Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Italia
Art, Publishing
Widget
Copy and paste the code below on your site or blog
Text copied
Shortlink
Text copied

Expo della dignità

«Expo della dignità» è un manuale d’azione per cambiare il pianeta,
scritto proiettandosi oltre Expo.

4,046€
134% of 3,000€
08 May 2015
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Expo della dignità

«Expo della dignità» è un manuale d’azione per cambiare il pianeta,
scritto proiettandosi oltre Expo.

4,046€
134% of 3,000€
08 May 2015
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Il libro

Expo sarà un grande evento e avrà un grande successo mediatico. Ma quale sarà - se ci sarà - il riscontro sulla nostra cultura, nei nostri territori, nei programmi politici, nelle azioni legislative e amministrative?

In «Expo delle dignità» raccogliamo una serie di contributi di qualità, ognuno dei quali costituisce un invito all’azione, che sia singola, collettiva, nelle istituzioni o nella società civile.

La dignità di tutti passa, in primo luogo, dalla lotta alla fame, da affrontare secondo molteplici angolature. Ci guideranno in questa prima tappa Davide Mattiello (deputato) e Marzo Omizzolo (sociologo), i quali disegnano un quadro desolante dello sfruttamento e del caporalato in Italia, Francesco Vignarca (Rete Disarmo), con un contributo sulla pace e sulle ragioni dei conflitti, Roberto Barbieri (OXFAM), che ragiona con noi sul rapporto tra disuguaglianza e accesso alla terra, Riccardo Finelli (giornalista), in viaggio tra le tante terre di mezzo della penisola, Gianni Principe (economista), il quale ha elaborato una proposta per l’introduzione rapida del reddito minimo garantito e, infine, Stefano Catone, in un dialogo con i volontari delle associazioni che si occupano di recupero alimentare.

La dignità, però, non può fare a meno di una gestione virtuosa delle risorse ambientali. In questa seconda tappa ci accompagneranno Gianluca Ruggieri (docente), descrivendoci le potenzialità di una politica energetica dal bassoPaolo Pileri (docente), sull’importanza del suolo anche e soprattutto a fini alimentari, Mirko Tutino (assessore a Reggio Emilia), delineando un nuovo modello di gestione dei beni comuni, l’amministrazione comunale di Desio, spiegandoci come stravolgere positivamente un piano urbanistico, e Tomaso Montanari, alla ricerca della cultura – grande assente di Expo, finora.

Il futuro è un’impresa, se l’impresa è quella giusta. Quella giusta come la As do mar di Vito Gulli – in un dialogo con Pippo Civati. Cosa c’entrano WhatsApp e la pesca ce lo racconta, infine, Paola Natalicchio, sindaco di Molfetta.

Il cambiamento, però, non arriva mai se non lo si immagina, e se non lo si applica. Le cose cambiano perché c’è qualcuno che le fa cambiare. Immaginazione e applicazione sono le due variabili dell’ultimo capitolo, dedicate all’Italia che potrà essere e all’Italia che già c’è. I contributi di Cristiano Bottone (Transition Town Italia) sulle città in transizione, di Daniel Tarozzi (Giornalista e scrittore) sulle buone pratiche, e di Michele Dotti (Ecofuturo) sulla necessità di riportare il tempo al centro dei nostri pensieri portano alle conclusioni di Marco Boschini (Associazione Comuni virtuosi).

La prefazione è a cura di Pippo Civati, interlocutore politico dei protagonisti dell’Expo che si svolge quotidianamente in tutta Italia.

 

Perché sostenerci

Perché la prossima pagina tocca scriverla a ciascuno di noi, partendo da quanto troverete nel libro.

Perché è una sfida editoriale. E perché ci aiuterete a diffondere un libro che popolare, ora, non può essere. Perché i temi trattati e le soluzioni offerte non sono popolari, soprattutto se paragonati alla muscolarità e alla velocità con cui si imporrà Expo.

Perché la pubblicazione non è a scopo di lucro, dato che tutti i ricavi saranno reinvestiti nella diffusione e nella discussione delle idee contenute nel libro.

Perché, infine, il cambiamento passa da ciascuno di noi.

 

 

LINK

[ciwati]
Blog • Facebook • Twitter • YouTube

È possibile
Blog

Stefano Catone
Blog

Marco Boschini
Blog • Facebook

 

1441648081082791 associazione possibile

Project created by

Associazione Possibile

Giuseppe Civati, deputato del Partito Democratico e fondatore dell'Associazione Possibile, si è fatto promotore di numerose iniziative leglislative in tema ambientale e sociale. 
Marco Boschini, autore di diverse pubblicazioni su come cambiare il Paese ("I rifiuti? Non esistono!" è il titolo dell'ultima), coordina l'associazione nazionale dei Comuni virtuosi. 
Stefano Catone, laureato in Scienze politiche, si è occupato di comunicazione in diverse forme. Attivista per il cambiamento possibile.

Follow us on

Italia