Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Corre l'e-commerce in Italia

Crescita di oltre il 20%, un'impresa su due investe in comunicazione digitale

Connessi a casa e in ufficio

In Italia 42 milioni di persone hanno accesso al web, di queste 22 milioni accedono alla rete ogni giorno. Il tempo di connessione medio è di circa due ore e l'80% degli accessi avviene da smartphone, si sfiora il 90% se si considerano gli utenti giovani. Sul fronte delle piccole medie imprese una su due investe in comunicazione digitale, in siti web e digital advertising. È il ritratto digitale del Paese tracciato da Italiaonline nella prima tappa del suo Digital Business Tour, l'evento promosso dalla prima internet company italiana per raccontare a professionisti e imprenditori le opportunità del digitale. La prima tappa si è tenuta a Brescia.

Comunicazione digitale

I dati sono stati illustrati dalla responsabile Marketing di Iab Italia, Chiara Mauri. Per quanto riguarda gli investimenti pubblicitari il primo mezzo rimane la tv, al secondo posto c'è il web che rappresenta più di un quarto degli investimenti.
Nella pubblicità online cresce a doppia cifra il formato video con un +38%. Ogni anno in Italia: "1 milione e 300 mila piccole medie imprese investono 3 miliardi e mezzo in comunicazione globale - ha aggiunto Mauro Gaia, Chief Commercial Officer Media Agency Italiaonline - Un'azienda ogni due investe in digitale, la metà in siti web e l'altra in digital advertising".

Vola l'e-commerce

In Italia cresce del +20% di anno in anno il mercato dell'e-commerce. Sono quasi 20 milioni gli utenti che fanno acquisti online per un mercato che vale quasi 20 miliardi di euro. Per le aziende "è importante farsi trovare - ha spiegato -, avere una presenza sul web", anche perché secondo i dati illustrati la seconda attività più svolta dagli utenti quando si collegano online è quella di cercare informazioni su aziende, prodotti o servizi. Eppure secondo i dati dell'Unione europea "l'Italia è uno dei fanalini di coda per quanto riguarda l'utilizzo da parte delle aziende della pubblicità online".

Fonte Ansa

Condividi questo articolo