Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Merano - Trentino Alto Adige
Cultura, Musica, Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Confini - Grenzen con Beppe Corna e Alps Move

Dipinti e sculture di Beppe Corna in esposizione a Merano. Creazione di un'opera d'arte, con i volti dei sostenitori, che resterà al Comune di Merano.

770€
Chiuso il 09 apr 2019
128%
600€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Confini - Grenzen con Beppe Corna e Alps Move

Dipinti e sculture di Beppe Corna in esposizione a Merano. Creazione di un'opera d'arte, con i volti dei sostenitori, che resterà al Comune di Merano.

770€
Chiuso il 09 apr 2019
128%
600€
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo

Tutto o niente

Mostra personale di Beppe Corna

CONFINI – GRENZEN”

Dipinti e sculture

di

Beppe Corna

E la realtà umana percepita e scavata, incisa nei volti-ritratti dell'assenza di Beppe Corna, è massima espressione di ambiguità, di questo continuo oscillare umano tra la verità della menzogna e menzogna della verità”

Monique Sartor - tratto dal catalogo della personale dell'artista presso la galleria Enrico Gariboldi – Largo Richini, 4 – Milano

Il progetto riguarda una mostra personale dell'artista, curata da Maurizio Schiavo, che nasce dalla consapevolezza del confine, inteso non solo come linea che delimita uno stato, un continente o una stanza ma anche o soprattutto come limite della nostra libertà o della nostra mente.

La mostra sarà allestita nella sala esposizioni dell'edificio delle vecchie terme di Merano, via Huber 8, dal 13 al 20 di ottobre 2019 e ospiterà,  per l'inaugurazione, uno spettacolo di teatro danza per l'edizione Alps Move 2019.

Sarà proprio la danza e non le parole ad accompagnarci nella comprensione delle discrasie in cui l'artista fonde e auto-vanifica i confini comuni per la coscienza dell'ineluttabile, dell'impossibile, dell'enigmatico. Sarà essa stessa il confine che segna la fine della danza e l'inizio della pittura/scultura, che si confonde e si scioglie in un abbraccio. L'arte non può avere confini di espressione, ma vale solo per quello che esprime.

Il progetto contempla inoltre la realizzazione di un'opera d'arte che avrà come soggetto chiunque voglia farne parte.

Con le foto personali che i sostenitori del progetto vorranno spedire via mail (schiavomaurizio@yahoo.it), l'artista realizzerà, infatti,  un'opera che sarà esposta in occasione della mostra e successivamente donata al museo del Comune di Merano.

L'interesse dell'artista va verso un'analisi psicologica del volto umano che viene analizzato come reperto. Il taglio è fotografico, vale a dire surreale. 

La biografia dell'artista è veramente ricca. Ha fatto molte personali sia in Italia che all'estero, ha partecipato anche a numerose collettive e concorsi vari nei quali spesso ha vinto il primo premio.

Curatore M. Schiavo - associazione Tanzschmiede/Fucinadanza

La mostra viene organizzata da Maurizio Schiavo in collaborazione con l'associazione culturale Tanzschmiede/Fucinadanza di Merano. 

L'idea trae spunto dalla situazione politica e sociale attuale e risponde al desiderio di fare incontrare e dialogare forme diverse d'arte. L'intento è quello di accompagnare l'appassionato dell'arte pittorica nel mondo della danza e viceversa, perchè l'arte non può avere confini, non può essere classificata. L'arte deve spaziare, per trarre nuovi stimoli e crescere.

Quindi saranno i volti dei sostenitori che diventeranno interpreti ma anche ispiratori di una nuova creazione artistica. L'opera infatti conterrà tutte le foto inviate (schiavomaurizio@yahoo.it), attraverso le quali Beppe Corna riuscirà ad emozionarci ancora una volta e a farci riflettere sul significato della parola confine.

Costo trasporto, allestimento mostra e spese pubblicitarie

La raccolta fondi ha lo scopo di contribuire:

- alle spese di trasporto delle opere (di grandi dimensioni) dallo studio dell'artista,  a Calcio (BG), alla sala esposizioni di via Ottone Huber, n.8 a Merano e ritorno;

- all'allestimento scenografico della sala per lo spettacolo di danza e successivamente al posizionamento definitivo delle opere, che resteranno in esposizione fino al termine dell'evento;

- al trasporto ed installazione degli "elementi disturbatori", ossia i Guardiani del Tempo , che verranno collocati in vari edifici di interesse storico e culturale di proprietà del Comune di Merano;

- spese per pubblicizzare l'evento.

1548707881890891 8b92234f d962 4b35 8288 649d7c3f1b06

Un progetto a cura di

Maurizio Schiavo

Sono da sempre un appassionato di arte contemporanea e per questo anche socio di Merano Arte. Sono per il contatto diretto con gli artisti, che mi permette di comprendere le loro opere.

Ho già avuto modo di organizzare, insieme a Sabine Raffeiner di Merano per la danza, al Circolo culturale di Comboscuro (CN), all'UPAD di Merano e Roberto de Siena per la musica (Ghironda) l'evento culturale "Phatos" con le opere di Bernard Damiano.

Merano - Trentino Alto Adige