Charlie regala sorrisi

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Craviano (Govone)
Solidarietà, Animali
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Charlie regala sorrisi

Accogliamo gli animali abbandonati per donare sorrisi ai bambini malati di cancro.

Tutto o niente
Obiettivo: 3.000€

Charlie regala sorrisi

Accogliamo gli animali abbandonati per donare sorrisi ai bambini malati di cancro.

Tutto o niente
Obiettivo: 3.000€

Di cosa si tratta

Le attività con gli animali hanno l’obiettivo di stimolare la partecipazione attiva dei bambini per implementare e rafforzare gli elementi psico-comportamentali di fondamentale importanza, come:

  • il senso del rispetto per l'animale, per se stessi, per gli altri, per l'ambiente;
  • la cura dei bisogni dell'animale, i propri e quelli degli altri;
  • l'attenzione verso i cicli vitali dell'animale, i propri e quelli degli altri;
  • l'apprendimento e la convivenza con la diversità degli animali e delle persone;
  • l'elaborazione del linguaggio verbale, a partire dai toni della voce;
  • la conoscenza diretta della natura.

Tramite le cure rivolte agli animali è infatti possibile sperimentare l’attenzione nelle relazioni, l'accudimento, il rispetto delle regole, con evidenti risultati in termini di autoefficacia e di accrescimento della consapevolezza delle proprie potenzialità. 

Il risultato finale è il miglioramento delle condizioni fisiche, cognitive, sociali ed emotive dei bambini coinvolti, osservabile nel cambiamento degli atteggiamenti e del pensiero. Sia i bambini che gli animali dipendono anche dagli altri per le loro funzioni fisiologiche e di sopravvivenza e sono in grado di percepire l’ambiente circostante esprimendo esternamente quello che sentono.

Al bambino viene richiesto di elaborare la relazione sviluppando così un lento e progressivo senso di responsabilità nei confronti dell’animale: dalla fase di compagni di viaggio si passa alla fase di fratelli maggiori e minori. 

Il tipo di relazione che lega il bambino all’animale è semplicemente fatta di amore: un amore che si estrinseca nel gioco, nella complicità, nella condivisione  di specifiche esperienze, nelle carezze, nella reciproca presenza, così come tra fratelli minori e maggiori con i primi che cercano nei secondi conforto e protezione ai propri bisogni e trovano negli sguardi reciproci un amore corrisposto. 

Semplicemente questa è l'essenza del nostro progetto.

Molte ricerche scientifiche hanno inoltre messo in evidenza come l’animale rappresenti per il bambino una sorta di ginnastica mentale, di ricostituente che permette di immagazzinare tutta una serie di modelli cognitivi da applicare poi alla realtà che lo circonda. 

In particolare è stato evidenziato il ruolo che un rapporto positivo del bambino con l’animale riveste, quello di facilitare la comprensione del diverso.

Come verranno utilizzati i fondi

Con questo progetto l’Associazione La Collina degli Elfi intende incrementare significativamente le attività e la qualità dei servizi prestati con la presenza di animali durante il soggiorno da parte delle famiglie.

Il progetto prevede uno sviluppo progressivo e incrementale, basato sull’ampliamento delle specie e del numero di animali ospitati, attualmente sei conigli, due galline, due pulcini, due cavalli, un'asina, due capre, due agnelli e una gatta.

E intendiamo proseguire: i nostri animali sono tutti salvati e prelevati dalle gabbie e dalle stalle di allevamenti che altro non hanno che la destinazione di un macello, da spazi angusti e limitati che inevitabilmente producono le tossine della sofferenza. 

Un animale che non è più ‘funzionale nè produttivo' allora è idoneo per essere ospitato alla Collina degli Elfi. 

Emblematica è la storia di Pioggia, cavalla di 16 anni che vive nelle nostre stalle fin dal 2010, affetta da una malformazione alle vie respiratorie che dopo le prime cure volte a bloccare l'evolversi della malattia, è stata impiegata in attività di ippoterapia con tutti i bambini e gli adulti presenti in Collina. 

L'estate del 2019 è stata la decima stagione di attività per Pioggia che ha ritrovato l'affetto e il calore dell'amore dei nostri giovani ospiti.

I fondi raccolti sono destinati alle cure di animali che non vogliamo che «invecchino» dietro le sbarre nella dolorosa attesa di una fine senza più gli affetti di persone che li accudiscano. 

Provvederemo al trasferimento, alle necessarie cure veterinarie, alla manutenzione e all’ampliamento dei recinti, al miglioramento degli spazi verdi e dei ricoveri a loro dedicati dove verranno nutriti, fatti correre, giocare e riposare.

Parimenti i fondi saranno utilizzati per le attività, a carico dei terapeuti, che si renderanno necessarie in base agli animali che saranno in futuro accolti.

L’amore per gli animali, l’accoglienza e la relazione di cura sono gli stessi elementi base – opportunamente rivisitati e adattati – che da sempre sostengono il Progetto di Collina.

L'intervento prevede un ampliamento delle aree destinate al libero pascolo, le cure veterinarie e una presenza per due interventi la settimana per un periodo di 12 settimane di terapeuti dedicati, per un totale complessivo di 24 Interventi Assistiti con Animali.

La realizzazione di questo progetto richiede un impegno minimo per sopralluoghi e per l'acquisto di materiale di consumo.

Chi c'è dietro al progetto

La Collina degli Elfi è un’Associazione di Volontariato senza fini di lucro che ha come obiettivo l’organizzazione e la gestione di un centro di recupero psico-fisico per bambini in remissione da malattia oncologica e per le loro famiglie. 

Ogni attività è autofinanziata e non utilizziamo fondi pubblici ma unicamente donazioni e offerte da parte di privati, inoltre destiniamo alle attività i proventi derivanti dall'organizzazione di feste ed eventi. 

E’ nata nel 2008 allo scopo di ospitare gratuitamente bambini malati di tumore e le loro famiglie, offrendo loro l’opportunità di attivare un processo di elaborazione del vissuto emotivo della malattia, stimolando il recupero della loro maggior sicurezza fisica attraverso attività ludiche e terapeutiche in un contesto di piena tranquillità e professionalità.

Vogliamo aiutare chi è stato malato a credere nella possibilità di vivere una vita come “tutti gli altri”, al tempo stesso le nostre attività rappresentano un’azione di prevenzione di malattie “secondarie” che colpiscono i familiari nella fase post-traumatica (ansia, depressione, attacchi di panico, malattie psicosomatiche più o meno gravi).

La permanenza dei bambini e delle loro famiglie per brevi periodi offre pertanto l’opportunità di iniziare la riconquista dell’infanzia rubata dalla malattia e scandita dai lunghi tempi di degenza in ospedale.

La Collina degli Elfi non è una struttura medicalizzata, ma i criteri di qualità e sicurezza sono garantiti da personale specializzato e figure assistenziali appositamente preparate. 

Alla Collina tutto ruota intorno alla famiglia: ogni nostra attività coinvolge i bambini, gli adulti - insieme o singolarmente - ed è pensata per mettere ogni singolo componente della famiglia al centro.

Nel corso del 2019 si sono tenute la dodicesima e tredicesima edizione dei corsi di formazione per Volontari per un totale complessivo di circa 400 Volontari formati e oltre 200 attivi.

1567160521746334 collina

Un progetto a cura di

La Collina degli Elfi

La Collina degli Elfi è un’Associazione di Volontariato senza fini di lucro, che ha come obiettivo l’organizzazione e la gestione di un centro di recupero psico-fisico per bambini in remissione da malattia oncologica e per le loro famiglie.


Craviano (Govone)