Lost Encore, la voce dei luoghi abbandonati

Un documentario per riscoprire i luoghi più affascinanti del nostro passato, oggi spesso dimenticati

Traguardo
5.000 €
Raccolti
355 €
Scadenza
26 giorni
Sostenitori
17
Condividi

Di cosa si tratta

Perdere il passato significa perdere il futuro - Wang Shu

Chissà quante volte vi sarà capitato di imbattervi in una dimora abbandonata. L'Italia, ma anche l'Europa, è colma di edifici, strutture e ville ricche di storia ma per niente considerate. Spesso tra quelle mura si nasconde una preziosa testimonianza del passato che noi del team di Lost Encore vogliamo raccontare e far rivivere. Ma vogliamo andare oltre: sensibilizzare le proprietà al recupero di queste mete perché non restino luoghi di accanimento della natura e di persone irrispettose.

Tantissimi ci scrivono per segnalarci luoghi "lost". Per questo motivo, dopo la prima esperienza dello scorso anno, abbiamo deciso di lanciarci nella produzione di una nuova edizione. Gireremo la seconda stagione di Lost Encore aprendo i confini delle nostre ricerche. Viaggeremo per l'Italia da Nord a Sud, e da Est a Ovest per documentare i tesori dimenticati del passato. Ma non solo Italia perché alcune tappe del nostro viaggio saranno anche all'estero.

Sul canale YouTube di Lost Encore (https://www.youtube.com/channe...) potete vedere tutti i documentari della prima edizione, girati tra le province di Verbania, Varese, Biella, Lecco, Vercelli e Milano. 

Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti, non solo di coloro che credono in questo progetto ma anche di chi pensa che tutte queste dimore debbano rimanere una traccia indelebile della nostra vita, senza essere dimenticate con così tanta facilità.

Quel poco che abbiamo raccolto durante la prima stagione lo abbiamo reinvestito per acquistare le attrezzature che ci permettessero di produrre una seconda stagione professionalmente impeccabile. Se questo è stato il primo inevitabile scoglio da affrontare, va da sé che ora è tempo di mettersi in viaggio. Abbiamo bisogno di tutti voi per sostenere le spese necessarie agli spostamenti logistici nelle varie location italiane ed estere. Fissiamo dunque questo primo obiettivo di 5 mila euro per cominciare a documentare le prime mete.

Come verranno utilizzati i fondi

Dalla Basilicata, al Veneto, passando per la Toscana e la Liguria ma non solo. Mete europee come Portogallo, Slovenia e Francia. Il cammino del team di Lost Encore per riscoprire i più affascinanti luoghi abbandonati d'Italia e d'Europa è lungo e costoso. Un primo investimento per le attrezzature professionali è già stato fatto; ora, quello di cui abbiamo davvero bisogno, è un aiuto per coprire i costi delle trasferte. Le spese di viaggio per muovere l'intera troupe non sono certo trascurabili, ma per noi sono costi inevitabili. 

Chi c'è dietro al progetto

Il progetto sarà realizzato da Lost Production Tv, una neonata casa di produzione indipendente in via di sviluppo con l’appoggio di due associazioni culturali italiane, LeGGittima Difesa e Risveglio.
            
Il team è formato da:

Collaborano anche:

Piero Gatti, fotografo
Avvocati Roberto Gentina e Riccardo Sappa, responsabili legali.

Dicono di noi...

Ecco gli articoli che i giornali hanno dedicato alla prima edizione di Lost Encore... buona lettura!

La nascita di Lost Encore su La Stampa http://archivio.lastampa.it/ar...

Il Borgo abbandonato di Cuggine, a Baceno, in provincia di Verbania: http://www.ossolanews.it/ossol...

Il cimitero di Viggìù e il Grand Hotel Varese, in provincia di Varese http://www.varesenews.it/2016/...

Il rilancio di Consonno, provincia di Lecco http://lecconews.lc/news/nel-f...

Lo spartito del Diavolo, provincia di Vercelli http://www.infovercelli24.it/2...

Dicono dei luoghi abbandonati

Domodossola apre le porte alla scoperta dell'ex azienda Girola http://www.lastampa.it/2017/05...

Il Grand Hotel aperto al pubblico per la mostra sul Liberty http://www.varesenews.it/2017/...

La parrocchia di Domodossola mette in vendita la dimora che aveva ospitato i partigiani http://www.lastampa.it/2017/05...

Seguici su
Condividi il progetto
Commenti