Crescita: il ritmo non cambia

L'Istat prevede per l'Italia o stesso ritmo di crescita per i prossimi mesi

Stessa musica, allegro con adagio

L'Istat prevede il "proseguimento dell'attuale ritmo di crescita dell'attività economica" e vede "prospettive di miglioramento dell'attività economica per i prossimi mesi" sulla base dell'indicatore anticipatore. Nella nota sull'andamento dell'economia di gennaio l'istituto osserva che "l'indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato una diminuzione legata al peggioramento del clima economico e il clima futuro, solo in parte attenuato dal miglioramento del clima personale e corrente" e "la fiducia delle imprese è migliorata".

Su il manifatturiero

Nel testo l'Istat afferma che "in Italia si rafforza la ripresa del settore manifatturiero a cui si associano il miglioramento del potere d'acquisto delle famiglie e l'incremento degli investimenti" mentre, a livello internazionale, la crescita dell'economia statunitense "mostra segnali di rallentamento" e "nell'area euro il progresso dell'attività economica prosegue su ritmi moderati". I dati preliminari sulla crescita del Pil italiano nel 2016 saranno diffusi il 14 febbraio.

Fonte Huffington Post

Condividi questo articolo