DE-NATURAZIONE: NATURE IS NOT YO...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Fivizzano (Ms)
Cinema, Arte, Ambiente
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

DE-NATURAZIONE: NATURE IS NOT YOUR TOY

Progetto artistico che coniuga scultura, fotografia e performance sensibilizzando sui temi ambientali e promuovendo la bellezza di un territorio unico

210€
-2 giorni
42%
500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

DE-NATURAZIONE: NATURE IS NOT YOUR TOY

Progetto artistico che coniuga scultura, fotografia e performance sensibilizzando sui temi ambientali e promuovendo la bellezza di un territorio unico

210€
-2 giorni
42%
500€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

DE - NATURAZIONE_NATURE IS NOT YOUR TOY

Il 18 agosto 2019 immersi nello scenario paesaggistico delle Marmitte dei Giganti di Mommio nel Comune di Fivizzano MS ha preso vita un progetto artistico e ambientale evocativo e bellissimo a cura di Angelica Polverini e realizzato attraverso due performance che hanno accompagnato l'installazione di 111 calchi di cavolo romanesco, opere di Francesca Amadeo. 

Scopo dell’evento è sensibilizzare sui temi ambientali usando un progetto artistico d'eccellenza. 

I video e le foto artistiche hanno la duplice funzione di creare opere d'arte distinte e mostrare le bellezze del territorio di Fivizzano.

Il video d'artista realizzato da Giulia Santabarbara di Enfasi Design e le foto di Serenella Volpe e Daniele Ussi, riprendono l'intera successione di performance altamente simboliche che raccontano come siamo giunti a un tale livello di inconsapevolezza ambientale. Le artiste Francesca Amadeo in veste di alchimista, Manuela Maroli rappresentante l'umanità con la sua veste color porpora ed Erica Gornati, moderna madre terra e coscienza collettiva avvolta dal drappo bianco, hanno interagito con i cavoli de-naturati e con un gruppo di figuranti per raccontare con i loro gesti questa avvilente storia.

Il progetto pone al centro dell'interesse i calchi de-naturati e ripieni di microplastiche, mozziconi e polistirolo per sottolineare quanto l'inquinamento sottile e invisibile ormai abbia contaminato il nostro cibo, il nostro intero mondo.

Le riprese video di Diego Biancani e Massimiliano Centofanti di Loppiedo Film svelano il making of di tale progetto, dove tutta la troupe si è arrampicata su canyon e ripe di un torrente e calata nelle acque gelide per mostrare la bellezza incontaminata del territorio fivizzanese e dare la massima potenza evocativa alle immagini. 

Vogliamo portare questo progetto in altri luoghi, installare i cavoli in altri scenari naturali incontaminati e creare un tour di spostamenti attraverso l'Italia mostrando tanti luoghi da preservare come scenografia all'installazione dei cavoli. 

Ma in prima battuta, desideriamo partecipare a fiere ed esposizioni artistiche come Paratissima per mostrare il risultato di ciò che abbiamo compiuto per primo a Mommio in una terra a ridosso di due parchi naturali e tre regioni geografiche. 

Attendiamo anche il tuo sostegno! Grazie

A cosa servono i fondi richiesti

I costi maggiori previsti sono quelli di ripresa, shooting ed editing, post produzione del video, i rimborsi spese di viaggio e pernottamento di tutti gli artisti, i materiali di realizzazione, l'uso delle attrezzature tecniche, stesa cavi, prolunghe, batterie, teli e tuniche, cibo e acqua durante le riprese.

Le fotografie di Serenella Volpe e Daniele Ussi nonché i video delle performance sono opere artistiche che rimarranno a completa disposizione degli enti territoriali, nei propri canali web e in loop presso le sedi, ma allo stesso momento si costituiranno come opere libere degli artisti e pertanto saranno oggetto di circolazione presso mostre nazionali e internazionali. 

I calchi di Francesca Amodeo, come opere libere di proprietà dell’artista, saranno oggetto di seguenti esposizioni, dove le fotografie e le riprese video dell’evento performativo del 18 agosto 2019, creeranno il precedente storico al valore aggiunto dell’opera in sé. 

Abbiamo necessità di pubblicare sul web e in cartaceo la spiegazione dell'intero progetto e le motivazioni che ci hanno spinto a crearlo. Stamperemo gli scatti fotografici più significativi e trasporteremo i cavoli dovendo noleggiare un furgone.

Siamo certi che venire a conoscenza dei cavoli, delle performance e dell'inquinamento sottile porti chiunque a interrogarsi sul proprio ruolo nella salvaguardia dell'ambiente e quantomeno ogni fumatore a pensarci due volte prima di lanciare un mozzicone nell'ambiente.

Chi ha preso parte a questa follia

L'installazione e l'idea originale si basa sull'opera di Francesca Amadeo, i suoi Casts sono 111 cavoli romaneschi in gesso ripieni di polistirolo, plastica e mozziconi di sigaretta.

Le due performance sono state realizzate dall'artista torinese Manuela Maroli e dall'artista milanese Erica Gornati.

Il progetto fotografico creativo è di Serenella Volpe, le foto del making of di Daniele Ussi.

Le riprese video sono ad opera di Giulia Santabarbara di Enfasi Design e Diego Biancani e Massimiliano Centofanti di Loppiedo Film.

Il progetto artistico è a cura di Angelica Polverini.

1564522465114210 52508015 2878985342115196 4849272390787530752 n

Un progetto a cura di

Angelica Polverini

Sono una storica dell'arte, docente di storia dell'arte moderna e contemporanea e saggista, mi occupo di analisi filosofica e antropologica delle opere d'arte. Approfondisco il rapporto tra lo sguardo, l'ambiente e i segni del territorio. 

Sono fondatrice e presidente dell'Associazione culturale Moving Mirror con sede a Torino. 

Fivizzano (Ms)