Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Widget

Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Testo copiato

Giardin8: esperimenti di agricoltura sociale a Torino

Socialità ed inclusione di persone deboli, marginali o svantaggiati attraverso percorsi di agricoltura sociale e recupero di aree verdi in disuso

10.005€
100% di 10.000€
20 mag 2017
Data chiusura
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Giardin8: esperimenti di agricoltura sociale a Torino

Socialità ed inclusione di persone deboli, marginali o svantaggiati attraverso percorsi di agricoltura sociale e recupero di aree verdi in disuso

10.005€
100% di 10.000€
20 mag 2017
Data chiusura
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Finanziato

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Creazione di un luogo di socialità ed inclusione

Il progetto, promosso da MAIS Ong in partenariato con altri enti, mira, attraverso il recupero di un’area verde attualmente in disuso della Circoscrizione 8, alla creazione di un luogo di socialità ed inclusione mediante percorsi di agricoltura sociale, una pratica innovativa che, attraverso iniziative promosse in ambito agricolo e alimentare, intende favorire il reinserimento terapeutico di soggetti svantaggiati nella comunità e al contempo produrre beni e contribuire alla creazione di reddito.

L’area in questione, che verrà convertita in giardino fiorito circondato da orti pensili, coinvolgerà 10 persone individuate dai servizi socio-assistenziali della Circoscrizione 8 tra gli adulti in difficoltà, di origine italiana e straniera, presenti sul territorio. Gli orti verranno ricavati all’interno di oggetti di recupero, riempiti di terriccio importato, nei quali sarà possibile coltivare piante aromatiche ed ortaggi per l’alimentazione.

Il progetto, della durata di 6 mesi, prevede nello specifico:
  • la realizzazione di corsi di giardinaggio e orticoltura; 
  • visite sul territorio della città di Torino per osservare altri progetti di orticoltura urbana e cittadinanza attiva; 
  • decorazione degli spazi, degli orti pensili e delle attrezzature. 

Durante il periodo progettuale, i beneficiari che avranno partecipato a tutte le attività riceveranno 100€ al mese in voucher a titolo di rimborso spese. Inoltre, una volta avviata la produzione di erbe aromatiche ed ortaggi, verrà realizzato un mercatino per far conoscere al pubblico la realtà del Giardin8 e dare la possibilità di acquistarne i prodotti, coinvolgendo soprattutto quegli esercizi commerciali che nel quartiere offrono cibi biologici e a km 0. Si genereranno, così, piccole rendite per garantire sia la sostenibilità e l’autonomia delle attività nel tempo sia l’acquisto dei materiali e delle attrezzature necessarie. I prodotti in eccesso o invenduti saranno destinati al consumo personale degli utilizzatori del Giardin8. 

Questa iniziativa progettuale, da una parte, contribuirà a creare e a consolidare il tessuto sociale, costruendo coesione e sviluppo del territorio e garantendo il sostegno a favore delle persone maggiormente in difficoltà, dall’altra promuoverà il benessere psicofisico della persona attraverso il mantenimento/ripristino delle relazioni personali, familiari e sociali contrastando ogni forma di discriminazione, potenziando le capacità personali ed incoraggiando il protagonismo dell’individuo.

Formazione, borse lavoro, sementi e attrezzature

I fondi verranno utilizzati per sostenere tutte le attività necessarie all’implementazione del progetto: percorsi di formazione pratica e teorica, erogazione di borse lavoro, acquisto di materiali ed attrezzature.

Il 30% dei fondi sarà destinato alla formazione. Questa consisterà in corsi di giardinaggio e orticoltura che prevederanno sia lezioni teoriche all’interno degli spazi messi a disposizione dalla Circoscrizione 8, sia attività pratiche nell’area verde in disuso che verrà convertita in un giardino con fiori, ortaggi, piante aromatiche e decorative. I corsi, tenuti da ARI e volti a fornire competenze sull’orticoltura e su una corretta gestione del giardino, riguarderanno: preparazione del terreno alla semina, realizzazione e corretta  gestione delle piante aromatiche, semina, piantumazione, rinvasi, trapianti, tecniche di irrigazione a risparmio idrico, ecc.
A ciò si aggiungeranno, inoltre, le attività che saranno svolte sul campo dai beneficiari durante i 6 mesi di progetto con il supporto e il tutoraggio dei facilitatori di  MAIS e di RETE, i quali si occuperanno della gestione del gruppo, dei processi di socializzazione, di partecipazione e di cittadinanza attiva.
Tutte le attività verranno condotte utilizzando la metodologia dell’apprendere-facendo e dell’apprendimento tra pari.

