WaWord App rompere l'isolamento ...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Salute, Solidarietà, Tecnologia
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

WaWord App rompere l'isolamento dei pazienti oncologici

WaWord è una social App che favorisce il networking e la comunicazione tra pazienti oncologici che vivono il medesimo percorso.

4.700€
94%
|
-26 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

WaWord App rompere l'isolamento dei pazienti oncologici

WaWord è una social App che favorisce il networking e la comunicazione tra pazienti oncologici che vivono il medesimo percorso.

4.700€
94%
|
-26 giorni
+ 5.000€
MSD Crowdcaring
Contribuisci

WaWord App

WaWord è una social App per networking di pazienti adulti oncologici, in cura, cronici o guariti.

L’App facilita la condivisione e lo scambio di esperienze, di informazioni e suggerimenti o anche il semplice confronto e conforto in un ambiente fortemente empatico, essendo costruito dalla community stessa, sulla base di una semplice equazione: "non c’è nessuno che può capirti meglio di colui che sta vivendo la tua stessa esperienza”.

Il principio dell’App ruota attorno al tema della connessione e del dialogo per ridurre il senso di solitudine, spesso associato al difficile percorso di un paziente oncologico, fuori dalle strutture sanitarie. 

Facendo leva su una interfaccia semplificata, un ambiente protetto e dedicato, e sul fatto che sempre più adulti in una ampia fascia di età, oggi, utilizzino i servizi mobili, WaWord App si pone l’obiettivo di rompere i tabù e l’isolamento che ancora ruotano attorno alla malattia oncologica in Italia e trasmettere il calore (Warmth) attraverso la parola (Word) di cui ogni paziente oncologico ha bisogno .



Come verranno utilizzati i fondi

I fondi raccolti dalla campagna di crowdfunding saranno utilizzati per avviare lo sviluppo dell'APP per dispositivi mobili multipiattaforma.

Nell' App saranno incluse le seguenti funzionalità/schermate:

  • Schermata di registrazione 

  • Schermata utente

  • Schermata chat 

  • Schermata bacheca lite

  • Schermata matching, una semplice schermata che mostra la lista degli utenti compatibili al tuo profilo (caratteristiche simili). Da questa schermata è possibile aprire una chat con la persona filtrata.

 

Inoltre, una parte di questi fondi sarà utilizzata allo scopo di promuovere l'App e per azioni di marketing.

Al raggiungimento di predefiniti Stretch Goals sarà possibile implementare nuove funzionalità.

La distribuzione dell'App sarà gratuita.

Com'è fatta WaWord App

WaWord App è progettata in modo molto semplice ed intuitivo, ecco le principali funzioni: 

Schermata di registrazione :è sufficiente un nickname e la tua  e-mail. Per completare il profilo sono richieste poche informazioni e puoi decidere se inserire qualcosa che racconti un po' più di te (es. link alla tua pagina web).

Schermata utente: Il profilo utente ha una interfaccia semplificata e funzioni essenziali, quali Ricerca di Utenti, Chat, Bacheca pubblica.

Schermata matching: la lista mostra gli utenti con il profilo più simile a quello ricercato. Cliccando sul nome dell’utente puoi accedere alla sua pagina e iniziare a chattare.

Parlano di WaWord App su:

Parlano del progetto a Wired Italia! Let's start!

Let’s start! Partita la prima campagna di di , iniziativa di e per l’ e la cultura della cura partecipata. 

"Sono una biologa e per me il era una cellula impazzita da studiare in provetta, fino a quando non è diventato un nemico per le persone care intorno a me. Allora mi sono chiesta se potevo fare qualcosa di più”

Sostieni il progetto!

Chi c'è dietro al progetto

Ciao, sono Fernanda, ho 43 anni e sono una biologa con un dottorato in biofisica molecolare. Nella vita mi occupo di ricerca medica. La mia passione mi ha portato a lavorare in Istituti Scientifici di rilievo. Da 15 anni divido le mie giornate tra studio, beute, microscopi e robot per studiare nuove cure per le malattie umane, prima tra tutte il cancro. 

Oggivorrei dare il mio supporto anche per curare l'aspetto più emotivo e comunicativo della malattia con questa social App per pazienti oncologici.

Come supportare il progetto

Prima di poter sostenere il progetto, se non sei già iscritto ad Eppela, occorre effettuare l’iscrizione, in modo facile e veloce, ecco come:

Clicca su Accedi / Registrati in alto a destra ed inserisci nome, cognome, indirizzo e-mail e una password di tua scelta

- Supporta la mia campagna cliccando sul tasto "Contribuisci" sotto il titolo della scheda progetto, oppure selezionando direttamente una ricompensa fra quelle proposte;

- scegli il metodo di pagamento: carta di credito o bonifico bancario estero;

- Compila il form inserendo i dati sulla carta di credito 

oppure 

- con i dati relativi al bonifico bancario in caso di offerte uguali e/o superiori a € 25 - il bonifico bancario è estero;

Clicca su "Contribuisci" e avrai ufficialmente sostenuto il progetto di crowdfunding!

In caso di problemi, puoi sempre contattare me all'indirizzo: fe.ricci75@gmail.com o l’assistenza clienti di Eppela all'indirizzo: customer@eppela.com


Nel caso che la campagna non arrivasse a buon fine i fondi raccolti allo scadere dei 40 giorni di crowdfunding torneranno in automatico sulle carte di credito o conto corrente dei contribuenti senza alcun addebito

1552298797657683 schermata 2019 03 11 alle 11.02.39

Un progetto a cura di

Fernanda Ricci

Biologa, con un dottorato in Biofisica Molecolare, più di 15 anni di esperienza nella ricerca medica. 

"All'inizio il cancro era solo una malattia da studiare sul bancone,  poi è apparso, nella vita reale colpendo persone vicine a me, anche nell'affetto. Questo progetto nasce con l’intenzione di dare un semplice supporto per rompere quel senso di isolamento che può crearsi durante il percorso del paziente oncologico, quando si ritrova a tu per tu con la malattia, una volta fuori  delle strutture ospedaliere".

Seguici su

Italia