Yenzeim: una Leggenda... dentro una Storia

Un libro che appartiene a un personaggio... e che può essere tuo in edizione spettacolare e ultra-limitata

Un manoscritto, una leggenda, un'avventura

Yenzeim: che cos'è? Cosa si nasconde dietro questo nome così particolare?

Niente paura, se ami le storie allora sei nel posto giusto: si tratta di una leggenda del mondo di Ernest Egg.

Se non conosci questo eccentrico e avventuroso personaggio, è il momento di rimediare!

YENZEIM è un manoscritto pregiato, realizzato in edizione ultra-limitata solo per questa campagna.

Ce lo raccontano, loro che con le storie vivono da sempre, Francesco "Paul Izzo" PolizzoStefano "The Tree" Bosi Fioravanti.

Parlateci in profondità del personaggio di Ernest Egg: perché è così figo?

Paul: Ernest rappresenta quella parte di noi che non è scesa a compromessi con l'età adulta. 

Mantenendo uno sguardo giocoso ma allo stesso tempo culturalmente stimolante. Il personaggio ha toccato corde, a dire dei lettori che ce lo hanno riconosciuto, che rimandano alla loro innocenza e gioventù. Io non posso che essere d'accordo con loro.

Alcuni lo hanno accostato, forse esagerando, a quanto fatto con Harry Potter dalla Rowling. Una magia che ha stregato chi ci ha dato fiducia acquistando il suo primo Diario quando ancora non era stato scritto per intero. 

Ma Ernest è molto di più. E' un progetto di vita per me e per Stefano, da quando è nato a oggi non abbiamo passato un giorno senza aggiungere dettagli al suo universo narrativo. 

Qual’è la storia di “In Scena”?

Paul: In Scena è quella che amiamo definire una storia d'amore “circolare”. Sfruttando il concetto di Kairos e innestandolo in un racconto fiabesco abbiamo cercato di trasmettere quel senso di meraviglia che anima le storie classiche... 

Ma poi ci siamo divertiti a sparigliare le carte toccando alcuni temi importanti come il razzismo e la paura del diverso con lo stile che oramai ci contraddistingue: lievità e profondità dei livelli di lettura.

Da dove è nata l’idea di realizzare il manoscritto in legno?

Stefano: La nostra intenzione era quella di immergerci nel mondo di Ernest Egg e realizzare un libro proveniente dalla sua libreria. 

Nel progettare In Scena, abbiamo immaginato una fiaba tradizionale raccontata nell'universo narrativo di Ernest, esattamente come Le fiabe di Beda il Bardo per Harry Potter. 

Dunque Yenzeim non è altro che la versione di In Scena appartenente alla collezione privata dell'esploratore di leggende e, trattandosi di un prezioso tomo proveniente da una lontana terra a Oriente, è scritto in lingua. Le incisioni della copertina rimandano ad un immaginario esotico, riprendendo il mosaico delle illustrazioni interne e ammiccando alla grafica modulare che ne caratterizza le pagine.

Il legno è un materiale raro e pregiato per un libro e suggerisce in maniera diretta il gusto dell'intero progetto. In editoria, l'utilizzo di alcuni materiali rispetto ad altri è una convenzione che cela, nella quasi totalità dei casi, ragioni economiche. 

Per noi ogni libro è la possibilità di raccontare una storia, non solo attraverso testo e immagini ma anche grazie ai materiali e alle tecniche impiegate nella realizzazione.

Perché avete deciso di utilizzare il crowdfunding per il vostro progetto?

Stefano: Non siamo mai stati particolarmente gelosi del nostro progetto, crediamo anzi nella collaborazione e nella possibilità di realizzare qualcosa che appartenga a molti. 

Condividendo, sostenendo economicamente, collaborando e credendo in questo progetto, tutti possono sentirsene parte, dando così a noi la possibilità di creare qualcosa di estremamente sfaccettato e interessante.

La natura stessa del crowdfunding si adatta benissimo a questo tipo di ambizione. Ad ogni passaggio nascono collaborazioni preziose che arricchiscono l'idea iniziale ma non solo: il crowdfunding permette di scardinare il binomio autore-pubblico trasformandolo in qualcosa di più diretto e funzionale.

Cosa riceveranno in esclusiva i sostenitori del vostro progetto?

Stefano: Tra le ricompense più apprezzate spicca su tutte Digital Portrait, dove il sostenitore riceverà un proprio ritratto "à la Ernest" in versione digitale. 

Quale modo migliore per sentirsi parte di questo progetto? Abbiamo poi arricchito il primo diario di Ernest Egg con una stampa che ne anticipa il seguito ancora inedito, mentre a In Scena abbiamo allegato un segnalibro con il nome dell'acquirente scritto in lingua Yulan. 

Poi broccoli peluche, portachiavi in pelle artigianali e un modello originale e unico del protagonista di In Scena utilizzato per le illustrazioni, ma la ciliegina sulla torta sono i peluche in regalo con Yenzeim: 43 peluche artigianali realizzati appositamente l'occasione, limitati e irripetibili, di alcuni dei personaggi più amati del mondo di Ernest.

Condividi questo articolo