Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Se non esistesse... Idee che potrebbero salvarti la vita (o quasi)

Postepay Crowd ha selezionato tre nuovi progetti che rispondono ad altrettante esigenze per la mobilità, la lettura e il riciclo

Lo spazio è il tempo

Siamo abbastanza sicuri che arriveremo al teletrasporto, ma fino a quel momento dobbiamo sopravvivere nel traffico, per questa ragione da Roma parte la campagna per Scooterino, il servizio di condivisione dei passaggi in motorino.

I founder Francesco, Oliver e Pietro si sono chiesti se nel ricco panorama della sharing economy non ci fosse spazio anche per un network tra privati che volessero trarre reciproco vantaggio dallo scambio di passaggi in moto e scooter, sopratutto in città ad alto tasso di traffico automobilistico.
Ad oggi sono più di 5000 gli iscritti alla community e la campagna ha l'obiettivo di raccogliere le risorse necessarie per far crescere la piattaforma, rendendo gratuiti i primi passaggi.

In tre parole Scooterino significa meno tempo, meno costi e meno CO2.

Ascoltare con gli occhi

Leggere significa immaginare, dare profondità ad una stanza, il volto ad un personaggio, luce ad un tramonto. eMooks facilita questo "lavoro" attraverso i suoni e la musica, un ebooks quindi che fonde due azioni: leggere e ascoltare per un'esperienza immersiva sorprendente.

Tom Bilotta inaugura quest'avventura con il romanzo Anatola e le musiche di Alex Fabiani, che racconta la storia di Geremia, un orfano di colore, ossessionato dall’idea di diventare un jazzista, l’unico capace di comporre la canzone più bella al mondo. Cresce in Alabama fra la passione per le note e la rabbia di un’esistenza ai margini. Eppure la sua voglia di emergere lo porterà a divenire un famoso compositore di colonne sonore cinematografiche. Ma proprio quando sarà all’apice del successo, conquistando addirittura un Oscar, il lato oscuro della musica jazz lo avvolgerà in modo letale...

Economia di ricollocazione

Il consumismo ha trasformato le nostre case in magazzini e di tanto in tanto è necessario prendere una decisione: o noi o loro, dove con loro intendiamo le decine di oggetti meravigliosi e inutili che abbiamo acquistato negli anni, sopraffatti da una presunta necessità. E qui arriva il sito Cose(in)utili che dalla sua pubblicazione nel 2011 ha aiutato molte persone in tutta Italia a ricollocare quasi 50.000 oggetti con grande vantaggio per tutti: chi mette a disposizione le proprie cose si libera dell'inutile, chi riceve gli oggetti non deve comprarli nuovi e li ottiene gratis. Inoltre questa forma è generosa con l'ambiente.

Sul sito potete trovare decine di categorie di oggetti, proporre il vostro o scegliere quello che "vi manca", compresi servizi come babysitting, ricette, corsi di lingue, traduzioni e trasloco.

Condividi questo articolo