Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Aiutiamo i volontari in Alta Val Tanaro

Le comunità colpite dall'alluvione di novembre in Piemonte cercano fondi per ripristinare i servizi essenziali

1.785€
179% di 1.000€
15 gen 2017
Data chiusura
Finanziato

Aiutiamo i volontari in Alta Val Tanaro

Le comunità colpite dall'alluvione di novembre in Piemonte cercano fondi per ripristinare i servizi essenziali

1.785€
179% di 1.000€
15 gen 2017
Data chiusura
Finanziato

L'alluvione in Valle

Tra il 25 e il 26 novembre 2016 l'Alta Val Tanaro in Piemonte è stata colpita da una grave alluvione, come già accadde 20 anni prima. Questa volta fortunatamente non ci sono stati dispersi, ma i danni alle case, alle attività piccole e grandi e ai servizi comuni sono stati enormi. Da Ormea a Ceva, gli abitanti hanno visto la furia dell'acqua portarsi via centinaia di metri cubi di riva, insieme ad alcune abitazioni, strade e terreni.

Priola, uno dei comuni più piccoli della Valle, è rimasto isolato per quasi due giorni, le forniture elettriche e di gas sono state bloccate per circa quattro giorni. Ma la situazione più grave si è verificata nella frazione di Pianchiosso... qui le parole ci mancano e bastano le immagini per capire...

I danni a Priola

Il Comune di Priola, tra Garessio e Bagnasco, abitato da circa 750 persone è stato tra i più colpiti dall'alluvione perché tra le altre cose ha perso la pista ciclabile e la ferrovia. Delle quattro frazioni che compongono in paese, due sono rimaste isolate per diversi giorni e hanno avuto gravissimi danni e solo grazie al lavoro dell'Esercito, della Protezione Civile e dei volontari la frazione di Pianchiosso, la più colpita, è stata "ricollegata" dopo sette giorni.

I danni sono ingenti e saranno necessari molti mesi per ripristinare le abitazioni delle venti famiglie di Pianchiosso con le case più vicine al fiume.

Da "La Stampa" del 25 novembre

Ore 19,13

Dodici persone sono state evacuate nel pomeriggio con un elicottero dell’Esercito da Pianchiosso, una frazione del Comune di Priola, a forte rischio idrogeologico e rimasto isolato a causa dell’alluvione. L’allarme è scattato su allertamento dei vigili del fuoco di Torino che, in coordinamento con la Protezione civile, hanno richiesto supporto al Comando delle Operazioni aeree di Poggio Renatico che ha subito reso disponibile un elicottero UH205 del 34/o Gruppo Squadroni dell’Aviazione dell’ Esercito. Con tre viaggi da Garessio a Pianchiosso l’elicottero ha trasportato viveri, medicinali e acqua all’andata, recuperando le 12 persone al rientro.

Le ragioni della campagna

Al momento dell'inizio di questa campagna di raccolta fondi non è ancora stato decretato lo "stato di calamità" che determina lo sblocco dei fondi necessari per coprire i costi legati alle misure straordinarie d'intervento: alloggiamenti per le persone che lasciano la propria casa, pasti per il personale di soccorso, carburante per i mezzi speciali, attrezzature varie.

Il Comune di Priola, con i pochi fondi a propria disposizione, e la comprensione delle aziende e dei volontari, è intervento nei primi giorni ma ora sono necessari dei fondi ulteriori, altrimenti sarà impossibile andare avanti.

II denaro raccolto attraverso questa campagna sarà impiegato per:

  • acquistare alcune attrezzature tecniche per mettere in sicurezza di strutture e impianti
  • garantire i pasti ai volontari attivi sul campo
  • rifornire i mezzi speciali (ruspe, scavatori, camionette) per la rimozione di grandi tronchi, rocce e detriti portati dalla piena.

Chi c'è dietro al progetto

A lanciare la campagna è il Sindaco di Priola, Luciano Sciandra, attraverso l'Associazione culturale "Amici di Pievetta" (una delle frazioni di Priola). L'Associazione impiegherà la cifra raccolta secondo l'urgenza e nell'interesse del maggior numero di persone possibili.

Vuoi aiutarci ma non hai carta di credito? Ecco le nostre coordinate Bancarie:
Associazione Amici di Pievetta
IT65G0342546350000000023502
presso Banco Azzoaglio, agenzia di Garessio

1480897120929772 biancone ng3

Un progetto a cura di

Comune di Priola

Priola è un comune di 745 abitanti in provincia di Cuneo, in Piemonte. Si trova al centro della Val Tanaro tra Garessio e Bagnasco a 530 di altezza.

Il simbolo sulla stemma è un biancone, un uccello rapace grande ed elegante che costruisce il proprio nido sulle nostre montagne.