La storia è solo l’inizio

Scegli: puoi partire da zero o provare a dare un futuro al passato

Le basi ci sono, costruiamoci su

È risaputo: molti progetti di crowdfunding o idee legate all’innovazione sono, per forza di cose, completamente nuove, svincolate da riferimenti storici. Molte, non tutte. Spesso le sfide dinanzi alla quali si presenta un progetto nascono da difficoltà contingenti, non sono frutto di improvviso colpo di genio. Come afferma Alain in un trattato dell’opera “Le avventure del cuore” è “proprio della storia essere un grande presente e non solamente un passato”. Basta qualche riferimento, qualche scatto del passato a far viaggiare una memoria più o meno recente. Pensiamo al basket. La crisi economica non fa sconti a molte società sportive che hanno fatto la storia di quest’attività.

Come non ricordare la Mens Sana Siena? La squadra che, prima di lasciare la massima serie, ha riscritto la storia del basket italiano, inanellando una serie di record di vittorie, avendo come protagonisti giocatori del calibro di Stonerook, David Andersen, Kaukenas, ecc. Stesso discorso, in ambito femminile, vale per la Geas Basket. Il passato racconta di una Coppa Campioni, la prima conquistata da una squadra italiana, nel 1978 e di 8 scudetti vinti in nove anni, dal 1970 al 1978.

Entrambe queste eccellenze vogliono rinascere dalle proprie cenere e vogliono farlo con il crowdfunding. Non si tratta di chiedere sostegno unicamente ai propri tifosi, ma di toccare ricordi, acerrime rivalità, “emozioni a spicchi” di chiunque abbia il basket nel sangue e non può permettere che società così illustri scompaiano per sempre.

Altri occhi per guardare la storia

Parlare di storia, ovviamente, non è solo parlare di basket. Ci sono storie millenarie scritte, rivisitate, esaltate e storie che stanno per nascere, libri dalle pagine bianche in cerca di inchiostro. Nel primo caso si tratta di Reaction Roma una video installazione fatta dai cittadini di Roma, con l’obiettivo di raccontare attraverso immagini amatoriali , collegate artisticamente, la Capitale. La seconda storia riguarda la favela Rocinha a Rio de Janeiro. Il desiderio di Green House, a cura di Barbara Pascali, è creare un centro polifunzionale sull’ecologia e la sostenibilità. Fiore all’occhiello della struttura sarà un orto urbano dove i ragazzi apprenderanno i principi fondamentali dell’educazione ambientali.

Hai grandi progetti a tua disposizione, insieme facciamo la… storia.

Condividi questo articolo