Impossibile da Amare

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Lazio
Cultura, Solidarietà, Cinema
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Impossibile da Amare

Gaia è una ragazza affetta da sclerosi laterale amiotrofica. Scopre l'amore, ma non è tutto oro quello che luccica.

170€
11% di 1.500€
-30 giorni
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Impossibile da Amare

Gaia è una ragazza affetta da sclerosi laterale amiotrofica. Scopre l'amore, ma non è tutto oro quello che luccica.

170€
11% di 1.500€
-30 giorni
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Descrizione

La vita di Gaia è messa a dura prova quotidianamente. Nonostante i suoi drammi fisici e i suoi crolli emotivi continua imperterrita a voler frequentare la scuola. La sua è una battaglia contro il mondo e contro se stessa, vorrebbe solamente iniziare a vivere. 

Ed è proprio all'interno dell'edificio scolastico che si innamorerà di un suo compagno di classe. Vedremo con occhi e sentiremo con il cuore, un amore non corrisposto, frainteso e drammatico che porterà la piccola Gaia a dover cominciare ad accettare la sua condizione, dovendo rinunciare ai suoi sogni proibiti. Arriverà a scoprire, a sue spese, che lei è impossibile da amare. 

Non sarà solo una storia di tentato riscatto sociale, ma l'attenzione sarà posta su ciò che veramente pensano e vivono quei ragazzi e ragazze che ogni mattina al proprio risveglio devono fare i conti con il vero peso della vita.
Il cortometraggio è posto in un'ottica completamente diversa e per certi versi rivoluzionaria: protagonista non è la malattia, ma l'essere umano che la porta con sé.

Il nostro obiettivo è quello di portare alla luce una tematica "scomoda" riuscendo a sensibilizzare e ad arrivare a più persone possibili. Tutti i ragazzi/e hanno diritto a vivere con spensieratezza e gioia gli anni, forse, più importanti della vita, quelli del liceo, delle prime cotte, dei primi fallimenti e delle prime vittorie.

Come verranno utilizzati i fondi

Il soggetto e la sceneggiatura sono stati completati.

Una parte dei fondi (35%) raccolti sara' usata per la realizzazione del corto: noleggio attrezzature, locations, cast, crew e tecnici.

Il 15% per la fase di editing e post produzione: montaggio, sound designer e color correction.

Il 20% per la distribuzione: attraverso campagne pubblicitarie, scuole, social, comunità ed enti specifici.

La restante parte dei fondi (30%) sara' devoluta interamente a diverse associazioni e ricercatori che si occupano di SM e ciò che ne e' correlato:AISLA ONLUS (http://www.aisla.it); Ariel (http://www.fondazioneariel.it/...); (http://www.malatirari.it/site/...)

Chi c'è dietro al progetto

In prima fila ci sono io e tutte le famiglie che mi hanno aiutato a scrivere il soggetto e la sceneggiatura grazie alle storie della loro vita che con una grandissima forza d'animo hanno deciso di raccontare, trattenendo il più delle volte le lacrime.  

Spero che, pubblicizzando questa campagna e raccogliendo più fondi possibili, il progetto diventi automaticamente anche vostro. Non e' necessario avere una situazione di questo genere in famiglia per comprendere l'enorme forza di queste persone. 

Il progetto nasce sopratutto per portare in luce le storie di quelle persone che la maggior parte delle volte vengono accantonate poiché ritenute storie tropo "banali" e poiché alle persone "non piace vedere la sofferenza altrui". 

Questo non è solo un cortometraggio, da qui comincia la rivoluzione. Nessuno è impossibile da amare.

1541264714858960 csc 4014

Un progetto a cura di

Edoardo Santangeli

Filmmaker, sceneggiatore e compositore. Studente universitario, alla ricerca di continue storie da poter raccontare, vere, genuine e autentiche. 

Ho deciso di intraprendere il percorso della regia e della scrittura appena ho realizzato che si tratta dell'unico modo per non essere ciechi e per vivere di emozioni. 

Ritengo che il cinema, la fotografia e la scrittura siano il nostro ossigeno, la nostra più grande arma e soprattutto la nostra migliore via di fuga.


Lazio