Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
CULTURA, Cinema, Arte

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

Storie di Altromare: omaggio a Antonio Possenti

Partecipa alla realizzazione di un grande sogno animato. Un documentario dove il cinema incontra l’arte di Antonio Possenti.

17.766€
177% di 10.000€
20 mar 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Storie di Altromare: omaggio a Antonio Possenti

Partecipa alla realizzazione di un grande sogno animato. Un documentario dove il cinema incontra l’arte di Antonio Possenti.

17.766€
177% di 10.000€
20 mar 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

GRAZIE DI CUORE

Grazie a voi abbiamo raggiunto e oltrepassato il traguardo che ci eravamo prefissati. 

Vi ringrazieremo uno a uno per averci dato fiducia ed essere diventati parte di questo bel progetto, ma intanto un grande GRAZIE cumulativo per averci mostrato che un pezzettino ciascuno possiamo fare grandi cose insieme!

Eppela ci ha regalato 7 giorni in più di campagna premiandoci per il bel lavoro e per darci la possibilità di rilanciare e crescere.

Mancano 13 giorni alla chiusura del #crowdfunding e in tanti continuate a mostrarci grande interesse, perciò vogliamo comunicare che i soldi raccolti oltre la soglia stabilita verranno utilizzati per la realizzazione di qualcosa in più: trasformare il meraviglioso studio Possenti in piazza dell'Anfiteatro in uno studio-museo, così da consentire visite speciali nell'altrove immaginifico del maestro, immersioni nel suo meraviglioso mondo creativo e una spettacolare vista dall'alto di piazza dell'anfiteatro. Inoltre utilizzeremo i fondi per realizzare mostre e istallazioni.

CONTINUATE A SOSTENERCI! 

Mille volte grazie!

Un omaggio al pittore toscano Antonio Possenti

(Per contattarci direttamente scrivere a: nanofaltromare@gmail.com)

Non un film biografico, ma un film-ritratto che si propone di portare lo spettatore all’interno dell’universo visivo, visionario e umano di Antonio Possenti (1933-2016). La pittura di Possenti e il linguaggio documentaristico si incontrano in una terra di mezzo in cui creature animate si intrecciano a frammenti di intervista, vecchi appunti poetici si impastano a contributi critici, voli notturni sui tetti di Lucca si alternano a immagini di osservazione del pittore al lavoro nel suo studio. Il tempo è sospeso, presenza e assenza si fondono, fra ricordi e sogni c’è poca differenza, infanzia e vecchiaia convivono nella mano che danza sulla tela creando mondi dal nulla, il sole si alterna alla notte nello studio deserto, il segnalatore folle fa naufragare le navi su isole che sono dorsi di tartaruga, vita e morte fanno le ore piccole ballando un valzer improbabile nella Piazza dell’Anfiteatro, popolata di straordinarie figure che si dissolvono all’alba.

Ideato a partire dal 2015 con il coinvolgimento della curiosa passione del maestro, il progetto vuole omaggiarne la memoria in modo libero, creativo e professionale, grazie anche alla commovente disponibilità dei figli Giovanni e Maria.

Le animazioni delle opere vogliono rendere il senso di una “pittura animata” grazie alla tecnica a passo uno (realizzata da Serena Tonelli) per restituire un mondo in movimento in cui le immagini abbiano un loro peso, si spostino sulla superficie con garbo e un po’ di fatica, in bilico fra una liberazione dalla loro staticità e la rivendicazione del loro essere disegno d’arte.

Le sequenze animate sviluppano liberamente i temi delle interviste e degli appunti, a scandire il documentario come un filo rosso, intrecciandosi con disegni intarsiati alle strade notturne di Lucca, in un dialogo fra la città e l’universo pittorico di Possenti.

Il documentario tenterà di tradurre direttamente in film l’approccio all’arte e alla vita del maestro lucchese, restituendo la potenza, il mistero e la magia della creazione pittorica. Si tratta inoltre di un omaggio quasi dovuto, da parte dell’autore a un maestro-amico, ma anche da parte di Lucca al suo indiscutibile pittore-simbolo, e della Toscana a uno dei suoi più rappresentativi esponenti dell’arte figurativa del secondo Novecento.

Durata: 52’

Formato: HD 16:9

Anno: 2018

Regia: Lorenzo Garzella

Co-produzione: Acquario della Memoria; Lucca Film Festival e Europa Cinema

Come verranno utilizzati i fondi

Focalizzandosi sull’animazione delle pitture, il punto di originalità del progetto sta nella sinergia cross-mediale fra documentario e utilizzo di animazioni e materiali audiovisivi per future mostre, istallazioni, eventi, volumi e laboratori per le scuole.

Tutte le fasi di produzione del documentario richiedono il coinvolgimento di professionalità specifiche, dalla delicata quanto importante costruzione delle animazioni con la tecnica a passo uno che vede coinvolta l'illustratrice Serena Tonelli, fino al mix audio affidato alle sapienti orecchie di Mirco Mencacci, e di una miriade di persone tra filmaker, produttori, tecnici, studiosi, archivisti, grafici, musicisti, fonici, montatori e critici d'arte.

