L'Alba di una Musica Crepuscolare

Come nasce un album tra genio e sperimentazione? Parla Chris Costa, autore di "Hot Dust"

Musica che apre la mente

Chris Costa è un cantante, polistrumentista, arrangiatore, compositore e produttore.

Dopo un anno di riflessione, l'artista dalle molteplici capacità e dalle illustri collaborazioni, ha prodotto il suo nuovo progetto personale e lo ha chiamato Hot Dust.

Ispirandosi alle parole di menti illuminate e al talento di grandi performer come il geniale Robin Williams, si è inoltrato nel "suo" mondo musicale esplorando nuovi suoni e pensieri per il suo album.

Il risultato di questo viaggio filosofico e spirituale sono 9 tracce intense e crepuscolari, nate in un freddo inverno e arrivate a noi attraverso il crowdfunding!

Nel giro di pochissimo il suo prodotto ha raccolto ben più di quanto si era prefissato come obiettivo: un risultato che

La musica di Chris Costa è disarmante e caleidoscopica, proprio come la sua attitudine. 

Siamo rimasti folgorati dal suo nuovo album e abbiamo deciso di rivolgergli qualche domanda sul progetto, che puoi vedere a questo link.



Raccontaci da dove è nata l’idea di Hot Dust e chi è stata la tua musa ispiratrice per questo progetto.

Dopo anni di collaborazioni era finalmente giunta l’ora di concentrarmi nuovamente sulla mia musica. E’ partito tutto da un brano che avevo scritto circa 10 anni fa e che ho completato con Luca Fronza, un caro amico dj e producer. A quel punto ho seguito l’istinto e mi sono dedicato alla composizione. Dopo i primi 4 mesi di esperimenti ho capito di avere un disco. Il resto è stato un lunghissimo periodo di microarrangiamento e mix maniacale.

Qual è il tema centrale dell’album, il filo conduttore di ogni traccia?

Durante la produzione, negli attimi di pausa, ho ascoltato interviste a Noam Chomsky e altri pensatori o personalità che apprezzo. Ingerendo queste informazioni di un certo peso durante un freddo inverno il risultato musicale e il contenuto si sono rivelati piuttosto intensi.  Meccanismi individuali e comunitari, spesso legati alla manipolazione mentale e sociale, legati ad una supernova universale che tende ad un ottimismo di fondo.

Raccontaci le tue esperienze prima di questo album e come queste possano aver influito sulla tua musica.

Negli anni ho prodotto vari album con i miei progetti di musica originale, ho sempre cercato e sperimentato attraverso linguaggi diversi.  Ho suonato moltissimo. Poi produzioni per film, pubblicità e collaborazioni con supereroi del pop. Tutto è servito per l’acquisizionedi esperienze e informazioni. Questo album vive di vita propria, mi sono praticamente rinchiuso in studio per un anno.

Perché hai deciso di utilizzare il crowdfunding per la realizzazione del tuo progetto?

Dopo avere seguito a fondo il percorso di Amanda Palmer ho compreso le motivazioni per seguire questa via. Libertà artistica, controllo sul proprio percorso artistico, forte esposizione al rischio, contatto diretto e vero con le persone. Mi piace.

Cosa riceveranno in esclusiva i sostenitori della tua musica?

Questa campagna è basata sull’uscita del primo singolo e il remix dello stesso in vinile da 7 pollici.

Per la copertina ho usato un dipinto di Jose Molina, artista geniale che mi ha concesso l’utilizzo dell’immagine di una sua opera che raffigura un baby unicorno/pegaso. I sostenitori avranno quindi in cambio di un investimento minimo un vero e proprio dipinto! Non vedo l’ora di averlo tra le mani.

Poi ci sono altre rewards sulla piattaforma, anche la T-Shirt è meravigliosa.

Condividi questo articolo