Il tempio dello swing

Intervista a Nico Gori, musicista e progettista di Swingin’Hips. 

Ritmo e significato

In queste due parole si racchiude il senso del jazz per Henri-Emilie Matisse. Un genere dalle origini antiche, nato nel disagio, rifugio di conforto e speranze fra gli schiavi afroamericani e “adottato, in seguito, dalla classe intellettuale prendendo la forma di un’arte raffinata” (Haruki Murakami). Se al jazz si unisce lo swing il risultato può essere davvero interessante. Se, infine, provate a reinterpretare questi generi musicali in chiave moderna, dando a essi nuova luce e valore il risultato è unico, è il Nico Gori Swing 10tet. Abbiamo intervistato Nico Gori per capire nascita e sviluppo di un gruppo che farà parlare di sé.



Quando e perché hai iniziato a suonare il clarinetto?

È una bella storia che va molto indietro nel tempo. Infatti, nonostante la mia "giovanissima" età, ho iniziato a suonare il clarinetto nel 1980 a soli 5 anni. La passione me l'ha trasmessa mio padre Ennio Gori, clarinettista per hobby e grande appassionato di musica. In verità io avrei voluto suonare la tromba, ma gioco forza fu imbracciare il clarinetto. Da lì è partito tutto! 

Come nasce il Nico Gori Swing 10tet?

Idealmente il Nico Gori Swing 10tet nasce da una mia voglia e dall'esigenza di rimettere insieme il jazz con il ballo; aspetto che si è un po' perso nel corso degli anni. Praticamente è un gruppo di 10 musicisti che si è formato in occasione della prima edizione del Jazz Italiano per l'Aquila quasi quattro anni fa. 

Da quel momento, grazie anche alla figura di Francesco Mariotti direttore artistico di Pisa Jazz, il tentetto ha avuto una propria residenza stabile all'ExWide club di Pisa e ha avuto modo di esibirsi in importanti festival, ospitando illustri personaggi primi fra tutti Renzo Arbore in occasione di Umbria Jazz per Assisi e Fabrizio Bosso, eccelso trombettista. 

Per voi è importante l’interazione con il pubblico?

Per noi è fondamentale l'interazione con il pubblico e con i ballerini. La nostra idea è proprio quella di coinvolgere un audience il più possibile vario e non necessariamente appassionato di jazz. Vogliamo arrivare al cuore della gente con sincerità, allegria e tanto Swing, riavvicinando al jazz una platea sempre più vasta ed eterogenea. 

Quale pensi sia il futuro del jazz e dello swing?

Penso che se una musica è fatta con il cuore, racconta storie ed ha ritmo, essa rimarrà viva per sempre e si evolverà nel futuro senza dimenticare le proprie origini. Questa musica per me si chiama jazz, ma potrebbe chiamarsi con qualsiasi nome... sarebbe sempre immortale e in continuo sviluppo,  se sincera e profonda. 

Il futuro del jazz credo si possa riassumere in una frase del grande jazzista italiano Massimo Urbani: "L'avanguardia sta nei sentimenti"

Come reputi la scena musicale toscana?

Ottima direi! Ci sono tanti bravi musicisti, ben preparati e con un sound definito. La Toscana è ricca di giovani leoni che si stanno affermando in giro per il mondo con grande successo e di gruppi che eseguono musica originale, perseguendo sonorità diverse che vanno dalla tradizione alla contemporaneità. 

Perché la scelta del crowdfunding? Prime sensazioni?

Chiaramente la scelta del crowdfunding deriva dal bisogno di raccogliere fondi per la realizzazione del nostro prossimo Cd dal titolo Swingin' Hips con ospiti Drusilla Foer e Stefano Bollani, nonché per produrre il videoclip ufficiale della band. 

Tuttavia abbiamo scelto la formula del crowdfunding anche perché vogliamo implementare il rapporto diretto e attivo con i nostri fans oltre che aumentarne il numero. Crediamo che con il crowdfunding, gli amici e i followers vecchi e nuovi sostengano il progetto in maniera attiva e siano coinvolti in prima persona. In questo modo si crea quindi una grande community che ruota intorno ad un'idea e con il proprio contributo e condivisione fa si che il sogno diventi realtà. 

Elenca tre motivi per convincere i nostri lettori a sostenerti.

Cari lettori, sostenete il Nico Gori Swing 10tet

  • Perché produce e diffonde musica bella con ospiti stellari e ha bisogno del vostro supporto attivi.
  • Perché è socialmente utile.
  • Perché con il tuo aiuto godremo in due: tu che compri il disco e noi che lo realizziamo!
Condividi questo articolo