Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Mentre non c’eri

Il ritorno dalle ferie non è mai facile ma può offrire nuovi stimoli

Da dove ripartire?

La maggior parte di noi ha vissuto questa settimana in modo particolare: da un lato c’è uno stato psico-fisico ideale dato dalle vacanze, dall’altro una forte difficoltà nel riprendere ritmi, impegni e problemi della quotidianità. Non a caso, la maggior parte dei quotidiani online consigliano efficaci (a loro dire) rimedi per il famoso “stress da rientro”. Non importa la tipologia di lavoro svolto, lo stato sociale, il sesso o l’età, questa patologia sembra affliggere davvero tutti. In realtà, sembra che tale malessere sia una miniera d’oro per venditori, comunicatori, giornalisti, psicoterapeuti. Sugli scaffali e online non mancano consigli particolari o, per definirli ancora meglio, interessati: dalle “5 canzoni da ascoltare per tornare a lavoro alla grande” sino a “Libri del rientro: ecco quali leggere” passando per “Palestra e fitness: il tuo rientro comincia da qui”

Cerca novità, trova nuovi stimoli

Forse il trovare rimedi alla stanchezza post vacanze, non fa altro che creare un problema immaginario, una giustificazione fittizia alla difficoltà di tornare alla nostra routine, una scusa per esprimere insoddisfazione, noia, malessere. Forse il più efficace dei rimedi è la ricerca di novità professionali, oppure il riuscire a coltivare nuovi interessi, o ancora scoprire idee, progetti, conoscere persone nuove la cui energia possa essere contagiosa.

Per Eppela il ritorno dalla vacanze (brevi ma intense) vuol dire scoprire mail di progettisti che hanno covato un progetto sotto l’ombrellone, vuol dire rapportarsi con persone nuove, idee geniali o strampalate, progetti rivoluzionari.

I progetti della settimana

Ci sono progettisti che hanno fatto fruttare le proprie vacanze, ideando nuove campagne degne di nota. Come l’Associazione Culturale InArte che ha deciso, in quel di Fabriano, di dar vita al Museo Internazionale dell’acquerello contemporaneo. Gli ideatori della web app iUto desiderano, invece, riunire una rete di liberi professionisti, artigiani e imprenditori, al servizio del cittadino e delle imprese. Con l’Ora del Pellice, dell’Associazione Hari, potrai avere a disposizione un giornalibro trimestrale di approfondimento per essere sempre informato su tutto. Di buoni propositi e programmazione vivono gli ultimi due progetti: con We are Family la squadra femminile di basket QMBF desidera iscriversi al Campionato di Serie B, invece il Teatro Club le Sedie ha in serbo tantissime sorprese per la stagione teatrale 2016/2017.

Condividi questo articolo