico (Tibet, India, Nepal, Myanmar, Mongolia e SriLanka) e sono l’unica organizzazione italiana radicata e presente in tutte le regioni della Cina abitate dai Tibetani (Qinghai, Gansu, Sichuan e Regione Autonoma Tibetana).

Asia è un Organizzazione Non Governativa (ONG) riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri italiano fondata nel 1998, non profit e apolitica, è un’organizzazione indipendente.

Opera nel rispetto delle diversità culturali, interviene per valorizzare e salvaguardare le tradizioni locali, il patrimonio artistico e le scienze tradizionali e diffonderne la conoscenza nella società civile.


https://asia-ngo.org/

Come verranno utilizzati i fondi

Il ricavato di questa raccolta fondi sarà utilizzato per l'allestimento della mostra, la stampa delle fotografie e la loro successiva esposizione, per l'affitto della sala, per rendere unica l'esperienza dei visitatori, per avere una qualità di stampa eccellente per far si che vengano acquistate più foto e cosi da avere una somma generosa da donare poi per la ricostruzione e l'acquisto di arredi, cucine e materiale didattico.

Perchè una mostra fotografica?

La fotografia permette di fermare il tempo, di fermare un paesaggio, di fermare un volto. 

Quando scatti non puoi chiudere gli occhi e far finta di non vedere, vedi il mondo realmente, così com'è. 

Quindi la mostra fotografica ha proprio questo senso, mostrare, svelare questa realtà, rivelarla senza menzogna. 

La fotografia non mente, non mente nel far vedere che nel mondo c'è tanta bellezza, non mente quando fa vedere anche luoghi e vite che sono "distanti" dai nostri pensieri.

1566546276844832 eli 8164

Un progetto a cura di

Mattia Lazzarin, fotografo

Mi chiamo Mattia Lazzarin, son nato a Monselice (Padova) nel 1978.

Coltivo la passione per la fotografia fin dall'adolescenza. 

I miei soggetti sono le persone comuni che incontro nei miei viaggi, i paesaggi che mi fanno mancare il respiro, gli sposi nel loro giorno più bello, le mamme in dolce attesa e le anime dei bebè appena nati.

Monselice