La biblioteca ritrovata

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Europa
Tecnologia, Editoria, Cultura
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

La biblioteca ritrovata

Uno spaccato di vita culturale nell’Italia di fine Cinquecento

7.150€
-20 giorni
143%
5.000€
10.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

La biblioteca ritrovata

Uno spaccato di vita culturale nell’Italia di fine Cinquecento

7.150€
-20 giorni
143%
5.000€
10.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Di cosa si tratta

“La biblioteca ritrovata” è un progetto al quale i due promotori Alessandra Panzanelli e Augusto Cherchi lavorano da tempo e consiste nella ricostruzione virtuale di una tra le più importanti biblioteche private del ’500 e delle storie che intorno a essa si innestarono dagli anni della fondazione (collocata intorno al 1550) fino al 1630. Quello che emerge da questa ricostruzione è uno spaccato di vita sociale e culturale nell’Italia del tardo Rinascimento, in cui si riflettono le abitudini di lettura e i modelli di pensiero di un folto gruppo di personaggi, letterati e cardinali, studenti e frati, nobildonne e artisti. 

La biblioteca è quella di Prospero Podiani, divenuta, per volontà dello stesso collezionista, la Biblioteca comunale Augusta di Perugia. Numerose sono le pubblicazioni che si sono occupate della vicenda e, delle più recenti, molte sono di Alessandra, il che permette al progetto di basarsi su una solida competenza di dominio. Obiettivo del progetto è quello di valorizzare quanto già è stato raccolto per portarlo in un ambiente di fruizione digitale e metterlo in relazione con i contribuiti provenienti da nuove ricerche, offrendo così la possibilità di accogliere altri contributi, attraverso una partecipazione che può provenire dagli stessi utenti. Nella fruizione integrata dei materiali raccolti un aspetto molto importante è rappresentato dal trattamento che si vuole applicare alla documentazione ancora inedita, o parzialmente edita, per la quale si sperimenterà una forma di edizione innovativa che, sfruttando appieno l'ambiente digitale, mira a restituire bene il potenziale informativo contenuto nei documenti. 

L’obiettivo è dunque la realizzazione di un progetto editoriale capace di coniugare uso esperto delle tecnologie dell’ICT, rigore per il metodo e le responsabilità di un attività di ricerca, gusto del racconto. Lo scopo diventa allora sperimentare la fruizione ai diversi livelli, testando la capacità di comunicare contenuti culturali verso un pubblico il più possibile vasto, senza rinunciare al rigore scientifico. Affrontato in questa chiave il progetto allarga i suoi orizzonti ponendosi l’obiettivo di trasformare un caso di studio in un modello potenzialmente replicabile, su contenuti diversi, che si baserà su una piattaforma editoriale sviluppata con strumenti open source, orientata a garantire l’interoperabilità tra sistemi informativi dedicati alla gestione dei patrimoni culturali, nel rispetto dei principali standard internazionali di riferimento.


Come verranno utilizzati i fondi

I contributi raccolti andranno a coprire parte dei costi di realizzazione della piattaforma di gestione dei contenuti e della progettazione e realizzazione dell’uscita pubblica del progetto sulla rete internet. È prevista inoltre un’attività di informazione  e di presentazione pubblica del progetto che porterà alla produzione di strumenti di comunicazione tradizionali, ricercando per questa via di sperimentare l’elaborazione di strategie editoriali e di comunicazione capaci di attraversare i diversi media.

Chi c'è dietro al progetto

La scelta di utilizzare lo strumento del crowdfunding per sostenere il progetto è legata a due motivazioni: un’occasione e una convinzione. 

L’occasione è data dalle nozze dei due protagonisti Alessandra Panzanelli e Augusto Cherchi che, a forza di condividere idee e  progetti, hanno deciso di condividere anche la vita. 

La convinzione è che nel tempo in cui viviamo sia necessario produrre contenuti culturali di qualità che sfruttano appieno le potenzialità dei nuovi media, accettando la sfida di utilizzare le nuove tecnologie non per ripetere con strumenti più moderni vecchi percorsi ma per costruire nuovi scenari e proponendo prodotti innovativi, valorizzando infine le professionalità. E perché questo possa accedere è necessario poter contare sul sostegno di una comunità di supporto e con cui si deve costruire un dialogo. In questi giorni ci è parso naturale pensare di rivolgerci alla comunità tutta speciale composta da quegli amici e quelle persone care che avremo o che avremmo voluto con noi in un giorno importante. 

Ovviamente non è preclusa la partecipazione di chiunque si riconosca nelle linee generali del progetto. A tutti un grazie anticipato e l’impegno a tenere informati personalmente sulle sorti dell’impresa nonché l’invito a tutti gli incontri di presentazione che saranno organizzati ovunque in Italia e nel mondo.

1559649414301619 20180811 122659

Un progetto a cura di

Alessandra e Augusto

Alessandra Panzanelli PhD in Scienze bibliografiche e in Storia. Studia la storia del libro, delle biblioteche e delle università (i mezzi e i luoghi della produzione culturale) nel periodo del lungo Rinascimento (1350-1650).

Augusto Cherchi Di formazione storico, archivista e bibliotecario. Dopo un decennio di ricerca storica, nel 2000 fonda Alicubi, agenzia giornalistica, editoriale e di gestione documentale, al centro della cui attività è il rapporto tra progettazione culturale e nuove tecnologie.

Seguici su

Europa