Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Non hai più limiti

Smetti di sentirti in gabbia, rompi gli indugi e vola!

(Semi)lezioni di autostima

A volte pensiamo di non potercela fare, ci convinciamo che l’ostacolo che abbiamo davanti supera di gran lunga le nostre capacità. Che sia preparare per la prima volta un abbacchio allo scottadito oppure tradurre un testo di lingua sanscrita, pensiamo di avere dei limiti, ebbene è proprio questa convinzione l’unico vero limite. Lontano da voler fare pseudo-oroscopi su quello che ci spetta, su ciò che potremmo o meno fare (le “predizioni" di Rob Brezsny - Internazionale- sul segno del Leone 7/14 dicembre sembrano piuttosto calzanti), la frase che ognuno di noi deve ripetere come un mantra e, perché no, riferire ai propri vicini è una sola: nulla è precluso.

Non saranno di certo le parole lette su una piattaforma di crowdfunding a convincervi di ciò ma, sicuramente, le gesta di “eroi” moderni possono offrire qualche stimolo. Per Steve Jobs superare i limiti era soprattutto arrivare al cuore di qualcuno (c’è bisogno di ricordare il suo successo?), l’epico Reinhold Messner afferma “Ho cercato di dare il massimo nella mia vita e ho sempre cercato di superare i limiti” (sarà un caso che è stato il primo alpinista al mondo ad aver scalato tutte le quattordici cime del pianeta che superano gli 8000 metri sul livello del mare?), a detta di Michael Jordan “i limiti sono soltanto delle illusioni” (è una leggenda. Punto).

Se ancora non ci credi

Certo, questi sono personaggi rari potreste obiettare, individui che con un pizzico di fortuna e smisurate doti innate, hanno avuto un successo per altri inimmaginabile. Eppure ci sono persone la cui fama esula dal confine mediatico, storie di ordinaria tenacia fatte di limiti ben più grossi da quelli che si creano solo nella nostra mente. Ci sono persone sfortunate che provano e riescono a rialzarsi, altre che trovano la forza di ripartire dopo eventi catastrofici naturali, altre ancora che, in quanto più fortunate, fanno della solidarietà e dell’impegno sociale il proprio credo. Siete scettici? Queste persone, in differenti modi, sono protagoniste di alcuni progetti di Eppela, se diffidate della nostra iniezione di fiducia, consultate questi progetti, valgono più di ogni parola.

TR-handy, sostenuto da Crowd Chianti, è la dimostrazione tangibile di come non bisogna accontentarsi nonostante tutto. Parliamo di un progetto che mira a creare un’attività imprenditoriale nel settore della moda e dell’abbigliamento per persone con disabilità: dalla formazione al design, passando dalla produzione e arrivando alla commercializzazione, andare oltre i limiti è possibile. Non sarà un terribile terremoto a togliere il sorriso e l’istruzione ai bambini di Fiastra, per questo nasce Secondo Quadrimestre. Obiettivo? Acquistare nuovi arredi scolastici per la scuola di questo territorio entro il secondo quadrimestre dell’anno scolastico. Anche l’Alta Val Tanaro desidera ripartire dopo l’alluvione dello scorso novembre, tutta la determinazione di questa comunità e quella dei volontari che la sostengono è insita nel progetto a loro dedicato, occorre unione e spirito di squadra. Infine, a proposito di “squadra” ecco il progetto del Mantova F.C., una città dalla grande tradizione calcistica che cerca fondi per dare un futuro al proprio settore giovanile.

Condividi questo articolo