Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Il Covo della Ladra: Libreria de...

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Il Covo della Ladra: Libreria del Giallo

Da Ottobre 2017, Milano non sarà più orfana e tornerà ad avere la sua libreria del giallo. Un covo, piccolo ma denso di libri, da creare insieme.

3.060€
102% di 3.000€
-5 giorni
Contribuisci

Il Covo della Ladra: Libreria del Giallo

Da Ottobre 2017, Milano non sarà più orfana e tornerà ad avere la sua libreria del giallo. Un covo, piccolo ma denso di libri, da creare insieme.

3.060€
102% di 3.000€
-5 giorni
Contribuisci

Una libreria per il quartiere. Un quartiere per una libreria

Un giorno di qualche mese fa, in un post su una social district di quartiere, lanciavo l’idea di realizzare una libreria indipendente, in cui il libro fosse un pretesto per creare un luogo in cui dare vita a corsi, incontri, laboratori, letture, incontrate autori, case editrici, scrittori di professione. Insomma un piccolo mondo fatto di libri e lettori, in una zona della città che non ha librerie, tra Via Padova e Viale Monza.

Nasce così il Covo della Ladra, una piccola libreria del giallo. Piccola ma intensa. Non immaginatevi uno di quei luoghi lineari e ultramoderni, in cui tutto è bianco e nitido. Immaginatevi, invece, una di quelle librerie un po' retrò, che traboccano di libri, in cui si respira odore di pagine nuove (ma anche un po’ vissute), dove potersi bere una tazza di americano non perché c’è la caffetteria ma perché te la offre La Ladra, con gli angoli un po’ confusi, dove si può stare anche senza dover comprare. Insomma, una parentesi di mondo fatta di romanzi gialli, noir e…un pizzico di fantasy, per grandi e piccini.

Il Covo della Ladra è una libreria che vuole mantenere un forte grado di indipendenza, scovando edizioni ed autori che non sempre rispondono alle consuete dinamiche di mercato. E fa questo, senza snaturare il suo ruolo di "punto di riferimento" per gli amanti del genere, ovvero una libreria dove poter trovare anche l'introvabile. 

Il Covo della Ladra, però, è anche un luogo del quartiere e che da questo vive e trae spunto. La Libreria lavora in stretta connessione con il quartiere che la ospita, le realtà che lo abitano e i cittadini che lo vivono, promuovendo eventi, iniziative culturali e attività in stretta connessione con Via Padova e il suo district.

Il Covo della Ladra è un luogo senza tempo, che corre contro il tempo e che non ha paura di pensare al futuro.

La nascita di un'idea

Il 1° novembre 2016, in una viuzza laterale della vitale Via Padova, nasceva un’idea: quella di aprire una libreria in un quartiere che di librerie non ne aveva da tempo. 

Quest’idea muoveva i primi passi da un piccolo sogno che una bambina, poi adolescente, aveva fatto mentre trascorreva i suoi pomeriggi dopo scuola tra gli scaffali della libreria del nonno, a Como. Un sogno che, quel 1° novembre comincia a prendere la forma di un blog letterario, Ladra di Libri, dove si leggono e recensiscono romanzi, saggi e pubblicazioni di ogni genere, dove si intervistano autori e si va on line con due appuntamenti podcast a settimana. 
Un blog che, piano ma non troppo, è cresciuto in meno di un anno e ha avuto la forza e la costanza di fare del libro il vero protagonista.

Via Padova. La Milano senza librerie

A Milano c'è una via da tutti conosciuta come quartiere multietnico, poliedrico, dalle molteplici anime e dalle profonde radici storiche. 
Si chiama Via Padova ed è ai margini nord della città, tra le arterie che portano fuori Milano, lo storico Naviglio Martesana e Piazzale Loreto
Quando si cammina per i suoi marciapiedi, si incontra l’umanità, nel bene e nel male, in ogni sua sfumatura. Ma si ha anche il privilegio di sentirsi parte di qualcosa di molto più grande, di qualcosa che ha il potere di riunire tutte le culture in 4 chilometri di negozi, artigiani, creativi, artisti e semplici cittadini. 
Via Padova è un pezzo di storia della città ed è il fulcro attorno al quale si gioca il futuro di Milano, la sua capacità di diventare moderna, di accettare tutti i suoi abitanti e di farsi accettare da loro. 


