Conquista la tua libertà

Arrendersi ai luoghi comuni è facile, andare oltre i pregiudizi è necessario.

Senza condizionamenti

Quando ci si può definire davvero liberi? Qual è il momento esatto in cui non ci sentiamo condizionati dalle persone che ci circondando e iniziamo ad agire in assoluta autonomia? Spesso sono i blocchi mentali e sociali che condizionano le nostre azioni. Confidiamo nel consenso altrui prima di realizzare, o almeno provare a farlo, qualcosa che esca fuori dagli schemi. Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti” (Charlie Chaplin). Il risultato? O non compiere nessun azzardo, lasciando immutate le cose e sperando che tutto possa cambiare all’improvviso (m già sappiamo che non potrà mai succedere), oppure sconfiggere le nostre paure e affrontare le novità che incontriamo durante il nostro cammino. “A volte è necessario decidere tra una cosa a cui si è abituati e un’altra che ci piacerebbe conoscere” (Paulo Coelho). Sicuramente non è facile scegliere, soprattutto quando a condizionare queste scelte sono idee radicate da millenni nella cultura della persone, quando si incontra e ci si scontra con il pregiudizio, con dogmi morali, con convinzioni del tutto campate in aria. Nonostante tutto, c’è chi riesce a superare tali difficoltà, a ribaltare stereotipi e a essere più forte dei luoghi comuni. I progetti della settimana sono piccole “dichiarazioni d’indipendenza”, atti di coraggio, storie di scelte coraggiose da condividere con tutti noi.


Foto progetto Adotta una spiga

I progetti della settimana

Quella di Nasim, ad esempio, è una storia di coraggio che ci ha particolarmente stupito. Si tratta di un’alpinista francese e free-climber capace di aprire “nuove vie” su roccia sulle montagne dell’Iran. Le sue gesta, straordinarie quanto inusuali per una donna cresciuta nella Teheran meridionale, sono narrate nel documentario Climbing Iran da Francesca Borghetti. Altrettanto tenace è la Fondazione Nuovo Teatro Faraggiana desiderosa di rendere più accogliente e moderno un teatro storico di Novara rimasto chiuso per ben 17 anni. Andare contro le multinazionali del cibo, promuovendo e valorizzando i prodotti italiani, è la sfida  di Adotta una spiga, un progetto che prevede assaggi ed eventi per salvaguardare le tradizioni. Ti tanto coraggio e voglia di rimettersi in discussione hanno bisogno le detenute del carcere di San Vittore. È per loro, perché possano ripartire dalla lavorazione della lana e ritrovare la normalità che cercano, che nasce Sostieni il knit cafè di San Vittore a Milano. Da segnale, inoltre, c’è Local&Global un progetto per bambini che vuole favorire l’integrazione culturale attraverso il cibo.

Condividi questo articolo