Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
TORINO
Cultura, Formazione, Editoria
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

ANIME IN TRANSITO

Fumetto sull’esodo giuliano-dalmata nella città di Torino

280€
Chiuso il 13 lug 2019
Concluso
Tutto o niente
Obiettivo: 7.250€

ANIME IN TRANSITO

Fumetto sull’esodo giuliano-dalmata nella città di Torino

280€
Chiuso il 13 lug 2019
Concluso
Tutto o niente
Obiettivo: 7.250€

Di cosa si tratta

  • 32 tavole che raccontano, grazie al talento del disegnatore Marcello Restaldi, l’esodo giuliano-dalmata a Torino e come la città ha accolto tali italiani. Tutto attraverso una coinvolgente ma travagliata storia d’amore di due esuli. Sullo sfondo le bellezze paesaggistiche e architettoniche della Torino tra gli anni Quaranta e Sessanta. Valori come l’umanità, la solidarietà e l'ingegno sono il fil rouge della narrazione; si pongono come motori propulsori del cambiamento urbano e sociale che caratterizzerà quegli anni difficili ma dinamici.

Chi c'è dietro al progetto

Il progetto del fumetto sull’esodo giuliano-dalmata nasce all'interno dell'Accademia di Progettazione Sociale Maurizio Maggiora con il contributo del Rotary Club Torino Sud Est

Dal punto di vista dell’aderenza alle vicende storiche, ha potuto contare sugli studi e la continuativa consulenza scientifica dello storico Enrico Miletto, che ha curato anche il glossario della pubblicazione e la prefazione storica della stessa.

Sceneggiature, storyboard, disegni, colori e lettering sono dell’Associazione Anonima Fumetti che, attraverso una convenzione stipulata con l’Accademia Albertina di Torino ha coinvolto giovani talentuosi nel progetto.

Il Museo Diffuso della Resistenza, l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea "Giorgio Agosti"in aggiunta al Polo del ‘900, stanno collaborando alla promozione del fumetto e alla pianificazione dei percorsi didattico-narrativi nelle scuole. 

L’Accademia Maurizio Maggiora ha dato vita a questo fumetto partendo da un progetto innovativo, a forte impatto sociale, in cui un team giovane e dinamico si è messo in gioco affinché ciò che prima era solo un’idea generasse un prodotto di elevato valore. La scelta di una storia simile non è stata casuale: attesta, infatti, la missione di Accademia, un tassello fondamentale per il cambiamento della visione comune sul progettare a impatto sociale, sulla percezione di modelli sociali vincenti e del loro valore nell’impatto che generano.


Le nostre partnership

  • Prof. Enrico Miletto: consulenza storica
  • Associazione Anonima Fumetti:
    soggetto e sceneggiatura a cura di Nico Vassallo;
    disegni e colori acura di Marcello Restaldi
  • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà● Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea “Giorgio Agosti”
  • Rotary Club Torino Sud Est

Come verranno utilizzati i fondi

I contributi serviranno per:
- Ristampa del fumetto
- Spedizioni
- Eventi promozionali ed iniziative di divulgazione

Oltre ai costi fissi, c’é di più…
In una società dove la comunicazione e la velocità di scambio di informazioni è ormai elemento
fondamentale, l’utilizzo delle immagini può trovare il suo impiego in contesti complessi come quello
didattico. Raccontare la storia ai giovani studenti non è sempre cosa facile, ma crediamo che usando un

linguaggio e uno strumento di comunicazione differente, possa rendere l’insegnamento e l’apprendimento
più semplice ed efficace.


1544888445500856 logo colori

Un progetto a cura di

Accademia di Progettazione Sociale Maurizio Maggiora

Associazione senza fini di lucro nata a Torino nel 2013 per allenare i giovani a gestire il cambiamento nella società e nelle organizzazioni. Vero e proprio centro di conoscenza e di competenza che offre ai giovani una “palestra” fondata sulla progettazione e sullo sviluppo nella società. Votata all’unione e alla contaminazione di “mondi diversi” che solitamente non dialogano e collaborano. Crede nel dialogo e nella co-progettazione.

TORINO