Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Nino Benvenuti: un cuore oltre il ring

L’ultima sfida di un grande campione

1.080€
7% di 15.000€
23 ott 2017
Data chiusura
Scaduto

Nino Benvenuti: un cuore oltre il ring

L’ultima sfida di un grande campione

1.080€
7% di 15.000€
23 ott 2017
Data chiusura
Scaduto

Descrizione

Esistono atleti che hanno fatto la storia dello sport. Persone che hanno fatto sognare ed emozionare più di una generazione con il proprio coraggio, la propria classe e il proprio cuore. Prima di essere atleti, sono uomini. Hanno valori, hanno un’anima capace di andare oltre le proprie gesta sportive. Proprio questi uomini sono di più di quello che recita il loro curriculum sportivo, sono vere e proprie leggende.

Tra questi c’è Nino Benvenuti, una delle più grandi icone dello sport italiano e mondiale.

Il progetto prevede la realizzazione di un cortometraggio, diretto da Sebastiano Rizzo, un omaggio a un grande campione in occasione dei suoi 80 anni – che compirà il prossimo 26 aprile 2018 – e al 50° anniversario del match con Emile Griffith in cui Nino, il 4 marzo 1968, al Madison Square Garden di New York, conquistò definitivamente il titolo mondiale dei pesi medi.

Ma non si tratta solo di questo. È anche un ritorno alle sue origini, l’Istria, una terra di cui le giovani generazioni non ne conoscono nemmeno l’esistenza. Il progetto nasce per non dimenticare la vicenda di un intero popolo e riscrivere, attraverso la metafora dello sport, delle pagine di storia rimaste bianche per troppo tempo, quella storia che ha visto l’esodo forzato di 350 mila istriani e dalmati ed assistito, indifferente e inconsapevole, alle stragi che condussero al massacro di quasi 30.000 italiani nelle foibe.

Un racconto dove lo sport s’intreccia con le vicende della vita, dove ogni parola ha un suo peso, dove nulla è detto a caso. Una storia di sacrificio e volontà, l’epopea di un grande campione che dall’Istria ha saputo conquistare il cuore degli italiani e degli sportivi in tutto il mondo.  



Come verranno utilizzati i fondi

L’obiettivo minimo è quello di raggiungere 15.000 euro, anche se il costo finale per la realizzazione del cortometraggio supererà i 60.000 euro, per cui ci si aspetta di superare la soglia di raccolta con EPPELA ed arrivare a coprire la meta dei costi, cioè 30.000 euro. La differenza, se non sarà colmata per eccesso di offerte rispetto all’obiettivo minimo stabilito con il crowdfunding, sarà integrata tramite sponsor.

PRESENTAZIONE DEL CORTOMETRAGGIO AL PUBBLICO

Il desiderio è presentare l’opera finita il 10 febbraio, cioè il giorno del ricordo delle foibe e dell’esodo istriano-dalmata. In subordine, entro il compleanno per gli 80 anni di Nino Benvenuti, il 26 aprile 2018.

Saranno previste almeno 3 presentazioni aperte al pubblico che ha sostenuto il progetto cui seguirà un incontro-dibattito con Nino Benvenuto, il regista e gli autori.

Chi c'è dietro al progetto

CHI SIAMO

Nino Benvenuti – Protagonista del racconto. Pugile. Una delle più grandi icone dello sport italiano e mondiale. Campione Italiano. Campione Olimpico (1960). Campione Europeo. Campione del Mondo Super Welter e Medi versione WBA e WBC dal 1965 al 1970. A lui sono legate intere generazioni di sportivi italiani unite ancora nel ricordo della fantastica trilogia dei match con Emile Griffith a New York. La International Boxing Hall of Fame e la World Boxing Hall of Fame lo hanno riconosciuto fra i più grandi pugili di tutti i tempi e, recentemente, il solenne ingresso anche nella National Italian-American Sport Hall of Fame lo ha definitivamente consacrato (così come leggende quali Rocky Marciano e Joe Di Maggio) alle pagine più gloriose dello sport mondiale.

