Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

In alto i calici

Brindiamo ai primi progetti Great! per la gioia del palato

Rispetto per il cibo

La tavola e il cibo sono piaceri antichi, millenari, oggetto di disquisizioni colte, testi dotti, pellicole divenute un must della filmografia mondiale. Come affermato dal pluripremiato cuoco tedesco Heinz Beck: “Cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia”. Parole sagge, perché parlare di alimentazione significa affrontare una discussione complessa che non sempre si esaurisce con la dimestichezza tra i fornelli o gusti personali: dall’etica alla dieta, dal mangiare bio allo spreco del cibo.

Parlare di cibo, trattare tale argomento nel modo giusto, si riassume in una sola parola: rispetto. Rispetto per le esigenze e i gusti di tutti, rispetto per le tradizioni, rispetto per chi soffre di specifiche intolleranze, rispetto per abitudini alimentari dettate da credenze religiose o altro.

Per questo, per rispettare il cibo e il mondo a esso legato nasce Great! Laboratorio del gusto. “Laboratorio” perché con il crowdfunding così come in cucina è possibile sperimentare e dare spazio al proprio estro creativo, non perdendo di vista proprio il concetto di rispetto prima citato. Valorizzare le idee di tutti e permettere alla rete di sostenerle è il principio su qui si basa l’intera iniziativa, sposata a pieno dallo chef Cristiano Tomei, il primo a mostrare una grande sensibilità e attenzione verso la cucina sana, la meticolosa scelta d’ingredienti freschi, l’estrema cura per le esigenze dei propri sostenitori.

Crowdfunding da morsi!

Sarà una pura casualità o la testimonianza che le sfaccettature del “food” sono più di quante si possa pensare, ma i primi quattro progetti firmati “Great!” sono completamente diversi tra loro ma, allo stesso tempo, complementari, dalla loro unione può nascere una cena di tutto rispetto, dalla prima all’ultima portata.

Provo a spiegarmi meglio, immagiamo di entrare in un ristorante, sederci a un tavolo e volere, come ovvio che sia, mangiare bene. Dinanzi al menù vacilliamo, ci sono alcune intolleranze che minano la serenità del nostro pasto. Per questo c’è Zaroo l’e-commerce che permette a chi soffre di allergie e intolleranze alimentari di filtrare ciò che mangia. Dopo aver tirato un sospiro di sollievo è il momento dell’ordinazione, sulla qualità siamo intransigenti, non c’è nulla di meglio di Saporeato, un food box made in Italy contenente prodotti selezionati in tutta la penisola, rivolti soprattutto a un pubblico internazionale. Da bere? Una birra fresca è l’ideale, il progetto Facciamo la birra del Birrificio artigianale Federico II fa proprio al caso nostro. Sazi e soddisfatti, ci apprestiamo a chiedere il conto ma… è rimasto del cibo nel nostro piatto: perché sprecarlo? Ecco reBOX, un contenitore per portare a casa il cibo avanzato dal ristorante, riciclabile e riutilizzabile! Una cena del genere è tutt’altro che un’utopia, grazie al sostegno di tutti può diventare realtà.

Condividi questo articolo