Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Editoria, Civico, Arte

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

Gli antichi diari: Annales Sacri Monasterii Lambrugi

Pubblichiamo per la prima volta la trascrizione degli antichi diari del Monastero di Lambrugo: una storia lunga Tre Secoli

2.340€
117% di 2.000€
03 gen 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Gli antichi diari: Annales Sacri Monasterii Lambrugi

Pubblichiamo per la prima volta la trascrizione degli antichi diari del Monastero di Lambrugo: una storia lunga Tre Secoli

2.340€
117% di 2.000€
03 gen 2018
Data chiusura
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Di cosa si tratta: il Manoscritto

Il Manoscritto originale opera delle monache del monastero benedettino femminile di S.Maria dell' Assunzione di Lambrugo (CO) durante tre secoli (1532-1795) ed interrotto da Napoleone è raccolto in un volume titolato ANNALES SACRI MONASTERII LAMBRUGI.

Un intero mondo racchiuso nelle pagine ingiallite dal tempo come piccoli contenitori di una grande memoria del nostro passato.

Leggere queste pagine è come  riscoprire un mondo: un’intera epoca scorre sotto i nostri occhi e non ci si stanca mai di sfogliare queste pagine come fossero una miriade di istantanee, che raccontano e fissano per sempre un momento della nostra storia.

Quello che le monache hanno lasciato in eredità a tutti noi è un repertorio magico e in gran parte inesplorato, un viaggio nel tempo, nelle emozioni e nei luoghi che oggi non esistono più.

Si tratta di un patrimonio di inestimabile valore, un unicum perchè non si conoscono diari di altri monasteri.

Purtroppo se rimane sconosciuto inesorabilmente muore.

Noi dell’Associazione Pieve di Incino  da anni sogniamo di poter realizzare un libro disponibile a tutti, che permetta di leggere queste storie contenute negli Annales.

Il lavoro è iniziato alcuni anni fa: siamo andati a consultare il Manoscritto presso l'Archivio Storico Diocesano di Milano dove oggi è conservato ed abbiamo realizzato con nostri fondi la digitalizzazione dell'intero prezioso materiale, grazie al coinvolgimento del gruppo di studio Ermeneutica.

Negli anni a seguire il lavoro è proseguito con lo studio e la trascrizione del testo da parte del prof. Stefano Casati, coadiuvato da alcuni collaboratori.

Abbiamo quindi deciso di chiedere aiuto a chi ama la storia, a chi ama la memoria.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto.

Come è composto: La Trascrizione

Il libro in preparazione si compone del testo della prima parte dell'originale Manoscritto, la “Elezione e dell'attività delle badesse, e della vita del monastero”, con approfondimenti sul monachesimo, sulla storia e sul valore architettonico del Monastero e sulla composizione del Manoscritto a firma di studiosi ed accademici. 

Cosa vogliamo realizzare grazie al tuo supporto: il Libro

Con il tuo contributo, piccolo o grande che sia, tutti insieme, potremo finalmente stampare questo volume e renderlo disponibile a tutti.

Condividiamo insieme l’impegno per la riscoperta del nostro passato, la valorizzazione del territorio e la trasmissione del valore della bellezza!

Puoi supportare questo progetto anche parlandone con i tuoi amici o condividendo il video (che trovi qui in alto) sulla tua pagina di Facebook o Twitter!

Grazie!

Il Monastero Benedettino di S.Maria dell'Assunzione

La data probabile della fondazione risale all’ XI Secolo. Il complesso architettonico è stato ampliato e modificato nel corso dei secoli, in particolare nel secolo XVI, fino a raggiungere la massima estensione nel corso del XVII secolo. La documentazione principale sulla vita del Monastero ci è pervenuta tramite gli "Annales Sacri Monasterii Lambrugi" redatti dalle monache dal  1532 al 1795. 

Nel 1786 viene avviata la scuola gratuita per fanciulle tenuta dalle monache del Monastero. Nel 1798, durante il periodo della Repubblica Cisalpina, il Monastero viene soppresso e gli immobili venduti a diversi soggetti.

Una porzione (sede attuale degli uffici comunali) viene trasformata in collegio femminile (1904-1923 e 1954-1967), mentre altre porzioni vengono utilizzate dai diversi proprietari come residenze, depositi, laboratori, stalle, negozi.

Dal 1913 il complesso architettonico del Monastero è tutelato con vincolo specifico e puntuale per l’alto pregio storico ed architettonico.

Nel 1974 la parte in origine adibita a collegio viene acquistata dal Comune di Lambrugo per destinarla agli uffici pubblici.

Nel 2006 diviene pubblica la porzione più antica del fabbricato:  la Chiesa e la Sacrestia con l’intento di salvaguardare e valorizzare il complesso architettonico più antico del paese.

Anche l’antica torre, da sempre simbolo del paese, passa in quell’anno al Comune di Lambrugo che ne riceve mediante accordo gran parte delle quote di proprietà da parte di più soggetti privati.

Attualmente il complesso architettonico che nei secoli passati costituiva l'antico monastero è suddiviso in più proprietà con destinazioni funzionali diverse: in parte è di proprietà pubblica e destinato agli Uffici Comunali ed in parte è di proprietà di diversi privati con funzione residenziale.

Il progetto ed il crowdfunding

Ringraziamo tutti i soggetti che hanno preso parte attiva nella realizzazione di questo progetto e siamo grati sin d'ora a tutti coloro che ci accompagneranno nella pubblicazione e nella buona riuscita dell'opera.

Partner per i contenuti multimediali del crowdfunding l'associazione QRculturaItalia.

1509659368718483 logo incino

Un progetto a cura di

Associazione Pieve di Incino

Dal 2006 l'Associazione Culturale Comunità della Pieve di Incino promuove la conoscenza storica, culturale ed artistica dell’ambito geografico anticamente chiamato della  “Pieve di Incino”.

Diversi i progetti culturali: il ciclo di conferenze “Uomini e terre di Lombardia”, la trascrizione degli “Annales Sacri Monasterii Lambrugi”, le mostre d’arte, i libri,gli interventi di restauro del complesso dell’antico Monastero Benedettino di Lambrugo.