Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Leonardo 3D | L3D

L'officina che integra la didattica tradizionale con l'esperienza digitale.​

9.518€
159% di 6.000€
25 apr 2017
Data chiusura
FASTUP SCHOOL
Finanziato

Leonardo 3D | L3D

L'officina che integra la didattica tradizionale con l'esperienza digitale.​

9.518€
159% di 6.000€
25 apr 2017
Data chiusura
FASTUP SCHOOL
Finanziato

Di cosa si tratta

Leonardo? Un genio.

Anche un po’ pazzo. Capace di immaginare, progettare e realizzare una vita che gira tra le nuvole come macchina per volare. Anche noi vorremmo diventare capaci di immaginare e realizzare le macchine del futuro ma con gli strumenti del presente: basta vinavil, compensato, carta, penna…: vorremmo che l’arte e l’architettura, la geometria e la matematica possano entrare nella nostra vita quotidiana e nella nostra scuola, non solo come una materia da studiare ma come occasione per fare. 

Una nuova esperienza didattica da realizzare e far provare anche a chi verrà dopo di noi al San Giuseppe, dove potranno imparare anche attraverso l'esperienza digitale.

Vite aerea, progetto di Leonardo

Per questo, il nostro desiderio  è dotarci di un’officina digitale, con cui re-inventare le macchine di Leonardo attraverso quanto si trova in un Fabrication Laboratory (Fablab): laser cutter, stampanti e scanner 3D e nuovi materiali.

Con Leonardo3D | L3D  vogliamo rinnovare il modo di apprendere la storia, l’arte, la matematica, attraverso, forse, la più grande dote del genio Leonardo: la capacità di immaginare e creare!

Siamo stati catturati dalla possibilità di avere, a scuola, un modo nuovo con cui confrontarci. Abbiamo visitato Opendotlab, uno dei Fablab che ci sono a Milano e abbiamo potuto vedere con i nostri occhi quanto è possibile realizzare! Quello che ci ha catturato non è tanto il cosa, ma il come: il Fablab si propone come officina aperta, dove tanto i curiosi quanto gli esperti possono  realizzare con estrema rapidità prototipi,  modelli e oggetti strabilianti.

E se questo non bastasse, l’anno scorso abbiamo avuto l'opportunità di visitare la mostra delle macchine di Leonardo, apprezzandone il genio, la capacità di immaginare, progettare e realizzare. È stato questo che ci ha portato a proporre il progetto Leonardo 3D: perché non mettere alla prova gli strumenti, le tecniche e i software del nostro fablab proprio con le creazioni di Leonardo? Come potrebbero essere pensate e create quelle medesime macchine con gli strumenti di oggi e dai ragazzi di un'epoca tanto diversa?

Un pezzo alla volta

Risultati immagini per carrucola leonardoPer realizzare macchine complesse come quelle di Leonardo richiede tempo, conoscenze, cura e precisione: occorre pertanto progettare e realizzare un pezzo alla volta. 

Se si vuole ottenere una carrucola, si può partire ad esempio dalla puleggia! 

Risultati immagini per pulley 3d modelLe macchine di Leonardo rappresentano la tappa finale di un lungo percorso che accompagnerà e coinvolgerà negli anni diverse classi e diversi docenti, dando tensione e identità al laboratorio. 

Nel mezzo ci saranno tante altre opportunità e progetti, di complessità crescente: 

per iniziare, ad esempio, Federico ha suggerito di realizzare e regalare a tutti i donatori un portachiavi di Mr. Brain, la mascotte della nostra scuola!

Ci piacerebbe anche imparare a riprodurre in tre dimensioni alcuni dei più famosi monumentiLorenzo ad esempio vorrebbe realizzare una fedelissima riproduzione delle Torri Gemelle!

Ci sarà perciò da imparare anche come si fa a creare modelli digitali in tre dimensioni, utilizzando software specifici. I ragazzi di Opendotlab ci hanno già saputo indicare software gratuiti, ideali per iniziare e repository di modelli già pronti. 

Per questo vorremmo chiedere a chi già sa utilizzare questi strumenti di spiegarci come si fa e ci piacerebbe offrire questa opportunità non soltanto a noi e ai nostri compagni delle altre classi e dei prossimi anni, ma anche a chi è esterno alla scuola e anche a te, se credi nel nostro progetto!  

Fare, giocare, servire

C'è una cosa importante da tenere a mente, soprattutto da parte degli insegnanti, semplice a dirsi, difficile da realizzare: 

nessuno strumento, nessun laboratorio all'avanguardia potrà dirsi veramente a servizio della formazione dei ragazzi se i gli insegnanti stessi non saranno in grado di coglierne l'aspetto innovativo e di comprenderne le potenzialità, in relazione alle conoscenze che desiderano condividere con i ragazzi.

Per questo motivo riteniamo fondamentale impostare, con il supporto degli ideatori del primo fablab italiano, due percorsi formativi: 

  • il primo diretto principalmente agli insegnanti e volto a ripensare alle modalità e all'approccio della didattica in relazione alle opportunità che offrono la filosofia del making e, più in generale del learning by doing and playing ;
  • il secondo diretto al pubblico più vasto, a partire da chi abita i quartieri "Cimiano" e "Crescenzago" e la zona di via Padova, a Milano, finalizzato ad apprendere tecniche e uso di nuovi macchinari e nuovi materiali. L'apertura al quartiere (sarà entusiasmante capire insieme ai ragazzi le regole e le modalità di accesso al laboratorio) è, per l'Istituto, un passaggio fondamentale per sperimentare il principio del service learning.

