Restauriamo il Pianoforte Erard ...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Sicilia
Musica, Civico, Arte
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

Restauriamo il Pianoforte Erard di Sigismund Thalberg

"Restauro Filologico" integrale del Pianoforte Erard, anno 1847. Autografato da Sigismund Thalberg, virtuoso Pianista del periodo Romantico.

1.310€
13% di 10.000€
-16 giorni
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Restauriamo il Pianoforte Erard di Sigismund Thalberg

"Restauro Filologico" integrale del Pianoforte Erard, anno 1847. Autografato da Sigismund Thalberg, virtuoso Pianista del periodo Romantico.

1.310€
13% di 10.000€
-16 giorni
Contribuisci

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Di cosa si tratta

Il "Restauro Filologico" integrale consiste in un intervento di rigenerazione delle condizioni originali dello strumento, senza alterarne in nessun modo le caratteristiche. Il fine del lavoro è la ricerca del suono autentico, ottenibile solo grazie all'utilizzo dei medesimi materiali dell'epoca (colle, feltro di lana, pelli, ecc.) e alle tecniche di lavorazione tradizionali.

Le linee guida del Restauro suggeriscono inoltre la reversibilità di tutti gli interventi e vietano aggiornamenti di qualsiasi tipo, accorgimenti essenziali per lavorare in sicurezza e nel massimo rispetto dello strumento e del periodo storico di riferimento.

Il fine del Restauro è quindi quello di far tornare questo strumento al pieno del suo splendore e utilizzarlo periodicamente in concerto. E' mio desiderio avvicinare giovani e giovanissimi, musicisti e amatori, per far conoscere le potenzialità di questi strumenti che, opportunamente restaurati, rappresentano il culmine dell'Estetica del periodo Romantico.

Come verranno utilizzati i fondi

I fondi verranno utilizzati nel seguente modo:


  • Acquisto attrezzatura idonea:

Per lavorare in sicurezza e nel modo corretto ho bisogno di attrezzi specifici ed efficienti.

Parte del finanziamento servirà quindi per implementare il mio laboratorio.


  • Acquisto materiali:

Per effettuare il restauro in maniera integrale e filologicamente corretta ho la necessità di individuare i materiali originali e rigenerarli con altri autentici. In grande parte questi materiali serviranno per la ricostruzione dell'apparato meccanico e sonoro. 

Saranno necessarie pelli e feltri prodotte con diverse tecniche di conciatura.

La lavorazione prevede inoltre incollaggi con colla a caldo di origine animale e vegetale.

La tastiera sarà rigenerata in avorio o in osso, in base alla reperibilità.

Essendo questo un pianoforte storico, dovranno essere installate particolari corde a bassa tensione conformi alle originali, al fine di salvaguardare la salute dello strumento. 

Le corde dei bassi, filate a mano in ottone, saranno fornite da maestranze del settore.


  •  Lavori di ebanisteria:

Lo strumento presenta diversi legni, utilizzati in base alle loro proprietà fisiche, meccaniche e tecnologiche.

Il mobile, il somiere, le gambe e la tavola armonica versano purtroppo in pessime condizioni, per questo motivo sarà necessario investire qui la parte più onerosa.

La verniciatura verrà eseguita con la tecnica della gommalacca a tampone.


  • Consulenze esterne:

Fino ad oggi, sono riuscito ad ottenere ottimi risultati perchè ho avuto la fortuna di avere un eccellente Maestro, da cui ho ereditato le modalità di intervento. Qualora non riuscissi a trovare soluzioni riguardo ad una o alcune operazioni, una piccola parte del budget mi servirà per coprire questo genere di aiuto.


  • Evento di Inaugurazione:

Lo "STRUMENTO" è, per definizione, un "mezzo". Restaurare un pianoforte che resti inutilizzato significa mancare, in parte, il fine del restauro. Sarà mio dovere e desiderio organizzare nel teatro della mia città, dove sono nato e cresciuto, un concerto per Pianoforte magari con repertorio dello stesso Thalberg.


  • Commissioni Crowdfunding:

Rappresentano le spese di gestione per la realizzazione e il finanziamento del progetto.

Chi c'è dietro al progetto

  • VINCENZO LOGGIA

Io mi chiamo Vincenzo e ho 28 anni.

Ho completato il triennio di "Accordatura e Tecnologie del Pianoforte" al Conservatorio di Musica Santa Cecilia in Roma e mi sono diplomato in "Pianoforte e Tastiere" presso il Saint Louis College of Music.

Sono rimasto affascinato dal Pianoforte storico e dalle sue immense potenzialità, grazie al mio Maestro Giuseppe Giannola, il quale mi ha trasmesso tutto il suo sapere senza riserva alcuna.

Con lui ho partecipato ad alcuni restauri, tra cui il Pianoforte storico Boisselot et Fils no. 16680, che attualmente vive nella collezione del conservatorio S. Cecilia.

Conoscerlo è stato per me il più grande motivo di crescita personale e professionale.

Attualmente sono volontario presso il Museo Nazionale degli Strumenti Musicali in Roma, dove ho alcuni strumenti storici in manutenzione.


  • GIOVANNI LOGGIA

Giovanni è mio padre e ha 59 anni.

Falegname da sempre, il suo aiuto e la sua esperienza sono per me la migliore garanzia sull'esito del restauro.

Affronterò con lui gli interventi di ebanisteria, di verniciatura e sul mobile in generale.






1541937558922146 whatsapp image 2018 10 31 at 19.06.51

Un progetto a cura di

Vincenzo Loggia

Io mi chiamo Vincenzo e sono un Restauratore di pianoforti storici.

Sono alla ricerca di mezzi che possano mettermi nelle condizioni di lavorare gratificandomi, restituendo queste opere d'arte alla collettività.

Sicilia