Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

I BABELICI - DOCUMENTARIO SU ART...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

I BABELICI - DOCUMENTARIO SU ARTISTI IRREGOLARI

Un documentario che svela il fantastico mondo dei Costruttori di Babele e le loro opere visionarie, improbabili ma possibili.

2.126€
64% di 3.300€
-16 giorni
Contribuisci

I BABELICI - DOCUMENTARIO SU ARTISTI IRREGOLARI

Un documentario che svela il fantastico mondo dei Costruttori di Babele e le loro opere visionarie, improbabili ma possibili.

2.126€
64% di 3.300€
-16 giorni
Contribuisci

Cosa raccontiamo

I Babelici” sono artisti irregolari che hanno realizzato - fuori o ai confini dell'ufficialità e del mercato dell'arte - un proprio universo immaginario. Storie affascinanti e inconsuete di "creazioni abusive" affidate a uomini che con le loro mani trasformano ferro, legno, cemento, rifiuti e scarti in creazioni sospese tra l’art brut e un visionario artigianato naive.

I protagonisti di questo nostro racconto li troviamo ai margini dell’asse Via Emilia: l’ex carpentiere che produce meravigliose opere costruite con materiali metallici di recupero, creando figure ispirate al mondo animale o a personaggi conosciuti e inventati, assemblando viti, blocchi motore, candele, ruote, bulloni, serbatoi, ecc. Il suo sguardo è capace di penetrare gli oggetti più informi per riconoscere nel loro volume, o nell’intersecarsi di quello con altri volumi, le figure più disparate. Poi abbiamo chi in un podere ha costruito un mondo immaginifico di impressionante densità e varietà: un tunnel composto da legni intrecciati lungo circa 60 metri e decorato al suo interno da decine di piccoli e inusuali presepi; “pagliai” di cemento, sassi e scarti che ricordano nella forma i tipici accumuli di legna e sterpi che si infiammano durante la rituale Festa dei falò del suo paese. E poi un’antica e sotterranea tomba gallica che lui ha decorato con un altarino, bottiglie e decine di piccoli legni appesi al soffitto, quasi ad evocare un culto pagano e meticcio. Infine, un arzillo 70enne è un “primordiale” scultore che raccoglie sassi, o massi, di tutte le dimensioni per dare vita a opere, in alcuni casi imponenti, che rappresentano le più svariate creature e, soprattutto, dinosauri: triceratopi, T-Rex, brontosauri, stegosauri e altri inventati di sana pianta troneggiano nel grande giardino della sua casa in campagna, tenuti insieme solo da alcuni perni di ferro a saldare i sassi che lui stesso perfora con un trapano speciale. E poi una Ferrari, una Vespa e una Lambretta, aerei ed elicotteri in miniatura, funghi, personaggi dei cartoni animati: tutti rigorosamente costruiti con le pietre che lui stesso scova abbandonate nei campi, nelle cave o lungo i fiumi, in Italia e all’estero, e che trasporta faticosamente fino alla propria casa.

Le riprese sono iniziate nell'ottobre 2017 e proseguiranno la prossima primavera; ora ci affidiamo a questo crowdfunding per sostenere parte delle spese di produzione e post-produzione. Sosteneteci!

I fondi andranno a coprire le spese di produzione e post

La raccolta fondi serve a finanziare la produzione e la post-produzione del documentario, quindi a coprire tutte le spese come: compensi della troupe, musiche originali, montaggio, viaggi, pasti, ecc.

Il documentario può contare sul contributo di uno sponsor ma mancano ancora circa 3.000 euro al raggiungimento del budget necessario.

Chi siamo

Alessandro Quadretti si laurea in Storia Contemporanea all’Università di Bologna nel 2001. L’anno successivo inizia il corso biennale di regìa della Scuola di Cinema Televisione e Nuovi Media di Milano, diplomandosi nel giugno 2004.

E’ regista, operatore di ripresa, montatore e docente di storia e linguaggio del cinema.

Ha diretto film di fiction, documentari, videoclip selezionati e premiati in festival italiani e internazionali.

La colonna sonora è a cura del chitarrista Massi Amadori. Il sound design è di Gianluca De Lorenzi.

La Società cooperativa Officinemedia nasce nel 2011 dall’integrazione di diverse competenze negli ambiti video, audio, comunicazione, lingue e ricerca storiografica. L'audiovisivo è il suo settore d'attività primario.

Con l’obiettivo di diffondere le attività principali di enti e aziende, Officinemedia progetta, realizza, distribuisce prodotti video/audio e servizi di formazione e promozione in ambito tecnico cinematografico, linguistico e di comunicazione.

1508918684375512 ale nani love low

Un progetto a cura di

Alessandro Quadretti

Sono un regista e mi occupo spesso di tematiche sociali e storiche, privilegiando il racconto cinematografico puro rispetto al linguaggio da reportage.