Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b

Dr. Jekyll e Mr. Crowd

Studenti, lavoratori e professionisti cambiano se stessi con il crowdfunding

Storie di vite parallele

Nessuno è semplicemente se stesso. Senza scomodare opere celebri di Pirandello o Robert Louis Stevenson o princìpi kafkiani, le persone cambiano infinite volte nell’arco di una vita e persino durante ogni singola giornata. Cambiamenti dovuti al naturale corso degli eventi, oppure determinati da stimoli esterni. Secondo lo psicologo statunitense Carl Rogers “Percepire un aspetto nuovo di se stessi è il primo passo verso il cambiamento del concetto di sé”. Quando scatta questa percezione, quando si ha una diversa consapevolezza delle proprie possibilità le cose mutano davvero: un semplice studente può trasformarsi in un brillante startupper, una casalinga può divenire una talentuosa food blogger, un professionista, la cui attività arranca, può dare un nuovo slancio alla propria carriera.

Chi lo avrebbe mai detto?

L’analisi razionale che si cela dietro il cambiamento di ognuno è, il più delle volte, fine a se stessa. Come il genio, anche una metamorfosi repentina ha diverse motivazioni irrazionali, illogiche, sorprendenti. “Chi si meraviglia scopre che il fatto stesso è già una meraviglia” diceva M.C. Escher, le conseguenze di un cambiamento iniziano, insomma, dal cambiamento stesso. Perché riuscire a stupirsi regala un’importante scarica di adrenalina, una forte dose di autostima, la possibilità più che concreta di crescere. Dietro un progetto di crowdfunding c’è sempre una persona, o un gruppo, all’apparenza qualsiasi, ma il cui desiderio di rivalsa è riuscito a superare la monotonia quotidiana. Persone straordinarie nella loro normalità, in grado di superarsi.

Sorprese quotidiane

Come i videomaker de La Maladolescenza, la cui genialità ha partorito un personaggio strampalato come MilazaMan il supereroe siciliano pronto a combattere il crimine a colpi di meuza, oppure l’associazione culturale Ad Arte, che promuove il teatro e il cinema indipendente all’insegna, nel 2016, dell’eresia. In questi due esempi, tra la quasi totalità di quelli presenti su Eppela, troviamo una certezza: tutto è possibile!

Condividi questo articolo