Loading pp black 533b87cfd338eef8adc058952b8f834fb495f7d439c68cc5c683336f8b4b639b
Civic

Widget

Copy and paste the code below on your site or blog
Text copied
Text copied

Mi curo di te

MI CURO DI TE: L’Associazione San Bassiano sostiene i pazienti oncologici tramite l’energia dei trattamenti olistici, come supporto alle terapie tradizionali.

1,939€
129% of 1,500€
04 May 2014
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Mi curo di te

MI CURO DI TE: L’Associazione San Bassiano sostiene i pazienti oncologici tramite l’energia dei trattamenti olistici, come supporto alle terapie tradizionali.

1,939€
129% of 1,500€
04 May 2014
Expired on
Successful

All or nothing This project will receive all funds raised
only if it reach it's goal.

Mi chiamo ELENA PASQUIN, psicologa e coordinatrice del Progetto MI CURO DI TE.

Il Progetto ha l’obiettivo di dare sostegno concreto ai pazienti oncologici dell’Associazione Oncologica San Bassiano – provincia di Vicenza.

Vi voglio spiegare perché abbiamo creato questo Progetto e in che modo ci potete aiutare a realizzarlo.

 

Cosa facciamo per i malati di tumore.

 

 

LINK

http://www.oncosanbassiano.it

https://www.facebook.com/AssociazioneOncologicaSanBassianoOnlus

https://www.facebook.com/VillaFreyaSimul

https://www.facebook.com/accatreo

Con i volontari dell’Associazione lavoriamo da alcuni anni a formare volontari oncologici da utilizzare per aiutare i malati di tumore, in particolare quelli anziani o soli. I nostri volontari non sono infermieri, ma persone animate da tanta buona volontà e da spirito di solidarietà, che supportano i pazienti, oltre che con il sorriso e una parola buona, anche con il disbrigo di tutte quelle incombenze pratiche che la malattia non permette loro di assolvere.

 

Con chi lavoriamo.

I nostri interlocutori primi sono i vertici dell’Azienda Sanitaria Locale n. 3 di Bassano del Grappa e Asiago e i responsabili del Distretto ospedaliero e del Nucleo di Cure Palliative della stessa Azienda. La nostra Associazione si confronta con la struttura del reparto di oncologia dell’ospedale San Bassiano, con i medici di base del territorio, con i sindaci e gli assistenti sociali al fine di raccogliere le istanze che provengono dai 28 Comuni dell’Asl 3.

Il nostro obiettivo: aiutare concretamente le persone malate e le loro famiglie.

Dal 2009 l’Associazione ha dedicato la propria attenzione al territorio su cui opera per garantire un sostegno ai pazienti malati di tumore, bisognosi di assistenza. Ogni anno realizziamo un corso di formazione per volontari, pronti a dedicare il proprio tempo libero a favore di persone che necessitino di un aiuto concreto, ma anche di una parola buona. Una parte dei volontari che escono dal corso, e che vengono seguiti da una psicologa, è disponibile anche, su richiesta del medico responsabile, a prestare la propria opera all’Hospice di Casa Gerosa e nel reparto di oncologia dell’ospedale San Bassiano di Bassano del Grappa.

Ora desideriamo offrire ai volontari una formazione qualificata in un nuovo ambito, che sta incontrando il favore di numerose strutture ospedaliere: il Reiki.

 

Perché il Progetto “MI CURO DI TE” è importante.

Avere cura di qualcuno significa esprimere l’amore con dei fatti concreti, donare il proprio tempo e la propria energia gratuitamente, senza attendersi nulla in cambio, rispettare l’altro, permettergli di operare le scelte consapevoli e di esercitare liberamente la propria cura e il proprio recupero.

Il Progetto MI CURO DI TE nasce con questi presupposti per dare supporto e sostegno alle persone che vivono il difficile confronto con una malattia, interpretata dal comune sentire come una condanna a morte.

La giornata dei nostri volontari è fatta di tanti momenti di condivisione del dolore e delle emozioni dei malati. Noi cerchiamo di trasformare positivamente queste emozioni, offrendo sostegno e creando piccoli momenti di benessere e attenzione. Oltre all’aiuto concreto ai pazienti nella fase acuta della malattia, sosteniamo il loro recupero con iniziative che coinvolgono le famiglie, per facilitare il ritorno a una vita normale: attività sportive, artistiche, passeggiate, tecniche di rilassamento; serate di informazione sulla sana alimentazione e corsi pratici ai fornelli.

Tra le pratiche che utilizziamo c’è il REIKI.

Numerose ricerche, tra cui quelle dell’American Cancer Society e dell’Ospedale San Carlo Borromeo di Milano, dimostrano che il Reiki è efficace nel trattamento di varie patologie e che i pazienti oncologici possono riceverne vantaggio e sollievo.

Reiki è efficace nella terapia del dolore (anche oncologico) nell’assistenza pre e post-operatoria, durante i trattamenti di chemio e radioterapia, nel malato oncologico avanzato e terminale e negli stati ansio-depressivi in genere.

Reiki stimola il sistema immunitario e attiva le difese naturali, allevia i sintomi fisici (percezione del dolore, mancanza di respiro, stanchezza e sfinimento, nausea) e psichici (ansia, insonnia, depressione) spesso presenti nel decorso della malattia oncologica.

Per questo teniamo al progetto: perché ci può permettere di portare il Reiki a un maggior numero di persone bisognose di sostegno.

