Accetta la sfida!

Il nemico è davanti a te o dentro di te: affrontalo e sconfiggilo.

Capaci di andare oltre

Cosa fa davvero la differenza? Inseguire i propri sogni vuol dire affrontare sfide quotidiane, scegliere la strada migliore, anche se impervia, davanti a un bivio. Senza una sfida e tutte le paure che questa comporta, vivremmo una vita piatta, non raggiungeremo nessun risultato. Ogni punto di vista può essere dicotomico, per un mondo o una visione che nasce e/o si crea c’è sempre una visione opposta. Convinzione nelle scelte intraprese e rapidità d’azione fanno la differenza. “Le sfide ti fanno scoprire cose su te stesso che nemmeno conoscevi. Esse sono ciò che fa estendere il meccanismo, ciò che ti fa andare oltre norma”

I nostri progettisti, come tutti coloro che intraprendono la “sfida” del crowdfunding, magari non conoscono questa frase di Cicely Tyson, di certo si comportano come veri guerrieri. Le sfide che affrontano, più o meno ironiche, dipenderanno dall’esito della loro raccolta fondi. Ogni sostenitore può alimentare il fuoco della battaglia con il vento del sostegno o essere neutrale, osservatore esterno di un futuro che sarà scritto anche in sua assenza. Il nostro consiglio? Partecipate e “accettate le sfide se volete provare l’eccitazione e il gusto della vittoria” (George Patton).

I progetti della settimana

Una delle sfide, già discussa nella precedente intervista e unica nel proprio genere è Fumettisti contro Youtubers, un progetto di satira mediale a fumetti a colpi di creatività. Alla base di questo conflitto inedito c’è una domanda: al giorno d’oggi a cosa è dovuta la popolarità degli influencer? Diversa è la sfida affrontata da Paola Giacomini con il suo Mare di Erba: 500 giorni di marcia sulle tracce dei tartari, partendo dalla Mongolia destinazione Polonia. Alcuni studenti si mettono, poi, alla prova con CreOut, un progetto artistico-musicale che mira alla valorizzazione di musica, fotografia e artigianato attraverso l’uso non convenzionale di oggetti, immagini e suoni. Infine: qualcuno è stato mai in grado di misurare la differenza di tempo tra il monte Pania e l’Antro del Corchia dovuta alla gravità terrestre? Gli studenti dell’IIS Galilei Artiglio ci provano su Eppela. 

Condividi questo articolo