Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Come sarà il lavoro del futuro

Un report Ubs fa luce su nuovi lavori, cambiamenti professionali e di metodo

Due persone su tre vorrebbero lavorare per aziende o organizzazioni impegnate nel sociale

L’83% degli studenti Mba (Master in business administration) accetterebbe uno stipendio inferiore, pur di lavorare per un’azienda che si impegni per la società e l’ambiente; l’89% degli impiegati in aziende orientate al sociale mostra una maggiore soddisfazione. Sono i dati più rilevanti che emergono da una ricerca realizzata da Ubs insieme a The Future Laboratory dal titolo “The Future of Workforce”, che definisce i modi in cui la forza lavoro si trasformerà nei prossimi anni a livello globale.

Lo studio indaga il legame tra millennial, innovazione e lavoro

La diffusione dell’intelligenza artificiale e le nuove istanze di lavoratori e datori di lavoro sono alcuni dei fattori chiave destinati a cambiare in modo radicale il mondo del lavoro in questo periodo storico.

Infatti dalla ricerca emerge anche che il 47% delle professioni attuali scomparirà nel prossimo decennio, a causa della tecnologia. Il 75% dei lavoratori in tutto il mondo non lavorerà più in un ufficio tradizionale.

Il tasso di freelance in Europa è cresciuto del 45%, tra il 2004 e il 2013, ed è destinato a crescere ancora.

Come cambierà il mondo del lavoro

  • Flessibilità: il mondo del lavoro del futuro risulterà sempre più flessibile. I lavoratori preferiranno una presenza sostanziale a una presenza costante
  • I lavoratori del futuro metteranno insieme idealismo e pragmatismo
  • Per attrarre i lavoratori del futuro, le aziende dovranno puntare su alcuni elementi:
  • Diversità di genere
  • Consapevolezza delle esigenze di tutti (in base all’età e alla situazione familiare)
  • Mescolare differenti soluzioni contrattuali
  • Garantire un giusto equilibrio tra lavoro e vita privata


Fonte La Stampa

Condividi questo articolo