Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

CLIMBING IRAN

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

CLIMBING IRAN

Una donna iraniana free-climber, è alle prese con una montagna da scalare, enorme e concreta ma anche grande metafora di un Paese in trasformazione.

5.426€
54% di 10.000€
-20 giorni
Contribuisci

Tutto o niente. Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

CLIMBING IRAN

Una donna iraniana free-climber, è alle prese con una montagna da scalare, enorme e concreta ma anche grande metafora di un Paese in trasformazione.

5.426€
54% di 10.000€
-20 giorni
Contribuisci

Un film documentario di Francesca Borghetti

SINOSSI

Nasim ha mani molto forti e unghie dipinte di smalto rosa shocking. Nasim é un’alpinista e free-climber capace di aprire “nuove vie” su roccia sulle montagne dell’Iran, il suo  Paese.

Seguendo il richiamo degli spazi aperti e delle immense, magnifiche, montagne persiane, ha deciso di esplorare territori nuovi, andando oltre quelle barriere imposte e introiettate che consentono alle donne di praticare solo su pareti “indoor” nelle palestre, solo in determinati orari, tra donne e col capo coperto dal velo.   

Come donna è la pioniera dell’arrampicata sportiva all’aperto, dove un manipolo di giovani donne oggi la seguono. Ma nel free climbing è fondamentale la presenza di un compagno di cordata, ed è difficile per Nasim trovare la persona giusta con cui assumersi nuove sfide al suo livello ed aprire “nuove vie” in Iran. La montagna da scalare infatti non è solo fisica, è fatta anche di barriere culturali: gli uomini più esperti non sono facilmente disponibili, se sono religiosi o sposati non vanno ad arrampicare con una donna, le ragazze, al momento, non sono esperte quanto lei.

Quando riesce ad ottenere il Visto, viaggia, partecipando a festival di free climbing in Turchia, Oman e talvolta in Europa, dove può cimentarsi sulle Alpi patria dell’alpinismo e del climbing. È così che accumula l’esperienza che l’ha resa una fuoriclasse a tal punto da fare del free climbing outdoor, unica in Iran, la sua professione.

In Iran sul Monte Behistun, un enorme promontorio che si erge nel deserto, antico luogo sacro e oggi patrimonio dell’Unesco, Nasim vuole realizzare la sua nuova impresa e dare il nome ad una “nuova via” in un percorso di autodeterminazione e riconoscimento che lotta con la necessità vitale di rimanere nell’ombra.

In Europa, dove centinaia di brand si competono il mercato, si apre la possibilità per Nasim di aprire una nuova via proprio sulle Alpi ed entrare a pieno titolo nel gotha dell’alpinismo.

In questa epopea, la montagna è l’ambiente in cui si compie l’azione cruciale, è il luogo in cui la vera fatica, la sfida fatale, diventa luogo di libertà. Una dimensione che riposiziona l’uomo di fronte ai suoi limiti e relativizza la sua smania di controllo, l’onnipotenza delle sue ideologie.

Francesca Borghetti - Scrittura e Regia

Con un background in Antropologia Culturale, mi occupo di documentari dal 2000, maturando esperienza nell’ ideazione, scrittura, produzione, regia di prodotti audiovisivi in particolare nel documentario narrativo. Diplomata Eurodoc nel 2010 e finalista al Premio Solinas 2011 e nel 2017 con documentari di lungometraggio. Dopo una consistente esperienza in Doclab nello sviluppo dei contenuti, sono stata responsabile dello sviluppo autrice e curatrice per Fabulafilm dei documentari “Sotto il Celio Azzurro” di E.Winspeare con Rai Cinema; di “Tzigari una Storia Rom” con History Channel di cui sono  co-autrice del soggetto; di “Arapha ragazza dagli occhi bianchi”con Rai Doc3 di cui sono anche co-autrice e coproduttrice. Sono co-autrice e co-regista di “La forza del destino. Contadini e democrazia”, per Rai Storia. Ho partecipato alla fase di lancio del canale BABEL TV (Sky), curando i 104 episodi di produzioni originali di genere documentario. Sono autrice e regista di Viva la mamma, mini serie doc trasmessa da Arturo TV. Ho firmato come autrice la serie di documentari “Dancing Stories” prodotta da Rai 5, ha firmato come autrice e regista la serie "Un mondo di Donne" prodotta da Userfarm per Rai Storia.

https://www.linkedin.com/in/fr...