Un laboratorio, due percorsi, tre modi di apprendere: attraverso il fare, attraverso il giocare, attraverso il servire

I protagonisti del progetto

Leonardo 3D | L3D rappresenta non solo un'opportunità per imparare e crescere ma anche l'occasione per sviluppare un progetto attraverso il contributo dei tanti soggetti che gravitano attorno al nostro Istituto.

I ragazzi, dapprima i più grandi, di terza A e di terza B secondaria, sono e saranno protagonisti insostituibili. Nonostante la bella preoccupazione di non potere vedere o toccare nulla di quanto hanno finora immaginato, sono stati i primi a immaginare l'idea, il concetto: nuovi modi, nuovi approcci per imparare, facendo. In seguito, individuata l'opportunità giusta, sono e saranno protagonisti:

  • dell'ideazione e realizzazione del materiale a supporto della campagna di comunicazione: locandina, video promozionale, leaflet, un grande cartellone-contatore  (tipo count-down) posto nell'atrio di ingresso della scuola per rendere visibile la distanza dal raggiungimento dell'obiettivo di raccolta fondi;
  • della ideazione e realizzazione di alcuni dei gadget che verranno restituiti a fronte  delle donazioni raccolte, prima occasione stessa di utilizzare il laboratorio
  • dell'apprendimento dell'uso delle apparecchiature

Infine i docenti, che hanno colto le opportunità che Leonardo 3D può creare e gli interessanti spazi che potrebbe aprire in relazione alla propria formazione e all'attività didattica. 

Non partiamo da zero!

La realizzazione di un laboratorio creativo, ovvero del "Laboratorio di attività manuali e artistiche" rappresenta un impegno che l'Istituto ha già ha preso e sta realizzando con fondi propri. Con Leonardo 3D vorremmo integrare quel laboratorio, nel nome e nella sostanza!

Allo stesso tempo l'Istituto dispone già di alcuni strumenti tradizionali che rappresentano un essenziale punto di partenza e di raccordo tra il "fare" passato e futuro:  un intero Laboratorio informatico utilizzato a pieno regime da tutte le classi della Scuola primaria e secondaria e vari strumenti di lavoro: trapano, trapano a colonna, archetti da traforo, computer, scanner, LIM e, da ultimo, uno scanner 3D acquisito attraverso le iniziative di Coop per la scuola e Amici di scuola di Esselunga.

Con il contributo dei donatori intendiamo ampliare e integrare la dotazione esistente, acquistando:

  • due stampanti 3D;
  • materiali per la stampa, ovvero 10-15 kg di filamento in ecopolimero di diversi colori;
  • materiale per realizzare stampi, ovvero circa 10 kg di silicone da colata, per realizzare copie analogiche degli oggetti originali;
  • un plotter vinilico che consente di incidere supporti in vinile per realizzare etichette e adesivi e il passaggi dal modello digitale ad analogico. Inoltre, modificando con attenzione le impostazioni del plotter, rende possibile anche l'incisione di carta e cartone;
  • vernici, per decorare e personalizzare i prototipi monocolore realizzati
  • strumenti e cancelleria di base

Gli strumenti e i materiali sopra elencati saranno oltretutto utilizzati per realizzare parte delle ricompense che proponiamo. 

Resta escluso dall'elenco l'acquisto di una macchina laser cutter, non solo perché fuori budget ma anche perché per il momento sovradimensionato rispetto alle nostre capacità e competenze. Ma in futuro...

Infine, acquisteremo la prestazione dei professionisti che abbiamo avuto già il piacere di incontrare per accompagnarci nella realizzazione del laboratorio e dei percorsi formativi descritti precedentemente.

In conclusione

Grazie a quanto impariamo tutti i giorni, attraverso la matematica e l’arte, la geometria e la tecnologia, con tanto impegno e un pizzico di fortuna crediamo di potere avere successo: cosa mai potrà succedere, al massimo sbaglieremo! 

Sì, vogliamo imparare a sbagliare come Leonardo da Vinci: immaginando un paracadute che non avrebbe mai funzionato, inutili veicoli a molla o elicotteri troppo pesanti per volare!

Se credi che a scuola si possa imparare in maniera diversa...

... Leonardo 3D è anche il tuo progetto: aiutiamoci allora a trasformarlo in reale opportunità!

1486670460556089 fede manali

Un progetto a cura di

Federico

Mi chiamo Federico e sono il docente del Laboratorio Digitale per la scuola secondaria di primo grado, presso l'Istituto San Giuseppe La Salle a Milano. Credo nell'importanza del fare e credo nell'infinita capacità creativa di bambini e ragazzi. Leonardo 3D può caratterizzare la scuola come luogo in cui i ragazzi possano appassionarsi e, attraverso ciò, apprendere. L3D rappresenta una grande occasione di crescita e aggiornamento professionale per i docenti.