La storia si ripete

Il passato è un contenitore di emozioni, valorizziamolo con il crowdfunding

Bellezza senza tempo

La storia affascina, incuriosisce, sorprende. A volte vorremmo tornare indietro nel tempo per osservarla da vicino, per coglierne sfumature e dettagli che nemmeno un libro di storia può svelare. Guardare il passato, tuttavia, non vuol dire solo far fede a dettagliati studi storici. La storia non è un qualcosa di statico, non è possibile rinchiuderlo in una teca. Oscar Wilde asseriva: “Il nostro unico dovere nei confronti della storia è di riscriverla” (Il critico come artista, 1889). Per riscrivere la storia è possibile percorrere diverse strade, fra queste si può trarre insegnamento dalle gesta di uomini più o meno virtuosi per migliorare il loro operato. Un altro modo di riscrivere la storia è divulgarla a un numero di persone sempre maggiore, perché possano carpirne ogni segreto, interpretarla e valorizzarla a loro volta. Attenzione: considerare e riscrivere la storia non significa fare un percorso nostalgico, bensì significa “spolverare” eventi e situazioni che, in un modo o nell’altro, hanno segnato la nostra esistenza oppure essere spettatori di una ripetizione ciclica degli eventi.

Gestire e comprendere la storia, inoltre, vuol dire gestire i cambiamenti costanti di una società mutevole, cangiante. Nel libro La Storia del mondo, di J.A Garraty e P.Gay a cura della Columbia University, si afferma, per l’appunto, che “Un’altra sfida alla quale si trovano di fronte le società moderne è la rapidità del cambiamento”

Tra cambiamento e modernità

Per approcciarsi nel migliore dei modi a un mondo che cambia, è necessario integrare le competenze/tendenze moderne al passato. Come? Grazie ai progetti in evidenza della settimana, abbiamo scoperto che il crowdfunding è un ottimo strumento per valorizzare il passato e renderlo appetibile alle nuove generazioni. Prendiamo ad esempio Nuragic Park, progetto nato con l’idea di far rivivere il passato sino all’età del Bronzo, attraverso la creazione di un parco a tema alla scoperta della Civiltà Nuragica. Con Lindy on the Road 2017, invece, l’obiettivo è fare un evento specifico all’ombra della Mole a tutti gli amanti della musica swing di secolo scorso. Sempre di storia ma…scolastica si parla in Yes!, il servizio che consente di digitalizzare e archiviare in rete la storia scolastica di ogni studente, generando un uso sostenibile della carta. Infine, tra i progetti della settimana, ecco Stage Diving, uno spazio online che rafforza la scena musicale, creando community e organizzando i live più ambiti del web.  

Condividi questo articolo