Come verranno utilizzati i fondi

Ho sviluppato per un anno e mezzo il progetto fino ad arrivare ad una sceneggiatura piuttosto dettagliata, ho realizzato una prima intervista con il supporto dei miei amici Marta Belforte e Marco (loro è la casa dove ho effettuato l’intervista a Nasim) e soprattutto grazie all’aiuto di un caro amico e grande professionista Igor Mendolia che ha girato e montato il teaser, arrivato finalista al PerSo 2017 (sezione miglior film da realizzare). Successivamente ho effettuato un viaggio di sopralluogo in Iran con Federico Zatti, per il quale viaggio ho seguito i preziosi consigli di Antonello Sacchetti, Mario Casari, Bianca Maria Filippini e dei tanti nuovi amici iraniani di Roma, quali Sara Azadi, Moa, Setaré Alidost e Neda Tao. Figura chiave del viaggio di sopralluogo è stata Hamid Habibzadeh, free climber .

Poi Franca Marroncelli, mi ha messo sulla pista della guida trentina Gianni Treppin grazie alla quale sto sviluppando il lato italiano di questa storia, trovata inoltre una bella la sinergia con il Trento Film Festival. 

Grazie al sostegno di amici e amiche tra i quali Filippo Macelloni, Sabrina d'Orsi Silvia Di Rienzo, Roberta Quinzi, Caterina Falomo, Alessandro CorsiParisa Nazari., ho deciso di pensare ad una campagna di crowdfunding che permetta al documentario di continuare a costruirsi. 

Il vostro sostegno sarà prezioso per contribuire alle riprese in Iran ed in particolare sarà investito per la settimana di riprese speciali, quelle che avranno bisogno di un allargamento della troupe anche con elementi tecnici che possano garantire le riprese sul monte Besotun: 10.000 euro.

Chi c'è dietro al progetto

Ho intercettato la storia di Nasim su un giornale italiano, le immagini che la ritraevano nello sforzo di salire la montagna senza velo, hanno avuto una forte presa su di me e cominciato a muovere una curiosità profonda verso la storia che questa persona si porta dietro.

Scalare le montagne ha di per sé il valore simbolico della sfida personale per superare i propri limiti. La mia personale curiosità verso questo Paese, che da poco lancia segnali di apertura verso l’esterno, è animata dalla mia formazione di base nell’antropologia sociale e dalle tematiche in cui più mi rifletto come persona e come autrice/regista/produttrice, l’impatto con l’intimità di una storia umana, in particolare di una donna che persegue i suoi obiettivi anche scontrandosi con le regole del suo tempo, del suo Paese.

Forti imposizioni sociali pesano in particolare sulla condotta delle donne in Iran. Nasim le affronta, come scalando una parete, per tentativi, provando e riprovando, trovando la presa giusta senza mai rinunciare. Questo significa che al centro del film vi è anche la “montagna” più alta, ovvero il contesto politico del Paese.

Come donna, autrice e regista di questo progetto, colgo la sfida di guardare oltre la montagna che ci separa dalla vista e contatto con un Paese di cui si sa troppo poco e dove in verità esistono storie come quella di Nasim in cui possiamo trovare elementi per ritornare a guardare noi stessi, nelle nostre sfide personali, davanti alle montagne che ci si stagliano davanti.   La montagna rappresenta l’ostacolo ad una riconoscibilità e, come un padre silenzioso,  il luogo del riconoscimento atteso o mancato che sia.

Si tratta di una storia di una donna in un contesto apparentemente lontano dal nostro ma che risuona fortemente come modello tra chi in verità ha sotto gli occhi la cronaca quotidiana della violenza subita ancor oggi dalle donne nella nostra società. Il suo è un percorso di autodeterminazione realizzato attraverso la chiave dello sport e in verità attraverso l’empatia profonda con la Natura. La vastità della natura e la maestosità terrificante della montagna sono il rifugio in cui ritrovare se stessi e prepararsi alle battaglie della vita vera

 Con questo progetto, vorrei contribuire alla crescita del dialogo interculturale tra Italia e Iran e rivelare qualcosa che il normale “discorso” sul’Iran non trasmette: l’energia positiva delle sue persone, un paese dinamico e complesso. 

Se ne parla su...

1524586899937994 schermata 2018 04 24 alle 18.21.17

Un progetto a cura di

FRANCESCA BORGHETTI

Con un background in Antropologia Culturale, Francesca si occupa di documentari dal 2000, ed ha maturato esperienza nell’ ideazione, scrittura, produzione, regia di prodotti audiovisivi in particolare nel documentario narrativo

https://www.linkedin.com/in/francesca-borghetti-90228b24