Un laboratorio eno-gastronomico unico

Colto e Mangiato: una masterclass di cucina dalla Puglia a New York! 

25 feb 2020
0%

Colto & Mangiato a New York

Colto & Mangiato è una masterclass di cucina partecipata nata in Puglia, uno spazio nel quale ogni partecipante, cimentandosi nella nobile arte della cucina, riscopre che mangiare è un verbo che ne presuppone altri, ugualmente importanti, quali seminare, coltivare, raccogliere, preparare, condividere. 

Toni Augello, project manager di Colto e Mangiato, ci racconta come è nata e si è sviluppata l'idea e di come questo progetto sia pronto a sbarcare a New York!

Parlateci del vostro progetto, di cosa si tratta?

"Colto e mangiato" è una masterclass di cucina partecipata.

Lo chef guida i partecipanti alla preparazione dei piatti e contestualmente, anche grazie alla presenza di altri esperti, illustra l'importanza della cucina stagionale el'utilizzo di prodotti territoriali sia per esaltare i sapori delle nostre pietanze che per tutelare la nostra salute. 

Da dove nasce questa vostra passione per la cucina?

Per un pugliese, come per la stragrande maggioranza degli italiani, la cucina è il simbolo stesso della casa

Il luogo per eccellenza di convivialità e condivisione, oltre che fucina di ogni sorta di bontà. 

Questa passione nasce da quella fetta di pane e pomodoro che brillava di olio extravergine d'oliva. 

Preparata proprio lì dalle mani delicate della mamma o da quelle rugose della nonna, nelle sere d'estate. 

Un piatto semplice, che liberava nell'aria la fragranza dell'origano e ci sorprendeva per la sua genuina golosità. 

Negli anni abbiamo cercato di non smarrire quella meraviglia.

Cosa rende unico questo progetto?

Far vestire i "panni" dello chef ai partecipanti di "Colto e Mangiato" è il primo tuffo in questa esperienza. Poi il rito di "lavare le mani" inculcatoci dai nostri genitori, per sporcarcele nuovamente con uova, farina, olio. 

Il lancio in aria dei cappelli da chef, a fatiche ultimate. Infine la degustazione di quanto preparato con le proprie mani. 

Riscoprire la bellezza e la bontà nelle cose semplici, la tavola come luogo di incontro tra pianta e pietanza, produttori e consumatori, tra storie di vita diverse, ma legate da riti quotidiani indissolubili. 

Dalla Puglia a New York: c'è un Sud che si impegna al massimo e crede nei propri sogni contro tutte le avversità.

"Colto e mangiato" nasce a Tenuta Chianchito dall'incontro di due giovani (il project manager Toni Augello e lo chef Massimo Andrea Di Maggio) tra le tante attività culturali del più piccolo Laboratorio Urbano della Regione Puglia. 

Era il 2014, in piena primavera pugliese, una stagione in cui - tra le altre cose - ci hanno insegnato a mettere a valore e in rete quello che avevamo, piuttosto che lamentarci di quello che mancava. Di più, a vedere le lacune come spazi da riempire, opportunità da cogliere. 

Non è facile, ma hai il dovere di provarci, se vuoi esercitare il diritto di restare in quel posto meraviglioso che è casa nostra, il Sud.

Perché avete scelto il crowdfunding per finanziare il vostro progetto?

Il crowdfunding è molto più che una raccolta fondi per finanziare un progetto. 

Il crowdfunding è un prezioso mezzo per far conoscere una tua idea, un test per validarla. Scegliere di fare crowdfunding è quindi scegliere di sfidarsi, di confrontarsi con gli altri ed esser disposti ad accogliere anche le critiche, che ci aiutano a guardare le cose da angoli prospettici diversi. 

Il crowdfunding, insomma, è un laboratorio dove può succedere di tutto, ma in ogni caso ne esci arricchito.   

Articoli correlati

Facciamo un salto tra le notizie più cliccate.