Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

A noi piace farlo orizzontale

L’Italia è un Paese di 50 milioni di allenatori, 10 milioni di startupper e 1 milione di esperti di crowdfunding

Coinvolgimento collettivo

Sul finanziamento collettivo (sì, possiamo usare l’italiano) circolano un sacco di idee. C’è chi parla di preorder e chi di donation, chi di keep it all e chi di all or nothing, chi frulla landing, equity e reward, chi usa PayPal e le carte di credito e chi i (cari e vecchi) bonifici, chi lo riduce ad una “colletta digitale” e chi lo esalta come “il futuro”, tutti nel tentativo di comprendere la formula magica che può raccogliere cifre a nove zeri.

Noi che lo viviamo da dentro tutti i giorni pensiamo semplicemente che il finanziamento collettivo sia uno strumento, un meccanismo, con un’unica grande leva: il coinvolgimento delle persone.

Questa leva può essere mossa con molti strumenti a seconda dei casi, alcuni tradizioni altri 2.0, ma la verità è che le campagne capaci di convincere centinaia di persone sono quelle che A) propongono davvero prodotti/soluzioni/idee/progetti disruptive B) sono in grado di generare un’empatia tale da far “mettere le mani nel portafoglio” ai possibili sostenitori.

Credibilità

In tutto questo, il fattore X si chiama credibilità. Alla semplice domanda: «Perché dovrei darti i miei soldi?» la replica è quasi mistica: «Perché mi credi». Questo genere di risposta, figlia di un pensiero molto americano che ha a che vedere con la cultura del rischio e della fiducia (fino a prova contraria), da noi trova più di una resistenza; ma la crisi economica e i Millennial - che dagli anni ’80 parlano anche inglese, vanno in Erasmus e “fanno sharing” di tutto - stanno abbattendo la diffidenza.

Comunità che s'incrociano

Nella piccola Italia dei comuni sembra strano che Michele da Catania sostenga Francesca a Treviso, mentre ci si esalta se Elisa sostiene Giacomo nella stessa Modena. Beh, noi ci sorprendiamo solo delle mille comunità che nel mondo condividono passioni, idee, energie e necessità a prescindere da provenienza, lingua, età e disponibilità economica: tante linee orizzontali che s’incrociano sulle piattaforme saltando da progetti di cultura all’ambiente, dalla formazione alle emergenze, dai prodotti innovativi alle cure mediche.

Ecco perché a noi il finanziamento collettivo piace farlo orizzontale...

Condividi questo articolo