L'ultima partita di Pasolini

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Cultura, Cinema
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

L'ultima partita di Pasolini

14/09/1975 Vecchie Glorie Samb vs. Nazionale Artisti. Nulla di particolare se non fosse che fu l'ultima partita giocata da Pasolini prima di morire.

1.220€
-9 giorni
24%
5.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Tutto o niente

L'ultima partita di Pasolini

14/09/1975 Vecchie Glorie Samb vs. Nazionale Artisti. Nulla di particolare se non fosse che fu l'ultima partita giocata da Pasolini prima di morire.

1.220€
-9 giorni
24%
5.000€
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Tutto o niente

L'ultima partita di Pasolini merita di essere raccontata

Il 14 settembre 1975 Pier Paolo Pasolini gioca la sua ultima partita di calcio prima di morire in quel tragico 2 novembre. Lo fa a San Benedetto del Tronto, dove il suo amico Ninetto Davoli soggiorna per girare il film "Il vizio ha le calze nere".

Il documentario parte dalla meticolosa ricerca del filologo Francesco Anzivino e ripercorre quella partita tra Vecchie Glorie della Sambenedettese e Nazionale Cantanti. Una storiache si dipana tra sosia di Yul Brynner, lungomare cementificati, nuclei armati delle Brigate Rosse e un senso di sconfitta che aleggia sul principale protagonista di quella partita, sulla città che lo ospita e sulla nazione intera.

"L'ultima partita di Pasolini" parte dal pretesto della partita di calcio per raccontare un periodo storico molto importante per l'Italia intera, con le sue contraddizioni e le sue tragedie, e per racontare un lato del poeta e regista friulano apparentemente frivolo e giocoso, ma che ci permette al contempo di conoscere ancora meglio questa figura così importante per il '900 italiano.

Come verranno utilizzati i fondi

Il vostro sostegno ci permetterà di acquisire i diritti su filmati Luce e immagini Getty Images FONDAMENTALI per la narrazione del progetto.

Questi video e queste foto hanno un costo notevole e per affrontare questa spesa abbiamo bisogno di tutto il vostro supporto!


Chi c'è dietro al progetto

Il documentario è nato da un'idea di Francesco Anzivino, filologo e professore sambenedettese, da sempre appassionato di storia locale.

Francesco è anche amico di Giordano Viozzi, regista e titolare della casa di produzione Sushi Adv. Una volta condivisa la storia con lui, farne un documentario è stato immediato.

Ma non facile. 

Ci sono voluti 5 anni per arrivare ad un buon punto nella produzione; la post-produzione è dietro l'angolo e a questo punto entrate in gioco voi!

Nel frattempo vi dico che Giordano Viozzi ha 39 anni e da 10 anni si occupa di produzione video in ambito documentaristico, tv e sopratutto commerciale. Ha girato diversi spot, videoclip, cortometraggi e alcune serie web. Questo è il suo primo lungometraggio documentario. Allego lo showreel 2018 di Sushi Adv.

1553012683011671 avatar twitter

Un progetto a cura di

Giordano Viozzi

Mi chiamo Giordano Viozzi e da 10 anni sono titolare della casa di produzione video Sushi Adv.

Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione all'università di Macerata e il Master in relazioni pubbliche a Roma, decido che la mia vita deve passare attraverso l'obiettivo di una telecamera.

Dopo alcune esperienze lavorative a Roma e Milano, nel 2009 torno nelle Marche e fondo Sushi Adv. con la quale realizzo produzioni video eterogenee.

Ecco uno showreel:


Italia