È l’anno giusto

Tra anniversari, eventi imperdibili, desideri di rinascita, il 2018 promette bene.

Previsioni e certezze

Il nuovo anno è iniziato da un paio di settimane. Le aspettative, come ogni nuovo inizio, sono altissime. O forse no. I giorni che hanno preceduto il 2018 sono stati ricchi di catastrofismi e previsioni nefaste. L’astrologo Pavel Globa, astrologo russo famoso per le sue previsioni alquanto singolari, ha previsto un triste destino per il sistema finanziario americano, con il collasso della NATO e il sacrificio del dollaro fatto per impedire il completo collasso degli USA. L’astrologo di Odessa Vlad Ross, invece, vede all’orizzonte la Terza Guerra Mondiale, che sarà superata solo grazie all’intervento decisivo della Russia (sarà di una previsione condizionata?).

Non sappiamo se tali previsioni avranno riscontro nella realtà, sappiamo però che il 2018 è un anno/tema ricorrente nei progetti di crowdfunding della settimana. Il 2017 è stato l’anno d’oro del crowdfunding in Europa e in Italia, grazie alla diffusa convinzione che il “finanziamento dal basso” costituisca un’alternativa seria e credibile alle più classiche forme di finanziamento. Meritocrazia, creatività, coinvolgimento della rete sono elementi che non patiscono il passare del tempo, anzi si rafforzano di anno in anno. E allora buon anno nel segno del crowdfunding.

I progetti della settimana

Il 2018 è il filo che lega i progetti della settimana, tutti questi progetti, per un motivo e per un altro, vedono l’anno corrente come quello giusto per la propria consacrazione. Final Melody è un evento che si terrà il 3 marzo 2018 ore 21:30 presso il Palazzo dei Congressi di Pisa: 100 artisti al lavoro contemporaneamente daranno vita a un concerto orchestrale sui più celebri brani della saga di Final Fantasy.

Nel 2018, inoltre, ci sarà la trentesima edizione di Let’s Rock!Casale Monferrato: da Febbraio a Marzo 6 serate di musica e creatività.

Il 15 gennaio 2018 è stata una giornata di ricordo: esattamente mezzo secolo fa il Belice è stato travolto dal terremoto. Giornalisti e sopravvissuti desiderano raccontare in un documentario quella terribile esperienza. Infine, uno degli ultimi poeti italiani esistenti, cerca quest’anno la propria rinascita. È Paolo Maria Cristalli, poeta e autore di canzoni, vuoi adottarlo con noi? 

Condividi questo articolo