Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

All we need is ROV

Contribuisci
Icon close white 3f944adb9c9650063a8c1683e1d9c8ddfee10ac09af1a1b67c773197c39393aa
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

All we need is ROV

Costruiamo un ROV utilizzando conoscenze e competenze. Creiamo ambienti didattici e sosteniamo la salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità.

805€
12% di 7.000€
-19 giorni
Postepay Crowd
Contribuisci

All we need is ROV

Costruiamo un ROV utilizzando conoscenze e competenze. Creiamo ambienti didattici e sosteniamo la salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità.

805€
12% di 7.000€
-19 giorni
Postepay Crowd
Contribuisci

ROV - Veicolo filoguidato per esplorazioni subacquee

Il progetto Rov nasce dalla riflessione sulla pervasività dell’innovazione tecnologica partendo dall’intelligenza artificiale fino ad arrivare alla realizzazione di semplici droni.

I settori innovativi e i possibili prototipi realizzabili ci hanno portato a cercare di aprire la didattica a un’ innovazione che si realizzasse nel concreto e fosse alla portata degli allievi dell’Itis, in particolare del corso di elettronica .

Siamo inoltre partiti dalla considerazione che il nostro territorio è fortemente legato al mare ed abbiamo pensato di adattare la tecnologia, su cui si basa la realizzazione di un drone, ad un veicolo che fosse in grado di esplorare i fondali marini.

In seguito a ricerche e studi in rete su siti specializzati abbiamo scoperto il ROV.

Tale veicolo è parso adatto , didatticamente interessante e di possibile realizzazione da parte degli studenti , in special modo, del corso di elettronica. 

Il nostro ROV

Il progetto base verrà implementato con nuove e innovative funzionalità che meglio soddisfino le nostre aspettative.

L'apparecchio sarà dotato di un’interfaccia di tele gestione in grado di comunicare in remoto e monitorare il fondale da postazioni a terra, dando la possibilità a chi non può recarsi sul mezzo nautico di supporto, di poter comunque operare sul ROV anche da casa o da scuola, allargando il campo di utilizzo dell’esplorazione a chiunque sia interessato.

Verrà inoltre dotato di sensori ed apparecchiature in grado di prelevare campioni o di sondare parametri fisici/chimici al fine di controllare eventuali inquinamenti o semplicemente studiare l’habitat dei fondali esaminati. Per questi scopi riteniamo che la collaborazione tra gli studenti di elettronica, di informatica, ma anche dei chimici e dei ragazzi dell’Istituto Nautico possa darci modo di raggiungere realisticamente i nostri ambiziosi obbiettivi, sfruttando le competenze di tutti.

Il Rov , che si intende realizzare, sarà di tipo subacqueo idoneo quindi alle immersioni e sarà dotato di telecamera. Esso consentirà numerosi impieghi: l'esplorazione dei fondali e degli ambienti marini ai fini della salvaguardia ambientale , la visione dello stato delle chiglie di imbarcazioni o la possibilità di rintracciare la presenza di eventuali relitti. Se dotato di un braccio, potrebbe anche essere in grado di effettuare recuperi o prelievi.

All’ interno del nostro Polo tecnologico, di cui fa parte l’ ITIS , è presente anche un Istituto Nautico, che ci permetterà di testare il nostro prototipo direttamente in mare utilizzando l'imbarcazione in dotazione all'Istituto.

Le applicazioni del Rov , come detto sopra, sono numerose e il nostro prototipo potrebbe essere utilizzato dagli operatori marittimi, compresi i centri di diving, che rappresentano una grossa percentuale dell'economia della nostra città.

Questo forte legame tra il progetto e l'economia del territorio ci ha suggerito inoltre le basi per un percorso di alternanza scuola lavoro.

Tutte le fasi dell'attività di crowdfunding sono state, a tale proposito, elaborate durante l'esperienza di alternanza scuola lavoro degli studenti della classe IV Itis corso elettronica e si sono mostrate un'utile palestra per la futura imprenditorialità. Il crowdfunding infatti sarà una delle principali risorse per finanziare imprese innovative.

Come verranno utilizzati i fondi

I fondi raccolti verranno utilizzati principalmente per l'acquisto del materiale necessario per la costruzione fisica dell'apparecchio. La restante parte della somma sarà utilizzata per la sperimentazione pratica del ROV: l'adattamento del progetto alle nostre esigenze specifiche, collaudo dell'apparecchio in mare, eventuali aggiustamenti ed ulteriori implementazioni tecniche (dotazioni meccaniche, collegamenti via radio, manovrabilità da remoto.

Chi c'è dietro al progetto

Siamo un gruppo di studenti dell'ITIS Galilei e ITN Doria  di Imperia. Il nostro team di lavoro è di estrazione eterogenea poiché apparteniamo a differenti percorsi di studio all'interno dello stesso Polo. L' idea del ROV è nata dalla necessità di coniugare l'esigenza, per alcuni di noi, di realizzare il percorso di Alternanza Scuola Lavoro e nello stesso tempo dotare gli istituti di uno strumento in grado di promuovere la protezione e la salvaguardia dell'ambiente marino e delle biodiversità nonché monitorare lo stato degli scafi delle imbarcazioni.Tra noi ci sono studenti di elettronica, che si occuperanno della progettazione e costruzione del robot, studenti di chimica che testeranno i materiali da utilizzare affinché siano idonei all'ambiente subacqueo (resistenza a fattori fisici e chimici) e infine, ma non da ultimi, studenti del nautico che verificheranno sul campo tenuta e funzionalità del ROV.  Il Polo Tecnologico è dotato di laboratori di elettronica, informatica, meccanica  e chimica, e vi è la possibilità di usufruire delle imbarcazioni dell'Istituto Nautico, pertanto, con l'ausilio e il sostegno dei nostri docenti desidereremmo realizzare il veicolo al fine di poter tradurre le nostre conoscenze ed abilità individuali in competenze pratiche. Questa esperienza ci sta aiutando dal punto di vista umano a tessere relazioni con il mondo del lavoro, a lavorare in gruppo, dividendoci le mansioni ed a cooperare per raggiungere un unico grande obiettivo: la costruzione del ROV. Abbiamo previsto delle ricompense simboliche per i nostri sostenitori poiché, come studenti, non possiamo altro. Attribuiamo un valore didattico notevole a questa esperienza e speriamo di poterla realizzare grazie al vostro contributo.  Sarebbe molto gratificante riuscire a realizzare il ROV come risposta concreta  al mondo degli operatori marittimi e come strumento per proporre soluzioni concrete per la salvaguardia del nostro mare. 

1490027946539602 copertina

Un progetto a cura di

ITIS Galilei

L’ITIS Galilei e l’ITN Doria appartengono al Polo Tecnologico Imperiese. L’idea di un ROV nasce per migliorare la preparazione dei ragazzi del corso di Elettronica dell’ITIS e si lega alla necessità degli alunni dell’Istituto Nautico di sfruttare nuove apparecchiature per le esercitazioni marittime. Utilizzeremo i laboratori e la nostra preparazione per realizzare il prototipo; la barca di proprietà del Polo, “Bavaria 44”, ne permetterà la sperimentazione al largo delle coste imperiesi.