Ma guarda chi si vede

Vecchi temi e idee nascoste tornano d’attualità con il crowdfunding

Entusiasmo d’altri tempi

“Penso che ancora non siete pronti per questa musica. Ma ai vostri figli piacerà”. Vi dice nulla questa frase? È di Michael J. Fox in Ritorno al futuro, una sorta di premonizione, o meglio, piena consapevolezza di quello che sarebbe avvenuto nei decenni avvenire. Per quanto possano cambiare generi, epoche e gusti musicali, molti di noi hanno la curiosità di vivere periodi passati a noi sconosciuti. È questo il senso del progetto Il vintage non è retrò... ma è attuale, un progetto che desidera riproporre stili passati, coniugandoli con la modernità. Grazie a progetti come questi è possibile rivoluzionare il concetto di nostalgia che “non è più quella che era una volta” (Peter De Vries). Sarà contenta Alice Sabatini, Miss Italia dello scorso anno, che ha dichiarato di voler vivere nel periodo della Seconda Guerra Mondiale. Ehi Alice, contribuisci! :)

Ridefinire gli spazi e dare un nuovo senso al passato sono, invece, gli obiettivi del Progetto Taiga. L’omonima associazione vuole riqualificare uno storico teatro nel centro di Milano e trasformarlo in un circolo culturale dove confrontarsi e ammirare concerti jazz, conferenze, letture. Potevano demolire la struttura, ripensarla come polo commerciale o ricreativo: neanche per sbaglio, dove si respira cultura deve esserci cultura.

Dal profano al sacro

Scavando nella storia cinematografica, è possibile rimanere esterrefatti dopo aver scoperto aneddoti noti ai cinefili, ma meno conosciuti al resto delle persone. Sapevate che l’autore originale di Bastardi senza Gloria non è Quentin Tarantino, bensì Enzo G. Castellari con il suo Quel maledetto treno blindato? È proprio vero, come sostiene il colonnello Hans Landa “Nelle pagine di storia, di tanto in tanto, il fato si ferma a guardarti e ti tende la mano…”. Per scoprire la vita di questo autore italiano non resta che sostenere la sua autobiografia Il bianco spara! Procedendo a ritroso nel tempo, troviamo un progetto che vuole rispolverare i fasti barocchi: è IKONE, un’opera sacra per soprano, voce curda, sax, coro orchestra, 3 voci recitanti su testi in greco antico e in ebraico.

Presente direzione futuro

Non mancano le novità assolute, riguardanti ambiti completamente diversi da quelli sin qui citati. Oltre ai progetti presenti la settimana scorsa alla Maker Faire Rome 2016, dei quali abbiamo abbondantemente parlato in un articolo precedente, a quelli targati Postepay Crowd (Toolssharing e Ottavia), c’è un’altra idea degna di nota. Si tratta di LucediCartone, una luce in led di design, creata utilizzando cartone reboard.

Condividi questo articolo