Un Defibrillatore per il progetto #MyProtection

#MyProtection mira a diffondere capillarmente i Defibrillatori in Valle di Susa formando le persone comuni al loro utilizzo in caso di emergenza

Questo progetto è supportato da

Traguardo
2.200 €
Raccolti
3.547 €
Scadenza
5 giorni
Sostenitori
34
Condividi

Di cosa si tratta

Il Comitato CRI di Susa è impegnato in prima persona nella promozione della salute ed in particolar modo nella lotta alla morte cardiaca improvvisa sin dalla sua fondazione, nel 1998. In Italia, ogni anno, ben 70mila persone vengono colpite da questa grave situazione di emergenza caratterizzata dalla repentina cessazione dell'attività di pompa del cuore, dalla perdita di coscienza e dall'assenza di respiro.
Alla base di questo problema vi è un alterazione del ritmo cardiaco che i soccorritori, spesso non professionisti ma semplici persone che assistono all’evento, dovranno trattare con immediatezza e lucidità.

Allo scopo di incidere in maniera rilevante sulla mortalità sono fondamentali due condizioni:
- Numero di persone formate sul territorio;
- Diffusione capillare dei Defibrillatori Semi Automatici (DAE).

Attraverso il progetto #MyProtection Croce Rossa Italiana si propone dunque di raggiungere i seguenti obiettivi:
- Educare la popolazione ai gesti di primo soccorso e all’utilizzo del DAE;
- Aumentare il numero di defibrillatori presenti sul territorio con particolare riferimento ai luoghi pubblici;

Come verranno utilizzati i fondi

Per finanziare il progetto il Comitato CRI di Susa ha disposto la creazione di un apposito fondo, denominato “Fondo #MyProtection” in cui far confluire le risorse dedicate a questa iniziativa.

A titolo esemplificativo si riportano di seguito i costi standard per l’installazione di ogni singola “postazione salvavita” sul territorio:
- € 1.100,00 (Defibrillatore Automatico + piastre adulti/pediatriche)
- € 500,00 (Teca esterna riscaldata e allarmata per posizionamento DAE)
- € 150,00 (Spesa per installazione della teca e collegamento elettrico)
- € 40,00 a persona (Formazione base BLSD)
- € 10,00 a persona (Formazione retraining BLSD)

Per ogni postazione salvavita è dunque ipotizzabile un impegno economico pari a € 2.200,00 (posizionamento DAE + teca esterna e formazione degli addetti).

La nostra presenza su Eppela mira a finanziare l'installazione di una postazione salvavita con le caratteristiche sopra descritte, nell'ambito del progetto #MyProtection.

Sul sito internet www.cri-susa.it è consultabile la sezione relativa al progetto #MyProtection per verificare l'utilizzo dei fondi raccolti e la diffusione delle postazioni salvavita sul territorio.

Se non si raggiungerà il target predefinito (2.200,00 €) le somme saranno restituite e purtroppo non sarà possibile realizzare l'obiettivo.

Chi c'è dietro al progetto

Il progetto è sviluppato da Croce Rossa Italiana - Comitato di Susa con la collaborazione delle Istituzioni del territorio.
Croce Rossa Italiana è attiva a Susa dal 1998 e sin da allora si è attivamente impegnata in azioni di tutela della salute e promozione di stili di vita sani e corretti.
La diffusione dei gesti di primo soccorso e la defibrillazione precoce rientrano infatti tra le nostre principali attività preventive portate avanti sul territorio.

Sul sito internet www.cri-susa.it o sui nostri canali social si possono scoprire nel dettaglio tutte le attività e i servizi svolti sul territorio.

Case history

Nel 2014, grazie ai fondi raccolti durante l’evento sportivo benefico “StraSusa”, organizzato dalla CRI, sono stati donati 3 Defibrillatori Automatici Esterni (DAE) alle scuole del territorio organizzando inoltre la formazione degli studenti, insegnanti e operatori scolastici.

Al momento sono 6 i Defibrillatori già in possesso della Croce Rossa Italiana – Comitato di Susa, installati sui mezzi di soccorso/trasporto ed utilizzati in occasione dei servizi di assistenza sanitaria sul territorio.

Un’ulteriore DAE è posizionato presso il Centralino della sede principale di Susa (Corso Stati Uniti, 5 – nel complesso della stazione ferroviaria); il dispositivo è registrato anche sull’applicativo web daedove.it e sul portale di geolocalizzazione dei Defibrillatori messo a punto dalla Regione Piemonte. 

Dicono di noi

Ecco una breve rassegna stampa relativa al progetto:

Condividi il progetto
Commenti