L’arte è viva!

Ricercare la bellezza, dare una forma alla sensibilità: questo è crowdfunding.

Strumento di crescita

Cos’è l’arte e a cosa serve? A questa domanda non c’è un’unica risposta, ognuno può interpretare l’estro e la genialità in modo diverso. Un’unica risposta sarebbe, inoltre, semplicistica, non terrebbe conto del tipo d’arte, del periodo durante il quale viene prodotta e della personalità dell’artista. Ogni cosa può essere arte, ogni persona può divenire un artista perché “l’artista è un ricettacolo di emozioni che vengono da ogni luogo: dal cielo, dalla terra, da un pezzo di carta, da una forma di passaggio, da una tela di un ragno” (Pablo Picasso). Fatta questa considerazione c’è da chiedersi: quali sono le finalità dell’arte? Può essere un’elementare espressione della sensibilità, può costituire uno strumento di denuncia, può essere  una forma comunicativa libera da schemi rigidi o imposizioni. 


Foto progetto RifugiArti


Ma può essere anche altro. L’arte può essere uno strumento per unire le persone, può costituire una cura, come ampiamente documentato dal libro “L’arte come terapia” di Alain de Botton e John Armstrong, secondo i quali “la natura strumentale dell’arte è capace di estendere le capacità umane al di là della naturale dotazione, compensando le debolezze mentali, altrimenti dette fragilità psicologiche,”. L’arte, insomma, può aiutarci a vedere il mondo con occhi diversi e a migliore le cose. Alcuni dei progetti della settimana si muovono proprio verso questa direzione: solidarietà, integrazione, ricordo.


Foto progetto YXXY: un albo illustrato accessibile e inclusivo

I progetti della settimana

Artisti sono i ragazzi di Storie Cucite, una casa editrice per l’infanzia che ha ideato YXXY una serie di albi illustrati accessibili a tutti, nati per facilitare il compito di genitori e insegnanti che si occupano di disabilità dell’infanzia. Con RifugiArti, invece, la cooperativa sociale In Migrazione desidera creare uno spazio accogliente e protetto dove coinvolgere i rifugiati in un percorso di scoperta e crescita positiva attraverso l’arte.L’Angolo dei bimbi cerca di dotare Grugliasco di una ludoteca dedicata al gioco e alla formazione dei bambini d’età compresa tra 0 e 6 anni. Infine, Vacanze Ja Sutta, vuole far ripercorrere delle vacanze “nostalgiche” in Calabria negli anni 80 attraverso il cinema.

Condividi questo articolo