Dove c'è Casa c'è Amore

Scopriamo insieme Cepim Torino e il loro sogno di autonomia per i propri ragazzi con Sindrome di Down

25 feb 2021
0%

Cepim Torino ODV è presente sul territorio da decenni, come è nata e quando l'idea di aprire una casa per dare autonomia e indipendenza ai ragazzi delle famiglie associate?

Il Cepim Torino ODV nasce nel 1979 da un gruppo di famiglie, con lo scopo di accompagnare i genitori e i loro figli nel percorso di crescita e di inclusione sociale, scolastica e lavorativa, per un accompagnamento alla vita indipendente

Come si accede a questo programma di autosufficienza abitativa e chi può accedervi?

La vita indipendente, così come l’autonomia personale, è un diritto sancito dalla Convenzione Onu, che vale per ogni persona a prescindere dall’impatto che la disabilità può determinare nella sua vita. Quindi chiunque può accedere ai percorsi di autonomia e vita indipendente.

L’inserimento è sempre preceduto da un colloquio con la psicologa e l’educatrice dell’associazione per valutare insieme alla famiglia e alla persona quale può essere il percorso più idoneo e quali potrebbero essere i supporti e gli inerventi più specifici di cui avvalersi per attuare il diritto alla vita indipendente.

Vorremmo far parlare i ragazzi, i veri protagonisti del progetto! Cosa significa per loro poter vivere autonomamente?

Poter scegliere cosa fare durante la giornata, dove andare con gli amici, cosa mangiare, come organizzarsi per andare al lavoro, cose semplici ma che alla base hanno tutte una cosa: poter gestire il proprio spazio personale e il proprio tempo. Proprio come tutti noi. A volte completamente da soli, altre con il sostegno di un amico/a, un compagno/a o un/una professionista…Proprio come tutti noi.

E le famiglie come vivono l'inizio di questa grande avventura?

C’è molta attesa e fiducia nella possibilità dei propri figli di poter raggiungere una vita indipendente e attiva nella comunità, ma anche tanta paura. I pregiudizi e gli stereotipi della società sono ancora molto presenti, il contesto sociale non è sempre accogliente e inclusivo per le persone con disabilità intellettiva, il rischio di esclusione sociale è molto alto. Per un genitore la paura più grande è immaginare il figlio da solo una volta che il nucleo familiare di origine viene a mancare. 

Per questo diamo grande spazio agli interventi di promozione culturale e sensibilizzazione, la vera autonomia si raggiunge solo se inseriti in un rete sociale e affettiva supportiva.

Perché la scelta di svolgere una campagna di crowdfunding?

Per coinvolgere sempre di più la comunità in questi percorsi. 

Vorremmo che le persone con disabilità fossero sostenute da un numero sempre più ampio di cittadini, che credano in loro, li sostengano e siano parte attiva nella difesa dei loro diritti e nella costruzione del loro futuro.

Come avvenuto per tante minoranze, religiose, etniche ecc, la vera inclusione sociale, scolastica e lavorativa si è realizzata solo quando tutta la comunità ha preso coscienza della discriminazione in atto e si è battuta per loro.

Noi ci crediamo, ma abbiamo bisogno di tanti per continuare il cammino insieme!

Quali sono i punti di forza del vostro progetto e perché è importante sostenerlo?

La nostra è un’associazione ben radicata sul territorio e pertanto gode già del sostegno di altre realtà sociali, compresi i servizi sociali. Per esempio abbiamo una convenzione con il Comune di Torino proprio per sperimentare sempre più queste nuove forme di autonomia e vita indipendente.

Col tempo stiamo dimostrando, insieme a tante altre realtà come la nostra, che anche la persona con disabilità intellettiva può essere una risorsa per la comunità e non solo un costo socio-assistenziale.

Sostenere questa campagna vuol dire dare la possibilità a sempre più giovani adulti con S. di Down e disabilità intellettiva in generale di poter costruire il proprio progetto di vita e di essere cittadino attivo.

Scopri il progetto qui: https://www.eppela.com/it/proj...

Terminate questa frase:

L' Amore è... la possibilità di vivere a pieno la propria vita, da soli o con il compagno/a che ci si sceglie!

Articoli correlati

Facciamo un salto tra le notizie più cliccate.