#RobotFriend

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Milano
Tecnologia, Solidarietà, Civico
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

#RobotFriend

Laboratorio di Robotica

9.730€
194%
|
-16 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

#RobotFriend

Laboratorio di Robotica

9.730€
194%
|
-16 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

Laboratorio di robotica

L'obiettivo è quello di sviluppare un laboratorio di robotica in cui bambini normalmente e diversamente abili si possano incontrare intorno al Robot e, attraverso il gioco, divertirsi, apprendere e socializzare favorendo al contempo anche l'educazione alla diversità.


IL TEST INIZIALE

Abbiamo dapprima eseguito dei test organizzando un evento di una mezza giornata, in cui bambini normalmente abili e diversamente abili (affetti da sindrome autistica) hanno potuto incontrare un robot e fare la sua conoscenza. Questo esperimento ha permesso di misurare il livello di interazione che si è venuto a sviluppare, dando anche delle indicazioni su potenziali futuri sviluppi. Il video mostra come l’interazione venga inizialmente guidata: i bambini vengono fatti avvicinare a turno al robot e leggono delle domande predefinite. I bambini diversamente abili, che non hanno sufficiente autonomia, sono accompagnati e supportati da bambini abili così che fra gli stessi piccoli si viene a creare un momento di socializzazione e di arricchimento in termini di educazione alla diversità. 


I GIOCHI: #COLORQUIZ

Abbiamo successivamente messo sullo stesso tavolo ingegneri, psicologi ed educatori. Facendo anche tesoro del test iniziale,  si è deciso di mantenere per i giochi da erogare attraverso il robot un livello medio basso, cosi da renderli fruibili ai bambini autistici, ma al tempo stesso attraenti, attraverso l'attribuzione del ruolo di tutor,  anche ai i bambini normalmente abili. 
Abbiamo poi sviluppato un primo gioco denominato #ColorQuiz, che prevede una prima parte dove i bambini sono chiamati a giocare e a scoprire attraverso il robot i colori primari e secondari. Il gioco prevede anche una seconda parte in cui i bambini scoprono i colori del mondo che li circonda rispondendo ad una serie di domande formulate dal robot, che proporrà loro una serie di contenuti multimediali. 


L'AMORE CHE COLORE HA?

E' l'ultima domanda che il Robot propone ai bambini e che lancia il video dell'omonima canzone di Greta Ray, una giovane modella e cantante che fa da madrina alla nostra iniziativa e che in più di un'occasione ha sostenuto le nostre iniziative a favore dell'Autismo.

IL TEAM

#ColorQuiz nasce da un'idea di Andrea Buragina, quella di far scoprire ai bambini il mondo che li circonda attraverso i colori. Si tratta del primo gioco ideato e pensato dalla B corp LORF, con l'obiettivo di poter essere veicolato ai bambini sia normalmente che diversamente abili attraverso uno strumento formidabile: il Robot umanoide. L'idea sottostante il progetto #RobotFriend è, infatti, quella di creare un laboratorio di Robotica aperto a Tutti, dove attraverso il gioco, si vuole promuovere la socializzazione, l'inclusione e l'apprendimento.
Alla strutturazione di questo gioco ha lavorato un Team, coordinato da Andrea e composto da una psicologa, Claudia Bordicchia, esperta in Psicopatologia dell'Apprendimento, un tecnico, Ewerton Lopes S. de Oliveira, che vanta una consolidata esperienza nell'ambito della robotica, oltre ad un esperto in comunicazione digitale, Michele Berra, da sempre attento a tematiche sociali. 

Come verranno utilizzati i fondi

Le risorse verranno impiegate per l'acquisto del robot umanoide Pepper, attraverso il quale, si intende erogare il gioco #ColorQuiz e gli altri giochi  che verranno successivamente implementati

Il Pepper è il robot ideale per le nostre finalità e ha un costo di poco superiore a Euro 20.000, che è il nostro reale target di raccolta. Qualora non riuscissimo a raccogliere le risorse sufficienti, ci indirizzeremo sul Robot Nao, che utilizza la medesima piattaforma di programmazione e su cui è stato tarato il target di raccolta. 

Il Robot ha una forma simile a un giocattolo e dunque cattura subito l’interesse del bambino e crea un canale di comunicazione diretta con lui. Poiché il robot non tradisce emozioni, non cambia espressione vocale o facciale, facilita la concentrazione per i bimbi autistici, che sono ipersensibili agli stimoli esterni e timorosi delle reazioni umane. Il Pepper si contraddistingue inoltre per la presenza di un Tablet, che consente di dare valore aggiunto all'interazione in virtù dei contenuti multimediali che permette di veicolare.