Il 60% dei fondi sarà utilizzato per l’erogazione di 10 borse lavoro: i beneficiari/utilizzatori che frequenteranno i corsi e svolgeranno attività al Giardin8 per almeno il 75% delle ore mensili, riceveranno 100€ al mese in “buoni lavoro” (voucher) a titolo di rimborso spese ed incentivo alla partecipazione.

Il 10% dei fondi sarà infine destinato all’acquisto dei materiali e dell’attrezzatura necessaria allo svolgimento delle attività all’interno dell’area verde: guanti, zappe, rastrelli, forbici, sementi, cesoie, ecc.

MAIS, RE.TE., ARI, Rabadan, Amici di MAIS, Circoscrizione 8

MAISMovimento per l’Autosviluppo, l’Interscambio e la Solidarietà è una Ong torinese attiva dal 1990. Promuove la cooperazione tra i popoli e la costruzione di un mondo più giusto e solidale, sostenendo  progetti di autosviluppo, difesa dei diritti umani e contro ogni forma di sfruttamento e di esclusione sociale, in particolar modo di quei settori più vulnerabili come i minori, le donne, i piccoli produttori e in generale tutti i soggetti ai quali non vengono riconosciuti libertà e diritti. MAIS promuove differenti forme di interscambio di esperienze, sia all’interno dei diversi paesi del Sud del mondo in cui opera, che tra il Nord e il Sud, con lo scopo di favorire l’informazione e la riflessione sulle cause dell’ingiustizia, dello sfruttamento e della disuguaglianza sociale ed economica.

RETE è una Ong nata nei primi anni ‘80 con l’idea di mettere insieme le competenze tecniche di persone e di enti per costruire iniziative di solidarietà e cooperazione nel Sud del mondo. Realizza progetti di Cooperazione allo Sviluppo per incrementare le competenze professionali, promuovere l’inserimento lavorativo dei giovani e delle donne, dare impulso all’auto-impiego con la formazione e con il micro-credito, appoggiare le organizzazioni di base dei piccoli produttori, quali cooperative e consorzi, promuovere uno spirito di solidarietà comunitario.

ARI – Associazione Rurale Italiana è membro del Coordinamento Europeo Via Campesina. Si propone di raggruppare in una forza collettiva organizzata e rappresentativa persone e gruppi impegnati in favore di modelli di agricoltura contadina, compatibili con la sovranità alimentare intesa come diritto e dovere di ogni popolo a produrre e consumare il proprio cibo. E’ a favore di politiche agricole che sostengano ed incoraggino uno sviluppo equo e solidale, secondo forme adatte ad ogni diverso ambiente rurale italiano.

RABADAN è un laboratorio di espressione artistica afferente alla Circoscrizione 8 che utilizza prevalentemente materiali di scarto con l'obiettivo di "cambiare faccia al rifiuto" in senso pratico e metaforico. Dal 1999 ad oggi ha coinvolto nelle sue attività utenti disabili delle Circoscrizioni 8, 1 e 9, adulti e bambini delle scuole, signore e signori del Centro d'Incontro Borgo Po. Amici di MAIS è un’associazione di volontariato che si occupa dal 2012 di sensibilizzazione a livello cittadino (Torino) e regionale sui temi dei diritti umani e dello sviluppo sostenibile.

1488962631295291 mais

Un progetto a cura di

M.A.I.S. Ong

MAIS è una Ong torinese che dal 1990 opera nel settore della cooperazione internazionale e dell'educazione alla cittadinanza mondiale, promuovendo la partecipazione e il protagonismo dei settori sociali più vulnerabili. Sulla base di questi valori e dell'esperienza maturata negli anni, nasce il progetto Giardin8, volto a favorire, attraverso percorsi di agricoltura sociale, il reinserimento di soggetti svantaggiati all'interno della comunità e a contribuire alla creazione di reddito.