Il vostro contributo servirà a rendere possibile la realizzazione di questo video-ritratto che intreccerà nel montaggio riprese inedite filmate dall’autore (2015-2016) del maestro al lavoro nel suo studio e di una intera sessione di lavoro, con la realizzazione di una carta nauticavecchi appunti autografi dell'artista animati e letti da una voce narrante, riprese notturne della città, sia dal basso sia "volando" sul centro storico, time-lapse e dettagli di Piazza Anfiteatro e degli interni dello studio del pittoreinterviste a critici d’arte e accademici (Vittorio Sgarbi, Maria Cristina Cabani, Luigi Ficacci, Nicola Micieli) e amici del maestro (Mario Rocchi, Giovanni Raffaelli), filmati d'archivio super8 con scorci di Livorno (anni '30-'40) e Lucca (anni '40-'70), fotografie e video di famiglia Possenti.


Ma non solo. Il materiale raccolto e lavorato con il vostro contributo confluirà nella versione dvd del documentario, in un cofanetto a edizione limitata e in un volume illustrato con nuovo materiale biografico.

Chi c'è dietro al progetto

NANOF è una società di produzione indipendente, fondata da Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni nel 2001 a Roma. Si occupa, con un approccio creativo, di cinema, documentari, progetti cross-mediali, cortometraggi, installazioni, televisione. NANOF ha realizzato anche numerosi progetti cinematografici e televisivi distribuiti in Italia e all’estero: dal documentario “Bambini nel tempo” (Rai Teche/Rai Cinema 2015) alla serie “Crazy Dreamers” (work in progress ideato con Rai Com), dal mockumentary “Il Mundial dimenticato” (Verdeoro/Rai Cinema, 2011-2012) ai documentari “L’uomo che sparava dritto” (Jean Vigo/Rai Uno, 2013), “Rimet” (Verdeoro/Rai 2011), “La mia squadra” (Rai Uno, 2010), “Silvio Forever” (Jean Vigo/LuckyRed/La7, 2009), “Occhi su Roma” (Rai Cinema, 2008) oltre a molte serie Home Video per i principali gruppi editoriali nazionali (RCS, Mediaset RTI, Rai). Con sedi a Roma e Pisa, NANOF sviluppa progetti di documentario creativo e cross-mediale su temi legati alla società contemporanea, la cultura, lo sport, l’arte, la storia.

Lorenzo Garzella (Pisa, 1972). Regista, operatore culturale. Laureato in Storia e Critica del Cinema a Pisa. Specializzato in video-documentazione sociale (I Cammelli, Torino, 1997) e montaggio digitale (IAL, Pordenone, 1999). Ha realizzato cortometraggi e documentari di argomento storico, sportivo, sociale, (Rai, Mediaset, Sky, Stream, Tele+) ottenendo riconoscimenti in Italia e all’estero. Il suo premiatissimo lungometraggio “IL MUNDIAL DIMENTICATO” (90′, 2011, co-produzione Italia-Argentina) è stato presentato alla 68^ Mostra del Cinema di Venezia, e distribuito in sale cinematografiche, reti televisive e festival di molti paesi.

Dal 2014 con l’associazione Acquario della Memoria cura MemorySharing, un processo cross-mediale partecipato per la raccolta-condivisione-narrazione della memoria collettiva: documentari, istallazioni interattive, mostre multimediali, storytelling, tour guidati con realtà aumentata, app per iOS e Android, tour in VR, piattaforme web partecipate, film itineranti (cine-bicicletta, cine-bus e cine-battello). Tra i progetti cross-medialiPisa e la Guerra /MemorySharing (2014/2016); Firenze in Guerra (2014/2015); Arno66-TimeTravel sull’alluvione di Firenze del 1966 (2016/2017); Oltre le Generazioni, nell’ambito del Festival delle Generazioni (2016/2017).

Il Lucca Film Festival e Europa Cinema è un evento a cadenza annuale di celebrazione e diffusione della cultura cinematografica. Attraverso proiezioni, mostre, convegni e performance - spaziando dal cinema mainstream al cinema d’autore - il festival riesce a coinvolgere ogni anno un pubblico sempre più ampio. Nel corso delle edizioni è riuscito a distinguersi mediante programmazioni audaci ma al contempo attentamente studiate; è stato capace di ospitare e omaggiare personalità affermate del mondo del cinema, come David Lynch, Oliver Stone, George Romero, William Friedkin, David Cronenberg, Jeremy Irons, Willem Dafoe, Terry Gilliam, Paolo Sorrentino, Marco Bellocchio, Alfonso Cuaron, John Boorman, Peter Greenaway, Abel Ferrara, Kennet Anger, Jonas Mekas, nonché di riscoprirne altre e “scommettere” su nomi nuovi. A coronare il tutto contribuiscono le belle cornici di Lucca e Viareggio, città in cui il festival si è ormai imposto diventando un appuntamento atteso e imperdibile in Italia e in Europa.

1517407974044362 nanof

Un progetto a cura di

NANOF produzioni audiovisive

NANOF è una società di produzione indipendente, fondata da Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni  nel 2001 a Roma. Si occupa di cinema, progetti cross-mediali, cortometraggi, installazioni, televisione. Ha realizzato progetti cinematografici e tv distribuiti in Italia e all'estero e sviluppa progetti di documentario creativo su temi della società contemporanea, la cultura, lo sport, l’arte, la storia.