Prodotto dalla multinazionale giapponese Softbank Robotics, Pepper è il primo e più avanzato robot umanoide capace di interagire e di rispondere alle richieste dell’utente, e, grazie ad un complesso algoritmo, di riconoscere e reagire proattivamente alle emozioni umane entrando in relazione con l’interlocutore. Un’interfaccia di alto livello e un sistema di intelligenza artificiale (AI) cloud-based gli permettono di comunicare con chi gli sta intorno, analizzando la gestualità, l’espressione e il tono di voce.qui il testo. 


Robot Nao si muove invece grazie a 25 gradi di libertà e due videocamere che gli consentono di interagire con l’ambiente circostante, una unità inerziale che gli consente di sapere se è seduto o in piedi. Dispone inoltre di nove sensori tattili e di otto sensori di pressione per sentire se lo tocchiamo, quattro microfoni direzionali per ascoltare, sensori a ultrasuoni e infrarossi. Nao parla grazie al suo sintetizzatore vocale e speakers ad alta fedeltà.

LORF S.B. S.R.L.

LORF è una start-up innovativa fondata nel giorno di San Valentino 2017 ed è anche una società Benefit, impegnata in azioni e progetti  a sostegno delle persone autistiche e delle loro famiglie. 

Accreditatasi come B corpLORF è stata premiata al B Corp Italian summit 2018 di Bologna come Best For Italy 2018 - miglior impatto Comunità, avendo conseguito il punteggio più alto nell’area comunità del BIA (Benefit Impact Assessment), un rigido protocollo che misura le performance economiche, ambientali e sociali di un’azienda.

LORF  ha lanciato l’App loveorfriends, uno strumento che favorisce la socializzazione, promuovendo incontri nel mondo reale con i propri amici; l’obiettivo è invitare le persone a passare sui social network il tempo strettamente
necessario per darsi appuntamento nel mondo reale
. L’App loveorfriends nasce, infatti, come strumento per giocare e divertirsi con i propri amici di Facebook: si decide Who (Chi), Where (dove) e When (quando) e si invitano i propri amici in locali legati al mondo del food. Il motivo? Un pranzo, una cena o un aperitivo insieme. La cosa importante è incontrarsi e farlo nel mondo reale, mettendo da parte, almeno per un momento, i vari social network.

In questa direzione va anche #WorldFriend, la campagna recentemente lanciata da LORF che vuole sottolineare l’unicità dei momenti vissuti nella vita reale e l’importanza di vivere il mondo reale.

Tra le sue attività LORF ha ideato e promosso il progetto HomeMate, che utilizza la tecnologia per innalzare il livello di autonomia delle persone con Autismo e migliorarne la qualità di vita, e ha realizzato, a supporto, il video, “Did you know Autistics Change the World?”, che partendo da personaggi autistici che hanno fatto la storia dell’umanità o indotto cambiamenti epocali, si pensi ad Einstein o a Mozart, illustra non solo cosa è l’Autismo, ma anche il potenziale onere finanziario a carico della comunità in futuro.

Con l’obiettivo di far conoscere le potenzialità in termini di socializzazione di un Robot umanoide e i suoi utilizzi a servizio della persona e della comunità, LORF ha ideato e lanciato il Contest #RobotFriend, facendo diventare  loveorfriends la prima app al mondo che ha permesso ad i propri utenti di incontrare e interagire con un Robot umanoide.

L'obiettivo è ora dare a #RobotFriend una declinazione pratica.


Greta Ray

Greta Ray è una modella professionista, cantante e attrice. La sua passione per la moda inizia fin da piccola, posando per diverse campagne pubblicitarie.
Nel 2015 conosce Martin Moog e Massimiliano Cenatiempo che successivamente diventano il suo produttore e manager ed insieme fondano la casa di produzione MMG Trend Production.
In soli 4 anni Greta posa per oltre 450 shooting fotografici in Italia e all’estero per famosi brand, uscendo successivamente su magazine, settimanali e quotidiani nazionali ed internazionali.
Nel 2017 esce il suo primo singolo “Il mio domani”, in seguito “A Roma un venerdì”, “Vista mare”, che raggiungono complessivamente oltre 2.700.000 visualizzazioni su YouTube. In ultimo, “L’amore che colore ha” si classifica al primo posto su Google Play tra i brani più venduti durante la settimana del Festival di Sanremo. 
L’anno prossimo Greta sarà protagonista di un film che andrà al cinema, di una serie tv ed è in progetto la realizzazione di un album con nuovi brani inediti.

1562484064812615 d8f89755 b1f6 4833 88e7 3fbde113ec3a

Un progetto a cura di

Andrea Buragina

Co-founder della start-up innovativa B-corp LORF, ingegnere prestato alla finanza, amante delle tecnologia e papà di un bambino autistico. 

Milano