Sebastiano Rizzo – regista e attore, impegnato in film sociali e di denuncia. Nel 2011 il suo esordio alla regia con "Il paradiso può aspettare", primo spettacolo teatrale per non udenti. Nel 2012 cura la regia del cortometraggio "La Ricotta e il Caffè" (2012), per il quale riceve il Premio "Miglior regia" nell'ambito del Festival del Cinema di Tropea 2013. Il suo esordio alla regia cinematografica avviene nel 2015 con “Nomi e Cognomi” che vede come protagonisti, tra gli altri, Enrico Lo Verso e Maria Grazia Cucinotta, ambientato in Sicilia sulla tematica del giornalismo di denuncia contro la mafia. È in uscita il suo secondo film “Gramigna” ispirato sempre a temi di denuncia sociale. Come attore le opere maggiori interpretate a teatro sono: "Gli Orfani" di G. Lelo, nell'ambito de "Le Verghiane", importante rassegna teatrale catanese; il "Benignus in dolentes" (2005) di Lorenzo Cognatti, "Il paradiso può aspettare" (2006) di Mimmo La Rana, "Ora d'aria" (2008) "Romeo e Giulietta" (2009) di N. Anselmo, "Il mercante di Venezia" (2009) di Federica Tatulli. Tra il 2000 e il 2013 partecipa come attore in molteplici fiction e serie televisive di successo tra cui: "Distretto di Polizia", "Don Matteo", "Incantesimo", "Uno bianca", "Ultimo III", "Ris 5 e 7", "Squadra Antimafia 2", "Capri 3".


Chi c'è dietro al progetto

Comitato 10 febbraio – ( http://www.10febbraio.it/) - sorto successivamente alla promulgazione della Legge 92 del 30 marzo 2004 istitutiva del Giorno del Ricordo, raccoglie soprattutto cittadini italiani che, pur senza avere un legame diretto o famigliare con le tragedie delle Foibe e dell’Esodo giuliano-dalmata, si accostano con particolare sensibilità a queste pagine di storia patria. Presente con i suoi Comitati in molte regioni d’Italia (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia – Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo, Lazio, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna), il C10F collabora con altre associazioni culturali, scuole ed amministrazioni locali interessate a svolgere momenti di approfondimento sulla storia del confine orientale italiano.

Mauro Grimaldi – Storico dello sport e manager sportivo. Attualmente è il Vice Presidente della Lega Calcio Professionisti (Lega PRO). Ha ricoperto numerosi incarichi sia al CONI che in Federazione Calcio. Scrittore, ha vinto diversi premi, tra cui il Premio Selezione Bancarella Sport nel 2000 con un saggio su “Leandro Arpinati: un anarchico alla corte di Mussolini”; nel 2011 una menzione speciale al bancarella Sport con “Diari paralleli” ispirato alla trilogia dei match Benvenuti/Griffith; nel 2013 il Premio Nazionale per la letteratura sportiva Gabriele Sandri con “La Roma storia e mito”, un’opera di 4 volumi riproposta dal Corriere dello Sport nel 2015; nel 2014 il Premio selezione Bancarella Sport con “L’isola che non c’è. Il mio esodo dall’Istria” scritto con Nino Benvenuti, da cui trae origine il progetto del cortometraggio.

1505137337312497 comitato

Un progetto a cura di

In collaborazione con Comitato 10 Febbraio

Il “Comitato 10 Febbraio”, che prende il nome dal Giorno del Ricordo dei martiri delle Foibe, ha come scopo quello di aiutare i più giovani a non dimenticare. E per non dimenticare è fondamentale che i più giovani studino la storia con le sue luci e le sue ombre, con le contraddizioni e le vergogne, perché è proprio agli studenti di oggi che è dato il compito di non dimenticare mai più e di riattaccare le pagine strappate dal grande libro della storia nazionale.