Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Un film sulla strada di Oz

La ricerca della normalità per un mondo come dovrebbe essere

10.410€
104% di 10.000€
18 mar 2017
Data chiusura
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Finanziato

Un film sulla strada di Oz

La ricerca della normalità per un mondo come dovrebbe essere

10.410€
104% di 10.000€
18 mar 2017
Data chiusura
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Finanziato

Di cosa si tratta

Realizzato nell'arco di 5 anni, il film racconta da vicino le vite di cinque bambini, ospiti di CasaOz, colpiti da gravi malattie e delle loro famiglie. Attorno a loro, tante altre storie di persone si incrociano in questo spazio e si aiutano; una convivenza serena in cui pare quasi normale poter trasformare la disperazione in gioia di vivere. Il film colpisce non per aspetti pietistici, ma perché è uno stimolo per rimettere nel giusto ordine le priorità della vita.

La prima stesura del film è stata presentata nella sezione fuori concorso del 32° Torino Film Festival, con buon riscontro sia di pubblico che di critica.

Vogliamo ultimare e perfezionare il prodotto per veicolarlo con finalità educative all'interno delle scuole e per sensibilizzare la società civile sul tema della malattia infantile, attraverso la produzione di 1.000 DVD in concomitanza del 10° anniversario di CasaOz nel 2017.

Il film è una metafora del viaggio e della vita. Dal racconto di queste famiglie, ma soprattutto dei bambini è chiaro che non siano loro a essere inadeguati al mondo, ma gli altri, cioè noi.

Per i genitori coinvolti, la realizzazione del film ha comportato un percorso tortuoso per cercare una risposta al senso di ingiustizia che si prova di fronte all'evento più terribile che possa capitare: la malattia che rovina o spezza la vita di un figlio. Per rispondere a questa domanda bisogna prima sapere che cosa sia la vita: questi bambini ce lo trasferiscono inconsapevolmente, e la risposta è il film.

Riteniamo che il cinema sia il mezzo ideale per diffondere le storie, perché permette anche a chi soffre di non sentirsi solo, perché altri prima di lui hanno affrontato simili difficoltà e ce l’hanno fatta. Ciò dà speranza.

Il regista Avataneo: "A CasaOz c’è qualcosa di rivoluzionario che all'inizio non riuscivo a capire: un gruppo di persone ha costruito un luogo magico in cui tutte le diversità convivono normalmente, un trasformatore di sentimenti in grado di tirare fuori il meglio da chiunque entri in questa casa, che è un po’ circo, scuola, cucina, accampamento, laboratorio, parco giochi e tutte le altre cose belle e normali che rassicurano i bambini.

A CasaOz ho visto che un altro mondo esiste, che le difficoltà si superano stando insieme, che il dolore si può trasformare in coraggio e la disperazione in gioia di vivere, e che si possono abbattere i propri limiti mentali e culturali per sentirsi parte di una sola famiglia, la famiglia umana".

Cosa faremo con i fondi raccolti?

I fondi raccolti serviranno ad ultimare la post produzione del film e a curare la produzione delle prime 1.000 copie del DVD per farne un'edizione speciale per 10 anni di CasaOz, che si compiranno nel mese di maggio 2017.

Nello specifico si tratta di ultimare la colonna sonora, il mix audio, formulare e produrre il testo di accompagnamento al DVD e tutto ciò che sarà necessario per ottenere un prodotto di qualità professionale, così da poterlo veicolare successivamente come strumento di divulgazione e sensibilizzazione sul tema della malattia infantile , al di e raccolta fondi.

Chi c'è dietro al progetto

C'è l'Associazione CasaOz onlus insieme al regista del film, Alessandro Avataneo.

CasaOz è nata a Torino nel 2007 nelle immediate vicinanze all'Ospedale Infantile Regina Margherita da un’idea e dalla passione di alcuni amici. E’ un luogo di accoglienza per i bambini che incontrano la malattia e le loro famiglie, una casa vera e propria dove ritrovare la dimensione domestica perduta. Ambienti, arredamento, relazioni, attività sono pensati per recuperare normalità e serenità. A CasaOz operano 14 professionisti e oltre 90 volontari.

Ad oggi CasaOz ha offerto accoglienza e sostegno ad oltre 1.700 persone, tra adulti e bambini, provenienti da 39 paesi nel mondo, che vivono una situazione di malattia o disabilità.

Alessandro Avataneo è un regista appassionato di storie di vita, autore di documentari, format televisivi, videoclip e installazioni artistiche, spettacoli teatrali, musical, e del romanzo “Una Storia delle Colline”.

1480263278758974 foto casaoz con bici e festa

Un progetto a cura di

CasaOz

CasaOz accoglie da quasi 10 anni famiglie e bambini che vivono difficili situazioni di malattia.

Sul suo cammino ha incontrato anche il regista Alessandro Avataneo, che con generosità e passione ha dato vita all'idea di un film che racconti storie di vita e ne ha curato le riprese ed il montaggio preliminare.

Ora, grazie all'esperienza di Alessandro e di altri amici professionisti, CasaOz intende completare il lavoro e per poter condividere il film con tutti.