Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
ITALIA
Sport
Widget
Copia il codice qui sotto ed incollalo nel tuo sito web o blog
Testo copiato
Shortlink
Testo copiato

DIAMO UN FUTURO AD UN GRANDE PASSATO

Una grande sfida per una squadra leggendaria

1.985€
39% di 5.000€
03 nov 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

DIAMO UN FUTURO AD UN GRANDE PASSATO

Una grande sfida per una squadra leggendaria

1.985€
39% di 5.000€
03 nov 2016
Data chiusura
Scaduto

Tutto o niente Questo progetto verrà finanziato solo al raggiungimento del traguardo.

Dal passato

Siamo alla metà degli anni '50 del secolo scorso. Sesto San Giovanni è una città industriale in vorticosa espansione al confine nord di Milano. All'interno del Gruppo Escursionistico Atletico Sestese, le cui iniziali formano la sigla GEAS destinata a diventare celeberrima, e che continua ad essere ancor oggi una polisportiva con 13 discipline e oltre 7.000 iscritti, viene creata nell'ottobre 1955 una sezione di BASKET FEMMINILE.

Aderiscono 25 ragazze, vere e proprie pioniere della pallacanestro locale in un’epoca in cui ben poche donne in Italia la praticavano, e ovviamente il seguito non andava oltre una ristrettissima cerchia di appassionati. Nella stagione 1956/57 la squadra viene iscritta al suo primo campionato, disputando la sua partita ufficiale d'esordio contro una formazione di Novara, con una sconfitta di misura (11-10).

L'inizio di una lunga e gloriosa storia.

Tutta la città comincia ad interessarsi alla pallacanestro e il GEAS diventa un punto di riferimento di questo sport, non soltanto localmente. Nel 1963 il Geas Basket compie una storica trasferta in Unione Sovietica e da questo momento inizia la scalata della società ai vertici del basket italiano ed europeo.

Verso il futuro

Seguono anni in cui il GEAS milita in Serie A2, dove si cerca di stendere un progetto per ritornare nella massima serie, ma sempre con una gestione oculata della società e delle finanze. La stagione 2007-2008 si rileva piena di eventi: un campionato affrontato sempre con i mezzi a disposizione, la scomparsa prematura del presidente e la riconquista della serie A1 battendo ai play-off prima la Libertas Bologna e poi il Basket Team Crema.

Tra il 2008-2009 la sudata qualifica per il play-off per lo scudetto, il GEAS si classifica al sesto posto. Nella stessa annata si registra il successo della squadra U15 alle finali nazionali, primo scudetto della nuova gestione. Nel 2010- 2011 il GEAS si qualifica per i play-off per lo scudetto classificandosi al terzo posto. Nella stagione le squadre giovanili U15 e U17 ripetono il successo dell'anno precedente, conquistando i titoli nazionali di categoria.

Dopo l'ascesa, al campionato 2012-2013 alcuni sponsor non offrono più sostegno alla squadra, e la dirigenza decide di rinunciare alla massima serie, ma non al SOGNO GEAS. La società riapre le iscrizioni e riparte dalla Serie A3, vincendo il campionato e salendo nuovamente in A2. Saranno i play-off vinti contro la Magika Castel San Pietro a portare la squadra nuovamente in A1. La stagione non si rileva però positiva, la squadra retrocede in A2. Una delle storiche società del basket femminile riparte, Geas Basket ancora una volta trae forza dal passato per proiettarsi nel futuro, non perdendo mai il forte legame con il territorio, che nel 2016 è ancora una volta celebrato con la collaborazione con l’Istituto Europeo di Design (IED)

Il risultato di questa collaborazione è la produzione di un video a cura degli studenti dello Ied, un corto carico di emozione, evocativo e celebrativo dei valori che da 61 anni Geas coltiva sul territorio tramite lo sport e la partecipazione collettiva.

Non si arresta la passione della dirigenza, una realtà collaborativa e dinamica che contamina e si contamina per scoprire sempre modi innovativi per coinvolgere appassionati e sportivi nella grande famiglia del Geas Basket.

Fai vivere Geas

Appartenenza, Integrazione, Passione, Rispetto, Collaborazione. Le regole del gioco di squadra.

Sono questi i valori che Geas quotidianamente porta nella vita delle atlete.

Con l’inizio della nuova stagione la società non è in grado di sostenere tutti i costi di gestione legati alle attività di campionato.

Un passo indietro per riprendere terreno è la regola del gioco, ma la squadra non intende rinunciare alla propria identità, ai traguardi raggiunti e a quelli ancora da raggiungere, riflessi nei sorrisi e nelle fatiche delle nostre atlete.

Le radici di GEAS sono la storia del basket femminile. Vi chiediamo oggi di unirvi a noi, di continuare a procedere come una grande famiglia, per consentire al GEAS di rimanere in serie A2 e di avanzare nuovamente verso la massima serie, scrivendo ancora una volta la storia del Basket Femminile italiano.

E' la vostra fiducia, il vostro sostegno e il tifo che ci porterà a vincere, ancora una volta, ogni difficoltà e a superare questa sfida!

Sostieni il GEAS BASKET!

Il calendario della Serie A2

Le ragazze

Veronica Schieppati (1990) - Ala
Giulia Arturi (1987) - Play
Virginia Galbiati (1992) - Guardia
Elisa Bianca Bonomi (1994) - Ala/Guardia
Benedetta Bonomi (1997) - Ala
Lucia Decortes (1999) - Pivot
Francesca Gambarini (1995) - Play
Beatrice Barberis (1995) - Ala
Valentina Grassia (1998) - Pivot
Elisa Ercoli (1995) - Pivot
Cecilia Oggioni (1998) - Ala
Laura Oliva (1999) - Play/Guardia
Irene Pusca (1998) - Guardia

Come verranno impiegati i fondi raccolti

I fondi raccolti saranno utilizzati unicamente per sostenere i costi vivi di partecipazione al campionato.

L’importo raccolto consentirà alla società di sostenere le spese di trasferta previste in vista del campionato e di regalare nuove divise alle nostre atlete.

1474470612063666 loghi definitivi geas 02

Un progetto a cura di

GEAS BASKET

Siamo la squadra di basket femminile che milita in A2

ITALIA