Via Padova, e il quartiere che si crea con la limitrofa Viale Monza, non ha librerie. Non le ha più da molti anni. 

Ma chi lo ha detto che non ne senta, invece, il bisogno?

I libri a scaffale

Il Covo della Ladra è una libreria dedicata al giallo, al noir ed al fantasy. 

Un genere dalla lunga storia, soprattutto a Milano, e un buon pretesto per dare vita ad una nuova amicizia, tra libri e  lettori. A scaffale sono presenti i titoli d’ultima uscita, i classici del genere ma anche un’attenta selezione tra gli editori indipendenti e gli esordienti. Nel Covo si possono trovare libri in lingua (da marzo 2018), libri di saggistica ed edizioni in selfpublishing
Al piano superiore, da gennaio 2018, sarà possibile acquistare direttamente al versione ebook per il proprio reader, e scaricarla contestualmente, grazie alla creazione di una postazione di ebook supply.
In libreria sono attive anche le ordinazioni di libri introvabili, fuori stampa o rari grazie al servizio di Book seekers, attivo anche da WApp e sito.
Il Covo della Ladra sarà anche un ebook store, dove poter trovare molti titoli tra quelli presenti a scaffale.

Una libreria di eventi e letture

Il Covo della Ladra non è solo libri. 

Intorno all’oggetto libro ruotano presentazioni, incontri con gli autori, con gli editori e i protagonisti principali della scena letteraria di genere, con un particolare legame con la città di Milano e le sue eccellenze. 

Ma non solo: corsi, laboratori, letture animate e la collaborazione costante con le principali realtà del territorio. 

La libreria ha bisogno dell'aiuto dei suoi lettori

Anche se con le nostre sole forze ce la potremmo fare, il nostro obiettivo è quello di farcela insieme, perché questa libreria possa essere veramente anche dei propri lettori. Non per altro, ai contributori più generosi, dedicheremo una pubblicazione a tiratura limitata della prima avvenuta del ladro per eccellenza, Rocambole. A tutti invece, una dedica speciale in libreria e tanti libri in regalo.

Le spese non sono molte, ma vogliamo che tutto sia perfetto: dall'arredo, ai software gestionali che ci aiuteranno a gestire il magazzino e le vendite. Soluzioni che renderanno la libreria più confortevole e più efficiente, ma soprattutto in grado, sin da subito, di offrirvi un calendario di eventi e di attività di qualità e interesse. 

Tutte queste soluzioni, e il procedere dei lavori lo potete monitorare, seguire nel loro progres realizzativo e nella loro progettazione, ogni settimana, grazie alla sezione dedicata al Covo della Ladra su www.ladradilibri.com.

Ecco il perché di un crowdfounding!

Ad ottobre, la porta del nostro Covo la aprirete voi. La Ladra e i suoi amici saranno lì, accanto a voi, con un libro in mano ed un regalo speciale per quanti ci avranno aiutato a dare a questo quartiere la sua libreria.

Chi c'è dietro al progetto

Mariana Marenghi, classe '81, la passione per la lettura, due figli,  un passato tra archivi e biblioteche. 

Da grande è social media specialist e copy, dirigendo, dal 2010, la piccola agenzia Su Due Piedi, grazie alla quale, nel 2016 lancia il progetto on line Ladra di Libri, un blog-lit - oggi più un magazine - legato al mondo dell'editoria e dei lettori. Autrice e voce delle puntate in podcast dello stesso magazine. 

Con lei, le voci, i volti e "la penna" di alcuni cittadini illustri del quartiere che appoggiano questa "impresa" e stanno aiutando la Ladra nel suo progetto, sia materialmente, sia moralmente. 

1501500453850907 img 20170126 114712

Un progetto a cura di

Mariana Marenghi "La Ladra di Libri"

Social Media Manager e Web Writer di professione, il libro è la mia passione e la mia droga. Ed anche il mio sogno. Mi piace definirmi una Ladra Di Libri a caccia di libri, nuovi e vecchi, per liberarli, affinché circolino senza barriere e senza falsi pudori. Perché ogni libro è sinonimo di sapere e il sapere rende liberi.

“La pratica è essere felice proprio lì dove ti trovi. Non senti il bisogno di diventare “qualcuno”, perchè lo sei già.”

Thich Nhat Hanh