Tu ci puoi aiutare a migliorare le giornate e la qualità della vita di queste persone!

 

Perché abbiamo scelto Eppela.

I nostri volontari oltre a donare il loro tempo e le loro energie ai malati e alle loro famiglie, si trovano spesso nella condizione di dover affrontare spese per l’aggiornamento e la formazione. Con questo progetto vogliamo sostenerli economicamente, finanziando al 100% una parte di trattamenti Reiki per i pazienti oncologici e finanziando al 50% i costi della formazione per i trattamenti ReiKi, che attualmente i volontari pagano di tasca propria.

Perché chiediamo aiuto proprio a te.

Ti auguro di non vivere mai l’esperienza di ammalarti di tumore o di avere persone care che si ammalano. Se però ti è accaduto so che sicuramente comprendi l’importanza di questo piccolo progetto, che ha l’obiettivo di portare un po’ di energia e di serenità nella vita di persone che stanno vivendo questa durissima prova.

L’esperienza del tumore è una vera e propria crisi, che coinvolge la persona in tutti gli ambiti della sua vita. L’energia della persona diminuisce e la sua forza vitale viene meno, rendendo ancora più difficile affrontare la malattia e ritrovare la salute.

Giorno dopo giorno, NOI viviamo accanto a queste persone che hanno visto la loro vita cambiare radicalmente, che si sono trovate di fronte a una realtà nella quale si sentono impotenti, fragili e indifesi. Li vediamo soffrire e combattere. Sappiamo che hanno bisogno di tutto l’aiuto che possiamo dare loro e cerchiamo di trovare sempre nuovi modi per sostenerli, attingendo alle risorse e alle tecniche che la scienza ci mette a disposizione.

Chiediamo aiuto proprio a te, perché forse hai avuto persone care che si sono ammalate, oppure conosci amici o colleghi di lavoro che vivono questa drammatica situazione. Forse ti sei sentito triste, disperato, arrabbiato e impotente ad aiutare le persone care in questi momenti.

Chiediamo aiuto proprio a te, perché anche tu – come noi - fai parte di un mondo in cui il desiderio spontaneo di aiutare gli altri e le azioni di sostegno a chi ha bisogno, migliorano la qualità della vita di tutti noi.

 

Cos’è il REIKI.

Reiki è un antico e semplice metodo di cura tramite i tocco delle mani, si ispira a un modello “naturale” e “olistico” di cura, nel quale la persona è vista come unità inscindibile di corpo, mente, spirito.

Si ispira anche al “modello energetico” ispirato alla fisica quantistica, che considera il corpo non solo nella sua materialità fisica o chimica, ma come “energia vitale”, che si esprime biologicamente, psichicamente/emotivamente e nel linguaggio/pensiero della nostra mente.

 

Il Reiki: l’esperienza dell’Ospedale San Carlo Borromeo di Milano e altri progetti.

In Italia il Reiki come aiuto per il trattamento di varie patologie, viene effettuato secondo il tariffario del S.S.N. al Centro di Medicina Psicosomatica dell'Ospedale San Carlo Borromeo di Milano e all'Ospedale Versilia dell'Azienda Sanitaria della Regione Toscana.

Segnaliamo inoltre la significativa esperienza del C.O.E.S. (Centro Oncologico Ematologico Subalpino) dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Ospedale Molinette. Qui, dal 2003, un progetto pilota sta svolgendo un’indagine, in collaborazione con il personale medico, sull’efficienza dei trattamenti Reiki nell’accompagnamento dei malati oncologici nel corso delle diverse fasi della malattia. Il paziente è seguito da un'equipe composta da un medico, uno psicologo, dal personale infermieristico, dagli operatori Reiki. Il progetto sta incontrando un vasto consenso fra i pazienti e dal 2005 i trattamenti di Reiki sono inseriti nella Guida ai servizi aziendali e territoriali COES e sul sito ufficiale reteoncologicapiemontese.it dell'Ospedale Molinette di Torino.

[Per approfondimento vedi Il Reiki nelle strutture sanitarie pubbliche in Italia – Fonte online http://www.vitareiki.it/ospedali.htm e Il Reiki nel servizio sanitario nazionale della dottoressa Silvia Cecchini, medico del Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Istituto Scientifico della Regione Toscana - Fonte online http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=print&sid=689]

 

Cosa ci proponiamo di fare e come lo faremo.

La formatrice Responsabile del Progetto è la dottoressa Lida Lodi Perry, psicologa, terapeuta, consulente supervisore della LEGA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI di Milano. Dal 1993 è Maestra REIKI del Sistema Usui Shiki Ryoho e membro del Consiglio Direttivo della Reiki Alliance dal 2007 al 2013.

Con Il Progetto MI CURO DI TE vogliamo:

- FINANZIARE AL 100% la Formazione di 15 volontari da maggio a luglio, praticando il trattamento ai pazienti individuati dai medici responsabili

- FINANZIARE AL 50% la formazione di 15 volontari da settembre a novembre, offrendo corsi REIKI di 3 incontri (uno al mese per 3 mesi) della durata di 3 giorni, da venerdì sera a domenica pomeriggio.

 

Chiediamo aiuto proprio a te perché vogliamo farti sentire che anche in momenti duri come la malattia grave, qualcosa si può fare.

Qualcosa di concreto, di pratico, di benefico.

 

Project created by

micurodite

I'm Elena Pasquin and I'm coordinator of the Project "Mi Curo di Te"

Follow us on