Ci siamo sponzati

Siamo stati allo Sponz Fest, il migliore spot per l’Irpinia

Inviati più che speciali

Abbiamo parlato con i ragazzi dello Sponz Fest , ideato da Vinicio Capossela cofinanziato da Poste Italiane con Postepay Crowd, ci siamo confrontati con loro per il relativo progetto di crowdfunding,. Curiosi, abbiamo infine deciso: all’evento dovevamo esserci anche noi! Per cogliere l’atmosfera della festa, ma per apprezzare con altrettanta curiosità Calitri senza essere sommersi dalla folla che avrebbe accolto il “maestro” di lì a qualche giorno, scegliamo di presenziare all’appuntamento mercoledì 24 settembre. Così, dopo una cena tutt’altro che approssimativa in uno dei ristoranti tipici di Calitri, a base di cannazze, cingul’ e braciole (evito il resoconto culinario per non perdermi nei meandri del palato) entriamo in centro. Un’atmosfera festosa e spensierata ci accoglie sin dai primi passi: tutto il paese, dai più giovani agli anziani, è pienamente coinvolto. Proseguendo arriviamo a Borgo Castello, suggestivo, pieno di fascino e di storia, con una roccaforte medievale e un paesaggio maestoso.

Artisti di spessore

Dopo aver preso qualche bicchiere di Aglianico pagato con i relativi Sponzini (la moneta ideata appositamente per la festa) abbiamo assistito allo spettacolo di Mimmo Borrelli “La Voce del Vulcano”, un’interpretazione coinvolgente e appassionata, un racconto che vede come protagonista Napoli e le sue peculiarità. Serata finita? Nemmeno per idea, gli Arizona Dream hanno movimentato la festa con le loro note, girovagando per il paese: pifferai magici in chiave moderna, capaci di catturare l’attenzione di tutti sino a notte fonda. Che dire…bravi ragazzi! P.S. Non badate alla qualità delle foto, colpa dell'ottimo aglianico...

Condividi questo articolo